Albert Nobbs, l’arte del servire e la sublime Glenn Close

Esce domani l'innovativo dramma in costume di Rodrigo García con tre nominations agli Oscar. Straordinaria la coppia Close-McTeer ma notevole anche il lavoro di truccatori e scenografa.

Albert Nobbs, l'arte del servire e la sublime Glenn Close - albert nobbsBASE - Gay.it
3 min. di lettura

Albert Nobbs, l'arte del servire e la sublime Glenn Close - albert nobbsf1 - Gay.it

Il grandissimo David Foster Wallace, definito dal New York Times "la mente migliore della sua generazione", diceva che nella vita vince chi serve meglio. Impariamo, gente, impariamo da Glenn Close, maggiordomo ligio al dovere, ai vertici della sua capacità interpretativa nell’innovativo "Albert Nobbs", originale dramma in costume diretto da Rodrigo Garcia ("Le cose che so di lei"), in uscita domani nelle sale italiane grazie a Videa-CDE.
Il film è basato su un racconto dell’autore ottocentesco irlandese George Moore ed è stato adattato dalla stessa Glenn Close insieme all’ungherese Gabriella Prekop nonché a un conterraneo di Moore, lo stimato John Banville, ex critico letterario dell’Irish Times e Premio Grinzane Biamonti con "Il mare".

Albert Nobbs, l'arte del servire e la sublime Glenn Close - albert nobbsf2 - Gay.it

Un progetto molto caro alla Close, "Albert Nobbs", portato a teatro già trent’anni fa nella pièce off-Broadway del tunisino Simone Benmussa, vincitore di un Obie Award: "Credo che Albert sia un grande personaggio. La storia, in tutta la sua disarmante semplicità, è molto potente dal punto di vista emotivo […] Gli impiegati all’epoca non dovevano guardare nessuno negli occhi, e questa è una regola che lo favoriva. Ho dovuto imparare un certo portamento e a muovermi indossando pantaloni un po’ troppo lunghi e scarpe troppo grandi, ma la difficoltà maggiore è stata modulare la voce e il mio accento. […] La storia è semplice, ma tocca temi importanti per chiunque e tutti portano il proprio bagaglio di vita e ne escono arricchiti".

Albert Nobbs, l'arte del servire e la sublime Glenn Close - albert nobbsf3 - Gay.it

La vita di Albert Nobbs si dipana nell’elegante Morrison’s Hotel di Dublino a fine Ottocento. Il fedele cameriere conosce un’imbianchina anche lei gay e ‘mascherata’ da uomo, Hubert Page (la bravissima Janet McTeer, di cui su vede un bel nudo parziale). Alle loro vicende si intersecano quelle della cameriera Helen (Mia Wasikowska, l’Alice di Tim Burton) e del suo amato Joe (il bellissimo Aaron Johnson di "Nowhere Boy").
"La storia è ambientata alla fine dell’800 a Dublino" spiega il regista, figlio del leggendario Gabriel Garcìa Marquez. "Una città in cui, all’epoca, la povertà costituiva una minaccia tangibile. Era possibile ritrovarsi in mezzo alla strada nel giro di poche settimane, dopo aver perso un lavoro".

Albert Nobbs, l'arte del servire e la sublime Glenn Close - albert nobbsf4 - Gay.it

"Ma al di là del contesto – continua il regista – i temi della storia sono attuali: come si fa ad essere se stessi? Essere costretti a nascondersi e dover compiacere gli altri per sopravvivere, è un tema che ha una risonanza universale".
Tre le candidature agli Oscar: oltre a Glenn Close e Janet McTeer, sono candidati anche Corneville, Johnson e Mungle per il sofisticato make-up: non c’è un solo muscolo circumorale di Albert Nobbs in cui si percepisca anche minimamente il sottile cesello dei tre responsabili del trucco.
A corollario del cast, i fan dell’androgino Jonathan Rhys-Meyers ("Velvet Goldmine") potranno apprezzarlo nel ruolo del Visconte Yarrell, viveur e compagnone; occhio anche all’ottima irlandese Brenda Fricker (è la cuoca Polly), Premio Oscar per "Il mio piede sinistro", ultimamente in ombra.

Notevole anche il lavoro della scenografa Patrizia Von Brandenstein ("La febbre del sabato sera"), impeccabile nel ricreare un’atmosfera più che semplici arredi, per un salto indietro nel tempo che non sa di vecchio e stantio.
Si dice che l’assassino non è mai il maggiordomo: in questo caso Glenn Close uccide, in un colpo solo, il pregiudizio cardine sul lesbismo inteso come caricatura della mascolinità; il luogo comune che un cameriere è un servo muto e sciocco; la convinzione che nell’800 le lesbiche non esistessero, fossero storpiature innaturali, errori educativi, mostri da ingabbiare: e quindi, non vivessero le loro storie d’amore come tutti gli altri.
Da vedere prima possibile.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Tom Daley e Stefano Belotti

Chi è Stefano Belotti, il tuffatore azzurro che augura buon compleanno a Tom Daley

Lifestyle - Mandalina Di Biase 22.5.24
Roland Garros 2024 al via, ecco le tenniste dichiaratamente queer in corsa per l'Open di Francia - Roland Garros 2024 al via ecco le tenniste dichiaratamente queer in corsa per lOpen di Francia - Gay.it

Roland Garros 2024 al via, ecco le tenniste dichiaratamente queer in corsa per l’Open di Francia

Corpi - Redazione 27.5.24
Bingham Cup 2024, arriva a Roma il torneo internazionale di rugby inclusivo - In from the Side cover - Gay.it

Bingham Cup 2024, arriva a Roma il torneo internazionale di rugby inclusivo

Corpi - Federico Boni 20.5.24
“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Mahmood, Piper, Lamoglia, Ghali e altri - Specchio Specchio - Gay.it

“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Mahmood, Piper, Lamoglia, Ghali e altri

Culture - Redazione 23.5.24
BigMama date estive

BigMama parte per il “Pride Tour”: tutte le date per un’estate nel segno dell’orgoglio

Musica - Emanuele Corbo 24.5.24
Chi è Karla Sofía Gascón, prima attrice trans a trionfare a Cannes e presto in un film con Vladimir Luxuria - Karla Sofia Gascon 1 - Gay.it

Chi è Karla Sofía Gascón, prima attrice trans a trionfare a Cannes e presto in un film con Vladimir Luxuria

Cinema - Redazione 27.5.24

Leggere fa bene

Monkey Man e gli hijra, Dev Patel e il terzo genere indiano: "Un inno per i senza voce, gli emarginati" - dev - Gay.it

Monkey Man e gli hijra, Dev Patel e il terzo genere indiano: “Un inno per i senza voce, gli emarginati”

Cinema - Redazione 9.4.24
Challengers, recensione. Il travolgente ed eccitante triangolo omoerotico di Luca Guadagnino - TIRE TOWN STILLS PULL 230607 002 RC - Gay.it

Challengers, recensione. Il travolgente ed eccitante triangolo omoerotico di Luca Guadagnino

Cinema - Federico Boni 12.4.24
Cate Blanchett insieme a Coco Francini e la Dott.ssa Stacy L. Smith (Good Morning America)

Cate Blanchett a sostegno dellə cineastə donne, trans, e non binary

Cinema - Redazione Milano 19.12.23
"Estranei" - All of Us Strangers al cinema, ecco perché il film queer di Andrew Haigh è un capolavoro - 003 001 S 02013 - Gay.it

“Estranei” – All of Us Strangers al cinema, ecco perché il film queer di Andrew Haigh è un capolavoro

Cinema - Federico Boni 29.2.24
Lilly_wachowski_GLAAD_2016

Trash Mountain, Lilly Wachowski torna alla regia con un film queer

Cinema - Redazione 14.2.24
MAY DECEMBER (2023)

Tutti i traumi di May December: il controverso film con Julianne Moore e Natalie Portman

Cinema - Riccardo Conte 13.12.23
Close to You, recensione. Il ritorno di Elliot Page, tanto atteso quanto deludente - close to you 01 - Gay.it

Close to You, recensione. Il ritorno di Elliot Page, tanto atteso quanto deludente

Cinema - Federico Boni 19.4.24
Berlino 2024, tutti i film queer in corsa per il Teddy Award 2024 - Teddy Award 2024 film - Gay.it

Berlino 2024, tutti i film queer in corsa per il Teddy Award 2024

Cinema - Federico Boni 22.2.24