Antologaia: inno alla gaya follia e agli anni della liberazione gay

Checche, sfrante e travestite: gli anni della visibilità nell'imperdibile libro di Porpora

Antologaia: inno alla gaya follia e agli anni della liberazione gay - antologaia recensione 1 - Gay.it
4 min. di lettura
Antologaia: inno alla gaya follia e agli anni della liberazione gay - antologaia recensione1 - Gay.it

Credete che dopo Erasmo da Rotterdam non sia più possibile scrivere un Elogio della Follia? Aprite un’altra finestra del vostro browser e ordinate subito l’ultima edizione di Antologaia di Porpora Marcasciano (Edizioni Alegre, 15 euro, 271 pp) e vi ricrederete.
Porpora, attivista storica del Movimento LGBT, reduce indenne dei favolosi anni ’70, fondatrice del MIT (Movimento di Identità Transessuale), ci ha regalato una rivisitazione della sua fatica autobiografica.
“Antologaia” è un inno alla gaya follia rivoluzionaria del post ’68, un trip di ricordi che conduce il lettore per mano, alla scoperta della propria identità storico-culturale: attraverso le sue esilaranti narrazioni, Porpora cerca di mettere in luce la contraddittoria realtà di quegli anni, composta da immensi e folli progetti rivoluzionari, che ha visto la gaya rivoluzione supportata e sopportata da una sinistra troppo spesso omofoba (soltanto fuori dalle lenzuola).

Antologaia: inno alla gaya follia e agli anni della liberazione gay - antologaia recensione2 - Gay.it

Antologaia, un vero e proprio copione teatrale, il copione di un’esistenza: una vita vissuta sempre come su un palcoscenico, fatta di maschere che cadono, di verità che si rivelano solo con lo scorrere del tempo scenico.
Come farsi sfuggire la possibilità di poter conoscere la Zanza o Valentina Sanna Cortese (il fu Marco Sanna)?
Sarete trascinati all’interno della liberazione (omo)sessuale, fatta di droghe, amori libertini, corpi liberi e dannatamente froci; checche, sfrante, travestite di ogni ordine e grado.
Sia chiaro per i bigotti: questa lettura provoca abbassamenti di testosterone e caduta di tutti gli schemi maschilisti.

Coraggio dunque, mio bel dottor Faust, il mantello è pronto per il volo; si parte per l’inconscio… (GEORG GRODDECK)

Antologaia: inno alla gaya follia e agli anni della liberazione gay - antologaia recensione3 - Gay.it

In Antologaia descrivi atmosfere quasi surreali: pensi che questi scenari di liberazione siano oggi impensabili? E Perché?
Siamo troppo calati nella storia presente, per riuscire ad esprimere un giudizio. Ma di pancia mi viene da dire che quello che viviamo non è un gran bel periodo. Non per essere nostalgici, né utopici, né idealisti o antagonisti. Se ne accorge anche un asino! Penso che quei deliri (così mi piace definirli) oggi sono o appaiono surreali. Bisogna leggere i tempi e capire dove ci troviamo. Quella era un’epoca votata e dedicata alla demolizione del vecchio e alla costruzione del nuovo, dove per nuovo si intendeva la nostra liberazione (gay, trans, femminista e altro ancora). Per la prima volta si usciva allo scoperto e ci si riprendeva tutto quanto ci era stato negato. Oggi sembrerebbe assurdo, ma era esattamente così… il gusto della conquista, della lotta, della sovversione… soprattutto della visibilità, mai pensata prima.

Ma c’è Zanza… Un personaggio che penetra nell’immaginazione di ogni lettore, antidoto perfetto contro il bigottismo di ritorno. Zanza, così come Mario Mieli, che da brava “pazza” si ingioiella come una statua della Madonna e si fa fotografare a Piazza S. Pietro. Cosa c’era di politico nell’ostentazione continua?

Antologaia: inno alla gaya follia e agli anni della liberazione gay - antologaia recensione4 - Gay.it

Dico subito che quando ho conosciuto Zanza, lei e Mario Mieli erano amiche.
Zanza (che si chiamava Enzo) arrivava dalle case occupate di Via Morigi a Milano, la prima occupazione gay, dove si sperimentavano autocoscienza, teatro e provocazioni; praticamente ci si preparava, o meglio, ci si imbellettava, per la rivoluzione. Quell’esperienza, quel modo di vivere e di vedere il mondo, non nasceva dal nulla, era il prodotto di una miscela culturale politica libertaria molto incandescente. Era supportata da studio, informazione, comunicazione, intelligenza, altrimenti sarebbe rimasta una semplice, misera e inutile moda. Eravamo figlie dei tempi, del 68, della resistenza, delle lotte… eravamo figlie del secolo breve! Ogni gesto, segno, personaggio era il prodotto di un senso profondo di liberazione. Cosa che oggi mi sembra, non solo assente, ma incomprensibile.

Droghe, autocoscienza, vita vissuta come un trip. Trip che non ha risparmiato nemmeno la spiritualità. Perché il lato spirituale è stato abbandonato? Ha a che fare con l’epidemia di HIV negli anni ’80?
Non credo che il problema riguardi solo noi LGBT, ma l’umanità in generale, svilita e derubata della sua dignità. Oggi vivo e viviamo in una grande melassa, dove tutto sembra conosciuto e conoscibile, tutto sembra scontato, tutto sembra inutile, tutto ci è dovuto e nulla dobbiamo conquistare: in questo trovo una caduta di felicità o, come la chiami tu, di spiritualità. Il trip era conoscenza, avventura, conquista, tutte cose che ci sono state sottratte, ma noi di questo non ne abbiamo coscienza. Proviamo a mettere insieme tutto questo e capiamo

Antologaia: inno alla gaya follia e agli anni della liberazione gay - antologaia recensione5 - Gay.it

anche la nostra povertà, che prima di essere economica è soprattutto intellettuale e anche spirituale. Dove per spirituale intendo semplicemente l’importanza della nostra vita, quella omosessuale/transessuale/lesbica. Di sicuro non abbiamo riflettuto abbastanza sull’AIDS e su tutto quello che ha significato e prodotto, questo per me è inaccettabile. È una sconfitta del Movimento!

Un aggettivo che ti rispecchia è “fluida”. Appari sempre in movimento, sempre in cambiamento, mai uguale a prima. Ti definisci a volte al maschile, a volte al femminile: identità di genere sempre mutevole?
La fluidità è la mia salvezza. Tutto quello che la retorica vetero/patriarcale ci ha trasmesso come limite, errore, scarto, peccato da me viene ribaltato e diventa pregio, valore, preziosità. Sarebbe importante, però, declinare tutto al plurale e non al singolare, quindi usare un “noi” collettivo. Quando Noi lo faremo tutte/i insieme, forse avremo vinto. La favolosa Sylvia Rivera in uno dei suoi discorsi più belli tenuto a Forte Prenestino nel 2000, ribadì che lei non era stata la “prima”, ma la seconda a lanciare la Cocktayl Molotow: non era importante stabilire chi fosse stata prima e chi la seconda a innescare la rivolta. Stonewalll fu accesa dal movimento … gli anni del collettivo e quindi della vittoria!

di Marco Mancini

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Agatha All Along, Joe Locke conferma che il suo personaggio è gay: "È tutto molto veritiero e positivo" - Agatha All Along - Gay.it

Agatha All Along, Joe Locke conferma che il suo personaggio è gay: “È tutto molto veritiero e positivo”

Serie Tv - Redazione 17.7.24
Discorso di Re Carlo terapie di conversione farmaci bloccanti

Gran Bretagna, Re Carlo “Divieto assoluto alle terapie di conversione incluse le persone trans”: il discorso scritto dai Laburisti vincitori alle elezioni

Corpi - Redazione Milano 17.7.24
La convention repubblicana di Milwaukee è diventata il "Super Bowl di Grindr" (VIDEO) - grindr repubblicani - Gay.it

La convention repubblicana di Milwaukee è diventata il “Super Bowl di Grindr” (VIDEO)

News - Federico Boni 19.7.24
Paola Turci e Francesca Pascale sarebbero in crisi

Paola Turci e Francesca Pascale hanno sciolto la loro unione civile

News - Redazione 18.7.24
Tale e Quale Show 2024, Carlo Conti svela il cast ufficiale. 11 protagonisti, alcuni molto poco conosciuti - Tale e Quale Show 2024 il cast - Gay.it

Tale e Quale Show 2024, Carlo Conti svela il cast ufficiale. 11 protagonisti, alcuni molto poco conosciuti

Culture - Redazione 18.7.24
B&B rifiuta coppia omosessuale a Busca in provincia di Cuneo

B&B di Busca che rifiuta omosessuali scovato da Gay.it: Booking.com non elimina l’annuncio, la titolare fornisce nuove versioni omofobe ai quotidiani

News - Giuliano Federico 16.7.24

Hai già letto
queste storie?

La bellezza liberatoria degli infiniti "Pride", per sempre e ovunque: storia visiva dell'orgoglio LGBTQIA+ - pride libro scripta maneant 3 - Gay.it

La bellezza liberatoria degli infiniti “Pride”, per sempre e ovunque: storia visiva dell’orgoglio LGBTQIA+

News - Francesca Di Feo 8.6.24
Harvey Milk

94 anni fa nasceva Harvey Milk, l’uomo che voleva “reclutarci tuttə”

News - Federico Boni 22.5.24
Omosessuali e Omocausto cancellati dal Ministero dell'Istruzione per la Giornata della Memoria - omocausto circolare ministero istruzione giornata memoria - Gay.it

Omosessuali e Omocausto cancellati dal Ministero dell’Istruzione per la Giornata della Memoria

News - Francesca Di Feo 25.1.24
Pride e ritorno alle origini LGBTIAQ+: 5 libri per capire chi siamo stati - Pride libri - Gay.it

Pride e ritorno alle origini LGBTIAQ+: 5 libri per capire chi siamo stati

Culture - Federico Colombo 11.6.24
Alessandro Magno, il docudrama Netflix sostiene la bisessualità del mitico re di Macedonia - Alessandro Magno - Gay.it

Alessandro Magno, il docudrama Netflix sostiene la bisessualità del mitico re di Macedonia

Serie Tv - Federico Boni 2.2.24
Sandra Milo, Icona eternamente Libera - Sandra Milo fotografata da Leandro Manuel Emede per Sette Corriere - Gay.it

Sandra Milo, Icona eternamente Libera

Culture - Federico Boni 29.1.24
Omosessuale- Oppressione e Liberazione

Perché leggere oggi “Omosessuale: Oppressione e Liberazione”, un classico della Gay Liberation, intervista a Lorenzo Bernini

Culture - Alessio Ponzio 4.4.24
New York, la fermata metro Christopher Street-Sheridan Square diventerà fermata Stonewall - Stonewall Inn - Gay.it

New York, la fermata metro Christopher Street-Sheridan Square diventerà fermata Stonewall

News - Redazione 11.6.24