Ariete: “Credo che l’omofobia sia una cosa ben radicata in Italia”

"Io, da ragazza che è sempre stata praticamente solo con ragazze, sono sempre stata rispettata, però allo stesso tempo penso che per un ragazzo sia molto più difficile".

ascolta:
0:00
-
0:00
Ariete: "Credo che l'omofobia sia una cosa ben radicata in Italia" - Ariete - Gay.it
3 min. di lettura

Da noi intervistata lo scorso maggio, Ariete tra poco più di un mese sarà al Festival di Sanremo, dopo essere letteralmente esplosa tanto in radio quanto in streaming, con un tour sold out e dichiarazioni mai banali, anche dal palco, e posizioni politiche nette contro Giorgia Meloni.

Ospite de La conferenza stampa, nuovo programma di RaiPlay a firma di Giovanni Benincasa, Arianna Del Giaccio, 20enne di Anzio, è tornata a parlare di omofobia e su quanto sia ancora complicato essere omosessuali oggi in Italia.

“Secondo me per prima cosa non bisognerebbe mai reputare difficile semplicemente vivere. È sicuramente difficile farsi capire dagli altri, credo che l’omofobia sia una cosa ben radicata in Italia e per quanto cerchiamo di fare passi avanti penso che essere gay in Italia sia difficile ma non penso che questo debba ostacolare mai qualcuno. Io, da ragazza che è sempre stata praticamente solo con ragazze, sono sempre stata rispettata, però allo stesso tempo penso che per un ragazzo sia molto più difficile e questo problema può partire dal maschilismo, dal patriarcato, ci sono centomila problemi radicati che rendono la sessualità di un ragazzo più difficile in generale rispetto a quella di una ragazza, nella maggior parte dei casi. Ma ormai ci sono così tanti modi di chiedere aiuto che sarebbe veramente stupido privarsi di essere sé stessi pur di piacere a Francesco che gioca a calcetto il venerdì sera”.

Ariete: "Credo che l'omofobia sia una cosa ben radicata in Italia" - Ariete 2 - Gay.it

Da sempre dichiaratamente lesbica, Ariete passerà a breve dalla cameretta all’Ariston. In pochi mesi la 20enne cantautrice laziale è diventata volto e voce di una generazione, senza subire contraccolpi emotivi.

Fortunatamente non l’ho accusato perché ho lavorato sempre e solo con persone di cui mi fido, che mi hanno sempre fatto sentire a casa e in famiglia. È stato sicuramente un impatto forte che tuttora non riesco a controllare. Penso che tutti abbiano delle passioni, la mia grande fortuna è stata che la mia passione è riuscita a diventare un lavoro dall’oggi al domani, è stato un allineamento di cose che mi ha portata ad arrivare dove sono ora, che secondo me non sono ancora da nessuna parte, è tutto appena iniziato. Penso che perdere tutto sia la cosa che temi di più. Non è proprio perdere il successo, i soldi, è proprio perdere lo scopo della tua vita: c’è la visione che il cantante o l’artista fa il lavoro dei suoi sogni e sta là a suonare tutto il giorno la chitarra, a cantare, a fare la bella vita e finisce là. Invece, come un direttore di banca che per avere il suo stipendio deve fare mille scartoffie e mille cose, un cantante per guadagnare e vivere bene deve fare tante cose messe insieme, e appena una di queste viene a mancare tu non solo perdi il lavoro, ma perdi il tuo più grande scopo di vita. Io non mi potrei mai immaginare a fare la direttrice di banca, perdere quello che ho si trascinerebbe via anche tutta la motivazione che ho adesso“.

Sul perché di un successo tanto improvviso e travolgente, Ariete si è data una possibile risposta.

“Ho la stessa età delle persone che mi vengono a vedere ai concerti, ho la stessa voglia di saltare, urlare a squarciagola che hanno loro, per quello coinvolgo molto il mio pubblico. Credo che un concerto sia un momento sacrosanto, dal momento in cui le mie canzoni le puoi ascoltare quando ti pare, io mi sento in dovere di doverti dare qualcosa in più. Nel mio piccolo cerco sempre di normalizzare il più possibile il grande distacco che tante volte si immagina ci sia tra artista e ascoltatore”.

Ariete, che ad un proprio concerto ha aiutato una fan a fare coming out con i propri genitori, sarà in gara al Festival di Sanremo da esordiente assoluta con il brano Mare di guai.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

I film LGBTQIA+ della settimana 10/16 giugno tra tv generalista e streaming - ilm queer - Gay.it

I film LGBTQIA+ della settimana 10/16 giugno tra tv generalista e streaming

Corpi - Federico Boni 10.6.24
Tormentoni Queer estate 2024

Estate 2024, quali sono i tormentoni queer? La playlist di Gay.it

Musica - Luca Diana 4.6.24
"C'è un attacco spietato e frontale alla comunità LGBTIAQ+", intervista al Torino Pride che scende in strada il 15 Giugno - Torino Pride 2023 - Gay.it

“C’è un attacco spietato e frontale alla comunità LGBTIAQ+”, intervista al Torino Pride che scende in strada il 15 Giugno

News - Francesca Di Feo 13.6.24
Mahmood RA TA TA - Il velo e anche la tuta sono del brand palestinese Trashy Clothing

Mahmood fa “RA TA TA” con un velo palestinese che ha un significato

Musica - Mandalina Di Biase 13.6.24
Mahmood Ra Ta Ta e marijuana

Mahmood RA TA TA, bimbi senza mamma, una faccia mulatta e la marjuana

Musica - Emanuele Corbo 14.6.24
Roma Pride, treno arcobaleno sotto attacco: "È rainbow washing", ma è davvero così? Abbiamo indagato - Roma ecco il primo treno metro rainbow con i colori della Pride Progress VIDEO 2 - Gay.it

Roma Pride, treno arcobaleno sotto attacco: “È rainbow washing”, ma è davvero così? Abbiamo indagato

News - Francesca Di Feo 14.6.24

Leggere fa bene

Immanuel Casto, dopo 30 sold out arriva il tour estivo XXL del monologo meta-comico "Non erano Battute" - IMMANUEL CASTO 1 - Gay.it

Immanuel Casto, dopo 30 sold out arriva il tour estivo XXL del monologo meta-comico “Non erano Battute”

Musica - Redazione 10.4.24
Tiziano Ferro cambia manager dopo 23 anni: "Ti auguro tutta la luce che ti meriti, e che io non ho più" - Tiziano Ferro - Gay.it

Tiziano Ferro cambia manager dopo 23 anni: “Ti auguro tutta la luce che ti meriti, e che io non ho più”

Musica - Redazione 8.1.24
@bigmamaalmic

BigMama pubblica il nuovo album “Sangue” e manda una frecciatina diabolica

Musica - Emanuele Corbo 7.3.24
Lance Bass degli NSYNC e il coming out: “Cambiò la mia carriera, nel bene e nel male” - Lance Bass foto cover - Gay.it

Lance Bass degli NSYNC e il coming out: “Cambiò la mia carriera, nel bene e nel male”

Culture - Redazione 7.3.24
Michele Bravi e la fake news sulla paternità: "Per un click alimentate cattiverie che fanno male alle famiglie" - Michele Bravi papa - Gay.it

Michele Bravi e la fake news sulla paternità: “Per un click alimentate cattiverie che fanno male alle famiglie”

News - Federico Boni 23.4.24
Lil Nas X: Long Live Montero, recensione. Essere icona queer, orgogliosa e rivoluzionaria - Lil Nas X - Gay.it

Lil Nas X: Long Live Montero, recensione. Essere icona queer, orgogliosa e rivoluzionaria

Cinema - Federico Boni 22.4.24
"Tu cosa vedi quando chiudi gli occhi" nuovo disco di Michele Bravi: "Con Mauro Balletti racconto la poesia della nudità" - 22Tu cosa vedi quando chiudi gli occhi22 nuovo disco di Michele Bravi cover - Gay.it

“Tu cosa vedi quando chiudi gli occhi” nuovo disco di Michele Bravi: “Con Mauro Balletti racconto la poesia della nudità”

Musica - Redazione 14.3.24
Troye Sivan in concerto

Troye Sivan fiero e sfacciato simula un rapporto orale nel nuovo tour

Musica - Emanuele Corbo 30.5.24