Eileen, il film con Anne Hathaway: tra ossessione e donne ‘disgustose’

Lo psychotriller tratto dal romanzo di Ottessa Mosfegh promette di disturbarci e liberarci dalla vergogna.

ascolta:
0:00
-
0:00
Anne Hathaway in Eileen (2023)
Anne Hathaway in Eileen (2023)
3 min. di lettura

Ua domanda che mi spaventa ma spesso torno a chiedermi: cosa ci fa sbroccare? Non solo perdere la pazienza, ma proprio cosa porta una persona a perdere il lume della ragione e impazzire?

What it takes to make someone snap?” se lo chiede anche Anne Hathaway, e proprio questo l’ha avvicinata alla sceneggiatura di Eileen, film in uscita oggi in tutte le sale americane (da noi è stato presentato al Festival del Cinema di Roma 2023, e purtroppo, toccherà aspettare il 4 Maggio 2024), che la vede protagonista insieme a Thomasin McKenzie.

Diretto da William Oldroyd e tratto dall’omonimo romanzo di Ottessa Mosfegh, il film ci immergerà negli anni ’60, attraverso gli occhi della Eileen protagonista (McKenzie). La ragazza ‘diversa’, che non pensa a fidanzarsi o mettersi le minigonne, vive con il padre alcolizzato, e lavora in un riformatorio per uomini. Quando conosce Rebecca (Hathaway), nuova psicologa del carcere, scatta qualcosa in lei: l’urgenza di sbocciare, di diventare qualcos’altro, di trasferire le sue ossessioni in quelle di un’altra donna.

Per chi non ha letto il libro (tipo me) tutto questo potrebbe significare niente: sappiamo solo che Eileen prende una piega intensa, imprevedibile, e anche pericolosa. Si tratta di un thriller, un dramma, o un coming of age? Trace Thurman su Letterboxd scrive: “the sapphic rom-com crime drama I never knew I needed”. Per Hathaway è un film su cosa ci triggera, su una collera che non sappiamo tenere a bada. Ma anche la storia di una ragazza che inizia a muovere i primi passi verso sé stessa, verso la vita che desidera, a tal punto da ritrovarsi a fare cose che non avrebbe mai immaginato prima.

Suo padre la definisce ‘qualcuno che le persone non notano: che rimane sullo sfondo senza neanche accorgertene’. Dietro l’apparente anonimato, si nasconde un mondo: disturbi alimentari, tendenze depressive, e una fantasia che la discosta dalla realtà, fino a scadere in pensieri ossessivi  e dipendenza dall’altro.

Oggi le diagnosticheremmo una personalità borderline, ma come scrive sul Guardian Ottessa Mosfegh (che ha collaborato anche alla sceneggiatura del film), la sua protagonista è una brillante giovane donna intrappolata nella misoginia di un paesino inglese del 1964, a solo qualche anno dalla rivoluzione sessuale dei primi anni ’70: “La negatività che prova per sé stessa e chiunque altro sembra giustificata” .

La scrittrice è famigliare con (anti)eroine femminili che sovvertono le aspettative di chi legge, tanto che quando nel 2015 il suo romanzo finì nella shortlist del premio Booker Prize, rimase sconvolta.

Perché buona parte delle recensioni, commenti, e interviste non si soffermavano tanto sulla storia, ma sulla ‘scomoda personalità’ della sua protagonista: “Chiunque voleva chiedermi per quale razza di ragione ho scritto una protagonista di genere femminile così “disgustosa“scrive l’autrice “Rispondevo onestamente: perché ho voluto scrivere di una donna così imperfetta? Proprio perché non riuscite a smettere di notare quanto lo sia”

Come spiega Mosfegh, sin dall’alba dei tempi una donna che prova disprezzo per sé stessa è un tabù.  Ricordo quando uscì Fleabag: prima che diventasse un fenomeno di culto,  la gente faticava a digerire il personaggio di Phoebe Waller Bridge. Il pubblico provava resistenza su una protagonista femminile non accomodante, spesso volgare, e poco in linea a quella corrente ’empowering’ che tanto piace al femminismo liberale.

Eileen, come queste ‘scomode protagoniste’, scappa dal lieto fine preconfezionato e mostra brutalmente tutto quello che prova.
Come scrive Mosfegh: “È un bellissimo dito medio allo stupido paternalismo e una lettera d’amore alla libertà”.

D’altra parte Rebecca è una proiezione, una fantasia a cui aggrapparsi e perdersi dentro: un’unione tra le protagoniste dei film di Alfred Hitchcock (lo stesso nome si rifa a Rebecca. La prima moglie) e l’enigmatica sensualità di Monica Vitti.

Eileen è stato definito un thriller saffico: non sappiamo se si tratta solo di una vaga sfumatura (in una scena del trailer Hathaway bacia McKenzie) e la stessa Mosfegh scrive di non aver mai pensato fosse una storia queer. Ma è un’interpretazione che accoglie volentieri, se permette alle protagoniste femminili di essere attratte l’una dall’altra, sottraendosi a qualunque aspettativa o proiezione esterna.

Che Dio perdoni una donna che dice liberamente come si sente su sé stessa. Se iniziassimo a farlo tutti, ad essere senza vergognaci, ci ritroveemmo a mettere in discussione tutto quello che la costa società ha costruito “scrive Mosfegh “Un’artista femminile e sicura di sé ci sciocca quanto una ragazza che si odora le ascelle, ed è altrettanto sgradevole”.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

John Cena è su Only Fans?

Ma John Cena è davvero su Only Fans?

Culture - Riccardo Conte 23.2.24
La storia di Radclyffe Hall: così fu censurato il primo romanzo lesbico della letteratura - Sessp 38 - Gay.it

La storia di Radclyffe Hall: così fu censurato il primo romanzo lesbico della letteratura

Culture - Federico Colombo 20.2.24
Sentenza Bari due mamme Gay.it

Tribunale di Roma, sì alla trascrizione del certificato estero con due mamme

News - Redazione 26.2.24
glaad-gaming-report

Il 17% dellǝ appassionatǝ di videogames è queer, ma l’industria ci rappresenta? Il rapporto di GLAAD

Culture - Francesca Di Feo 14.2.24
“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Mahmood, Evans, Keoghan, Bailey e altri - Specchio 8 - Gay.it

“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Mahmood, Evans, Keoghan, Bailey e altri

Culture - Redazione 23.2.24
@giorgiominisini_

Giorgio Minisini contro gli stereotipi: perché essere maschio alfa, quando puoi stare bene? – L’intervista

Corpi - Riccardo Conte 21.2.24

I nostri contenuti
sono diversi

Corea del Sud, Kim Kyu-jin prima storica donna dichiaratamente lesbica a partorire - Kim Kyu jin e Kim Sae yeon - Gay.it

Corea del Sud, Kim Kyu-jin prima storica donna dichiaratamente lesbica a partorire

News - Redazione 8.9.23
donna tramonto foto su licenza di Sasha Freemind per Unsplash

“L’ho abbandonato per salvarmi, e lui si è tolto la vita: intorno a me omertà”

News - Giuliano Federico 23.11.23
@mattheperson

Una chiacchierata con Matt Taylor, tra TikTok e queerness

Culture - Riccardo Conte 13.2.24
lady oscar genere non binario

Se oggi un millennial riguarda Lady Oscar, che fine fa quel buon padre che voleva un maschietto?

Culture - Emanuele Bero 28.11.23
Supereroe gay Northstar Marvel

Il primo supereroe gay, quando nel 1983 Northstar incontrò un suo ex

Culture - Francesca Di Feo 19.10.23
Carmen Madonia in 'Something You Said Last Night' (2022)

Something You Said Last Night, e la banale quotidianità di una millennial trans

Cinema - Riccardo Conte 6.1.24
Paola Cortellesi ospite speciale all'Università Luiss Guido Carlo di Roma (foto: LaRepubblica)

Il discorso di Paola Cortellesi contro gli stereotipi: “Biancaneve faceva da colf ai nani”

Culture - Redazione Milano 11.1.24
Michele Bravi

Michele Bravi canta un amore nero come l’odio

Musica - Riccardo Conte 2.11.23