Andrea Faustini: “Quando dicevo: o sfondo o sprofondo!”

Il successo a metà, il nuovo disco, i talent, l'esperienza a Ballando con le Stelle, l'amore (forse) trovato, il bullismo e...i selfie con le Spice Girls.

Andrea Faustini: "Quando dicevo: o sfondo o sprofondo!" - faustini - Gay.it
5 min. di lettura

Pensi ad Andrea Faustini e ti chiedi: perché lui no e tutti gli altri sì? Poi, parlandoci, capisci subito che dietro quel no, non c’è nulla di più semplice di una scelta molto coraggiosa: la sua.

Per chi ancora non lo conoscesse, perché distratto dai talenti senza talento usciti, a loro volta, dai talent italiani, Andrea, nato a Roma nel 1994 e cresciuto a pane e Spice Girls, è stato la rivelazione indiscussa di XFactor UK 2014. Arrivò in finale piazzandosi al terzo posto, conquistando realmente tutti: dal temibile Simon Cowell all’esuberante Mel B, fino al mercato discografico più difficile di sempre. Dopo aver debuttato al quattordicesimo posto con l’album Kelly, Andrea è tornato in Italia e ha deciso di ricominciare da zero, ma senza più passare dal mondo patinato dei talent.

Nel 2015, a Vanity Fair, hai dichiarato a ridosso dell’uscita del tuo primo disco: “O sfondo o sprofondo!” Oggi a che punto sei?

Credo di essere a un buon punto e mi ritengo più che soddisfatto degli obiettivi raggiunti fino a questo momento. Negli anni ho visto molte persone sprofondare dopo i talent e non per quanto riguarda successo o fama, ma proprio perché hanno perso la strada e vissuto periodi davvero difficili. E, a dire il vero, era questo che mi faceva paura. Io, almeno fino ad ora, ho reagito bene alle difficoltà che ho trovato sul mio cammino e sono rimasto coerente a me stesso, e questo per me è un successo. 

Andrea Faustini: "Quando dicevo: o sfondo o sprofondo!" - ANDREA FAUSTINI - Gay.it

Si dice spesso, che i talent siano fabbriche d’illusioni. Tu hai mai vissuto quella fase una volta uscito dal programma tv?

Parto dal presupposto che i talent sono difficili o, quantomeno, è difficile il percorso che viene subito dopo. Io credo che molto dipenda dal modo in cui si affronta questa strada. Chi decide di partecipare a un talent lo fa consapevole degli aspetti positivi, ma anche dei rischi che questo comporta. Per quanto mi riguarda ho sempre cercato di mantenere i piedi per terra e le difficoltà, che indubbiamente ci sono, cerco di affrontarle in maniera lucida e senza mai scoraggiarmi.



Facciamo un passo indietro: perché un ragazzo di Roma, con un talento non indifferente, sceglie di cercare la sua fortuna ad XFactor UK e non in quello italiano?

La scelta fatta non fu una scelta molto ragionata! Fu anche un po’ ingenua visto che non avrei mai immaginato di ottenere i risultati che ho ottenuto quando mi sono messo in fila, alle 5 del mattino, per fare le audizioni a Londra. Scelsi la strada che in quel momento pensavo fosse la migliore per esprimere la mia personalità. 

Tornassi indietro sceglieresti ancora XFactor UK?

Probabilmente sì, ma rispondo basandomi, ovviamente, sull’esperienza che ho vissuto. È stato un periodo bellissimo, in cui ho fatto tante conoscenze che ancora mi porto dietro. Grazie a quell’esperienza sono cambiato tanto, soprattutto come persona. Ho conosciuto e parlato con persone, autori o cantanti, che tuttora sono sul mio iPod. Quindi se mi baso su tutto questo ti dico: sì, lo rifarei.

Andrea Faustini: "Quando dicevo: o sfondo o sprofondo!" - andrea faustini kelly cover - Gay.it

Com’è stato lavorare con Simon Cowell?

Very inspiring” come direbbero in Inghilterra. A parte gli scherzi, oltre la maschera del duro giudice televisivo, c’è ben altro. Cowell è un professionista che non lascia nulla al caso, che controlla ogni minimo dettaglio della macchina che lui stesso ha creato, ed è sempre presente alle prove e si occupa non solo dei ragazzi della sua categoria, ma anche di tutti gli altri. Questo gli fa onore. 

E una volta tornato nel Bel Paese non hai mai pensato di ripartire da 0, magari da un altro talent?

Dopo X Factor UK sono stato contattato dalle produzioni di qualche altro talent, chiedendomi di partecipare ai provini. Ho deciso di non accettare perché avevo affrontato poco prima un percorso molto simile e non credevo fosse la scelta più intelligente e giusta in quel momento. In futuro chissà! 

Piuttosto: perché sei tornato a vivere in Italia e non sei rimasto a Londra?

In realtà da Londra non me ne sono mai andato completamente, continuo molto spesso a fare avanti e indietro. Londra è la mia seconda casa e mi manca davvero tanto nei periodi in cui non ci sono. Vado di nuovo a fine maggio e non vedo l’ora.

Il tuo primo album Kelly non è stato distribuito in Italia. Come mai?

In realtà non è una cosa così strana, anzi. È una pratica abbastanza diffusa a livello discografico, specialmente quando si lancia un artista appena uscito da un talent. A meno tu non sia un colosso, come Ed Sheeran o Adele, si parte prima dalla distribuzione nel Paese dove è stato fatto il talent e poi, magari, si può pensare ad altro.

La tua coach era Mel B delle Spice Girls. Hai avuto modo di risentirla una volta finita l’edizione?

Certo, siamo spesso in contatto e l’ho rivista a Londra, qualche mese fa, a cena. Abbiamo instaurato un bel rapporto di amicizia. Lei è molto vera nei rapporti e questo mi piace molto. 

Andrea Faustini: "Quando dicevo: o sfondo o sprofondo!" - 2369B88B00000578 0 image 176 1416879626807 1 - Gay.it

Oggi che aspettative hai dal mondo della musica?

La mia aspettativa è quella di cantare, cantare, cantare. Perché è la cosa che mi fa stare meglio! 

Voci di corridoio dicono che tu sia in sala di registrazione. Prenderai in considerazione anche l’Italia, stavolta?

Esatto! Sono in un momento molto bello e stimolante di ricerca e creazione di pezzi che suonino giusti per me, spero li possiate sentire presto.

Andrea Faustini: "Quando dicevo: o sfondo o sprofondo!" - ANDREASANDREAS 11052015 0872 - Gay.it

Piuttosto, sei stato la voce di punta della nuova edizione di Ballando con le stelle. Accettare un lavoro come questo non è come fare una sorta di passo indietro?

La motivazione che mi ha spinto ad accettare la loro proposta è il fatto che il lavoro che mi veniva richiesto non era quello di corista, ma di cantante. Loro avevano esigenze di rendere la scelte musicali più moderne ed io sono stato chiamato proprio in funzione di questa necessità. Mi sono divertito e ho cantato pezzi fichi.

In passato hai più volte detto di essere sfigato in amore. Nel frattempo è cambiato qualcosa?

(ride, ndr) Work in progress! 

Hai raccontato anche del bullismo a scuola per la tua fisicità. Una volta raggiunta la popolarità, qualcuno si è più rifatto vivo?

Diciamo che è capitato che persone che prima neanche mi salutavano si siano fatte vive all’improvviso o che abbiano iniziato, dal nulla, a salutarmi. Io rispondo con un sorriso e un saluto, che non si negano mai a nessuno. O almeno così mi han sempre insegnato.

Parteciperai, all’evento benefico di fine Maggio, a Roma, organizzato da Roberto Baldelli per la ricerca sui tumori neuroendocrini.

Sì quando Fabio Canino mi ha raccontato dell’evento, e della causa importante per cui è stato organizzato, ho subito accettato. Venite a sentirci!

Andrea Faustini: "Quando dicevo: o sfondo o sprofondo!" - 18221684 1012425982226201 4719373990201155935 n - Gay.it

Buttiamola in caciara: tu che sei amico di Scary Spice pensi che ci sarà la possibilità di una nuova reunion?

Io me lo auguro vivamente, anche perché, in caso accadesse realmente, penso di aver diritto, come minimo, ad un pass per il backstage, no? Almeno per strappargli un selfie! 

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Lil Nas X: Long Live Montero, recensione. Essere icona queer, orgogliosa e rivoluzionaria - Lil Nas X - Gay.it

Lil Nas X: Long Live Montero, recensione. Essere icona queer, orgogliosa e rivoluzionaria

Cinema - Federico Boni 22.4.24
chat gay grindr

Grindr sotto accusa: avrebbe condiviso con terze parti lo status HIV di migliaia di utenti

News - Francesca Di Feo 22.4.24
Priscilla

Priscilla, 30 anni dopo arriva il sequel della Regina del Deserto

Cinema - Redazione 22.4.24
Consumo di contenuti p0rn0 con persone trans nel mondo - dati forniti da Pornhub

L’Italia è la nazione che guarda più p0rn0 con persone trans*

News - Redazione Milano 20.4.24
BigMama a Domenica In

BigMama: “Prima di Lodovica nascondevo la mia sessualità, non pensavo di meritare amore”

Musica - Emanuele Corbo 22.4.24
Omosessualità Animali Gay

Animali gay, smettiamola di citare l’omosessualità in natura come sostegno alle nostre battaglie

Culture - Emanuele Bero 18.4.24

Hai già letto
queste storie?

Maria De Filippi, Amici 23

Amici 23, le pagelle di Gay.it della quinta puntata del Serale

Culture - Luca Diana 21.4.24
xfactor morgan salute mentale

X-Factor, Morgan e la rappresentazione della salute mentale

Musica - Giuliano Federico 21.11.23
Maria Tomba, X Factor 2023

X Factor 2023, “Crush” di Maria Tomba è il nuovo inno queer: ascolta il brano e guarda il videoclip

Musica - Luca Diana 8.12.23
Maria De Filippi, Amici 23

Amici 23, le pagelle di Gay.it della prima puntata

Culture - Luca Diana 25.3.24
Guillermo Mariotto: "Picchiai i bulli che mi bersagliavano di insulti omofobi, mia nonna mi diceva "non sei sbagliato"" - Guillermo Mariotto - Gay.it

Guillermo Mariotto: “Picchiai i bulli che mi bersagliavano di insulti omofobi, mia nonna mi diceva “non sei sbagliato””

Culture - Redazione 16.11.23
Fabio Canino, Verissimo

Fabio Canino, il suo cuore batte per Emanuele: “A 58 anni ho conosciuto l’uomo della mia vita”

Culture - Luca Diana 16.3.24
L'insostenibile ipocrisia di X Factor che prima salva il "Morgan omofobo" per poi cacciare il Morgan che fa Morgan - Morgan - Gay.it

L’insostenibile ipocrisia di X Factor che prima salva il “Morgan omofobo” per poi cacciare il Morgan che fa Morgan

Culture - Federico Boni 21.11.23