Istanbul Pride 2018, 1000 persone contro il divieto e i poliziotti: 11 le persone arrestate

di

Yuri Guaiana, senior campaigns manager di All Out, ci racconta l'Istanbul Pride 2018, ancora una volta macchiato dalla violenta polizia turca.

Istanbul Pride 2018Istanbul Pride 2018
Istanbul Pride 2018
Istanbul Pride 2018Istanbul Pride 2018
Istanbul Pride 2018
Istanbul Pride 2018
Istanbul Pride 2018
Istanbul Pride 2018Istanbul Pride 2018
Istanbul Pride 2018
Istanbul Pride 2018Istanbul Pride 2018
Istanbul Pride 2018
Istanbul Pride 2018Istanbul Pride 2018
Istanbul Pride 2018
Istanbul Pride 2018Istanbul Pride 2018
Istanbul Pride 2018
CONDIVIDI
172 Condivisioni Facebook 172 Twitter Google WhatsApp
2047 0

Per il 4° anno consecutivo l’Istanbul Pride è stato ufficialmente vietato dalle autorità.

Centinaia di poliziotti con idranti, cani e gas lacrimogeni hanno provato a frenare il migliaio di persone che hanno sfidato il divieto, venendo coraggiosamente allo scoperto per celebrare il Pride di Istanbul. Tra i tanti Yuri Guaiana, attivista LGBT lo scorso anno arrestato a Mosca mentre si stava recando alla procura generale per consegnare le firme raccolte dalla petizione contro il trattamento degli omosessuali in Cecenia.

Il Pride di Istanbul è stato vietato dal 2015 senza alcuna giustificazione legale. Le autorità hanno tirato in ballo questioni di “sicurezza e ordine pubblico”, quando in realtà stanno solo cercando di conculcare la democrazia e i diritti umani fondamentali alla libertà di espressione e di manifestare pacificamente“, sottolinea Yuri, costretto alla fuga insieme agli altri partecipanti quando la polizia ha iniziato a sparare lacrimogeni e proiettili di gomma contro quegli attivisti che stavano lasciando la piazza dove gli organizzatori avevano appena letto un comunicato.

Io ero proprio lì, con gli attivisti turchi. Fortunatamente, sono riuscito a mettermi in salvo, ma molti altri non sono stati altrettanto fortunati. Decine di attivisti sono stati picchiati, 11 arrestati e un attivista mi ha raccontato di essere stato aggresdito da ben 10 poliziotti con cani“, ha continuato Guaiana, che ha intervistato in diretta Facebook l’attivista Yasemin Öz, co-fondatrice di Kaos GL e un’attivista turca indpendente.

Abbiamo lavorato con i nostri partner turchi per anni e oggi ho potuto constatare di prima mano la loro forza e audacia senza fine“, ha concluso Yuri Guaiana, senior campaigns manager di All Out. “Il Pride è davvero un privilegio che troppi di noi danno per scontato. Dopo di oggi non potrò più pensare al Pride nello stesso modo di prima“.

Credits Foto: © All Out.




Leggi   Napoli Pride 2018, lo spot con le famiglie arcobaleno
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...