The Visitor, recensione. Il Teorema politico, depravato e sovversivo di Bruce LaBruce

Un'opera dissacrante che fa politica attraverso la pornografia, prendendo a schiaffi la Gran Bretagna contemporanea omaggiando Pier Paolo Pasolini.

ascolta:
0:00
-
0:00
The Visitor, recensione. Il Teorema politico, depravato e sovversivo di Bruce LaBruce - OFF The Visitor 05 - Gay.it
3 min. di lettura

Dopo aver sconvolto il Festival di Berlino The Visitor di Bruce LaBruce ha travolto anche il Lovers Film Festival di Torino, presentandosi fuori Concorso con la sua dirompente ed eversiva potenza.

Ambientata nella Londra contemporanea, l’ultima provocazione cinematografica del 60enne artista, regista, scrittore, fotografo e sceneggiatore canadese, icona del cinema LGBTQIA+ internazionale, prende a schiaffi la Gran Bretagna e le sue politiche sull’immigrazione, omaggiando dichiaratamente Teorema di Pier Paolo Pasolini.

L’inizio della pellicola, a dir poco straniante e a tratti respingente, è da questo punto di vista emblematico. In vari punti di Londra vengono ritrovate misteriose valigie da cui fuoriescono uomini dall’aspetto identico, neri e senza vestiti, muscolosi e inquietanti. Nel frattempo un tappeto audio contrasta con le immagini, perché una voce furibonda vomita parole stracolme di odio nei confronti degli stranieri. Una voce reale, appartenente ad un politico di destra inglese, che LaBruce ha voluto inserire nel film dopo averla ascoltata in radio, sconvolto.

The Visitor, recensione. Il Teorema politico, depravato e sovversivo di Bruce LaBruce - OFF The Visitor 02 - Gay.itThe Visitor, recensione. Il Teorema politico, depravato e sovversivo di Bruce LaBruce - OFF The Visitor 06 - Gay.it

Tra questi immigrati ce n’è uno (Bishop Black) che emerge dalle acque del Tamigi. Completamente nudo, si veste con gli abiti di un senzatetto e arriva alla porta di una famiglia dell’alta borghesia. Qui fa la conoscenza della cameriera, che ha le apparenti sembianze di un uomo, e viene invitato a lavorare come domestico. Ben presto questo “Visitatore” farà sesso con ogni singolo abitante della casa. Il padre di famiglia, sua moglie, suo figlio, sua figlia, la stessa cameriera. Un alieno venuto da un altro mondo per colonizzare i colonizzatori, per seminare libertà sessuale, per spalancare gambe come frontiere, per dare slancio ad una rivoluzione queer che non contempli limiti e/o preconcetti, per dire basta al colonialismo, al capitalismo e a politiche estremiste, discriminatorie, oppressive.

The Visitor, recensione. Il Teorema politico, depravato e sovversivo di Bruce LaBruce - OFF The Visitor 01 - Gay.it

Bruce LaBruce rivisita, in chiave queer e post moderna, uno dei capolavori di PPP, con risultati psichedelici e pornografici, traghettandone la carica eversiva nel presente.

Una metafora esplicitata, quella dipinta da LaBruce, nei confronti di un Paese che ha chiuso le proprie frontiere, in trincea contro il “diverso”. Un’opera fieramente politica e volutamente dissacrante, in cui Bruce LaBruce fa Bruce LaBruce all’ennesima potenza, tornando al cinema dei suoi esordi, così esplicito e sovversivo. Perché in 100 minuti si vede di tutto.

Coprofagia (chiaro l’omaggio a Salò o le 120 giornate di Sodoma), incesto, blasfemia, bondage, sadomaso, soffocamento,  con orifizi in ogni modo violati. LaBruce fa politica attiva attraverso il lunguaggio del corpo e del porno, con lunghe scene di sesso che coinvolgono tutti i componenti della ricca famiglia, prima sedotta e poi seviziata dal Visitatore dagli occhi senza vita. Il padre fa prima sesso con sua figlia (che ha la barba) e poi con suo figlio, dopo aver ovviamente ceduto ogni buco su piazza al Visitatore senza nome, che fa crossdressing e bacia, lecca, penetra, riempie e soddisfa chiunque gli capiti a tiro. Tutto questo Bruce LaBruce lo mostra, senza remora alcuna, con eiaculazioni e peni in erezione, ani deflorati e vagine stimolate.

Tra split screen a colori, recitazione ai limiti del demenziale, cartelli fluo sparati su musica elettronica che sottolineano il senso della messa in scena e dialoghi ridotti all’osso, The Visitor, che alla lunga cede alla ridondanza e ad una certa prolissità narrativa, si presenta con coraggio e fierezza come opera carnale, installazione artistica allucinogena e ultra-punk, manifesto Queercore lontano da ogni contemporanea convenzione cinematografica, che attraverso il sesso senza freni e la liberazione queer indica l’unica salvifica via d’uscita ad un mondo segnato da xenofobia e omobitransfobia.

The Visitor, recensione. Il Teorema politico, depravato e sovversivo di Bruce LaBruce - OFF The Visitor 08 - Gay.it

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Bingham Cup 2024, arriva a Roma il torneo internazionale di rugby inclusivo - In from the Side cover - Gay.it

Bingham Cup 2024, arriva a Roma il torneo internazionale di rugby inclusivo

Corpi - Federico Boni 20.5.24
triptorelina-famiglie-incatenate-sede-aifa

Triptorelina, le famiglie si incatenano sotto la sede dell’AIFA per protestare il tavolo tecnico e la sua composizione

News - Francesca Di Feo 24.5.24
Nemo vincitore Eurovision 2024

Nemo dopo l’Eurovision vola alla conquista degli States, ma “The Code” (per ora) non fa il botto

Musica - Emanuele Corbo 20.5.24
“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Mahmood, Piper, Lamoglia, Ghali e altri - Specchio Specchio - Gay.it

“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Mahmood, Piper, Lamoglia, Ghali e altri

Culture - Redazione 23.5.24
Elezioni Europee e voto LGBTI+, guida alle candidature che aderiscono a #ComeOut4EU il programma di Ilga Europe - cover wp - Gay.it

Elezioni Europee e voto LGBTI+, guida alle candidature che aderiscono a #ComeOut4EU il programma di Ilga Europe

News - Lorenzo Ottanelli 20.5.24
Cannes 2024, Vivre, Mourir, Renaitre è il nuovo film queer di Gaël Morel con Victor Belmondo e Théo Christine (VIDEO) - Cannes 2024 Vivre Mourir Renaitre 3 - Gay.it

Cannes 2024, Vivre, Mourir, Renaitre è il nuovo film queer di Gaël Morel con Victor Belmondo e Théo Christine (VIDEO)

Cinema - Redazione 22.5.24

Hai già letto
queste storie?

barbie margot robbie

Margot Robbie, Barbie e gli Oscar 2024. Ecco le prime parole dell’attrice dopo le polemiche sulle mancate nomination

Cinema - Redazione 1.2.24
I film LGBTQIA+ della settimana 11 marzo/17 marzo tra tv generalista e streaming - film queer - Gay.it

I film LGBTQIA+ della settimana 11 marzo/17 marzo tra tv generalista e streaming

Culture - Federico Boni 11.3.24
Elliot Page: "Hollywood è tossica. La comunità LGBTQIA+ non è una nicchia" - close to you 01 - Gay.it

Elliot Page: “Hollywood è tossica. La comunità LGBTQIA+ non è una nicchia”

Cinema - Redazione 19.3.24
Parliamo di "Estranei" al Circolo Mario Mieli, un talk per il nuovo capolavoro di Andrew Haigh - Lipnotico bacio di Andrew Scott e Paul Mescal nella prima clip di All of Us Strangers Estranei. VIDEO - Gay.it

Parliamo di “Estranei” al Circolo Mario Mieli, un talk per il nuovo capolavoro di Andrew Haigh

Cinema - Redazione 4.3.24
Love Lies Bleeding, Katy O'Brian parla delle scene di sesso con Kristen Stewart - Love Lies Bleeding - Gay.it

Love Lies Bleeding, Katy O’Brian parla delle scene di sesso con Kristen Stewart

Cinema - Redazione 18.3.24
Riley, recensione. Essere un atleta gay. Il potente coming-of-age autobiografico di Benjamin Howard - OFF Riley 03 CourtesyofWindsorFilmCompany 1 - Gay.it

Riley, recensione. Essere un atleta gay. Il potente coming-of-age autobiografico di Benjamin Howard

Cinema - Federico Boni 20.4.24
Torino, in 20 aggrediscono la drag La Myss: "È stato di sicuro un attacco a sfondo omofobo" - la myss - Gay.it

Torino, in 20 aggrediscono la drag La Myss: “È stato di sicuro un attacco a sfondo omofobo”

News - Redazione 9.1.24
Ghostbusters: Minaccia Glaciale, un primo amore queer nel nuovo capitolo degli Acchiappafantasmi? - Ghostbusters Minaccia Glaciale - Gay.it

Ghostbusters: Minaccia Glaciale, un primo amore queer nel nuovo capitolo degli Acchiappafantasmi?

Cinema - Federico Boni 28.3.24