Blitz antidroga al Block. Arcigay valuta stop affiliazione

I carabinieri interrompono la serata al Block, storico punto di incontro gay di Padova. Trovate pastiglie di ecstasy, hashish, gbl e addirittura una siringa. Arcigay valuta di togliere la sua tessera

Blitz antidroga, sabato sera, al Block di Limena, Padova. I clienti sono stati colti di sorpresa da un’irruzione dei carabinieri che hanno fatto interrompere la musica e perquisito il locale. Oltre ad aver accertato la presenza di 1200 persone, ben 500 in più di quelle consentite dal piano di agibilità del locale, le forze dell’ordine hanno sequestrato pastiglie di ecstasy, hashish, cocaina, gbl e addirittura una siringa appena usata.

La droga è stata rinvenuta sul pavimento del locale, buttata per terra dai clienti al momento dell’irruzione. Uno di loro è stato invece trovato in possesso di 58 pastiglie di ecstasy ed è stato arrestato. Adesso i gestori rischiano la chiusura del locale

Anche Arcigay, al quale il Block è affiliato, ha espresso il proprio disappunto. Il presidente dell’Arcigay di Padova Claudio Malfitano e il presidente nazionale Paolo Patanè, in una nota si dicono pienamente dispooinibili a collaborare con le forze dell’ordine e valutano la revoca dell’affiliazione.

"Arcigay avvierà immediatamente una verifica interna sul circolo The Block di Limena (Pd), oggetto ieri notte di un controllo dei Nas dei Carabinieri". "Ci riserviamo di procedere con la sospensione cautelativa dell’affiliazione del circolo dall’elenco delle associazioni affiliate".

Ti suggeriamo anche  Philip Boots, Mister Rubber Italia 2015, ci apre le porte della realtà rubber in Italia