Foto

Associazioni LGBTQIA+ italiane in piazza per dire basta alla criminalizzazione degli attivisti russi

"Quello che sta succedendo in Russia può essere qualcosa che a piccoli passi può arrivare anche in Italia", l'allarme lanciato da Alessia Crocini, presidente di Famiglie Arcobaleno.

ascolta:
0:00
-
0:00
Associazioni LGBTQIA+ italiane in piazza per dire basta alla criminalizzazione degli attivisti russi - sit in Russia 8 - Gay.it
Associazioni LGBTQIA+ italiane in piazza per dire basta alla criminalizzazione degli attivisti russi
3 min. di lettura

Da ieri in Russia il cosiddetto “movimento LGBT internazionale” è ufficialmente considerato fuori legge: dopo la sentenza della Corte Suprema chiunque sia solo sospettato di aver messo piede in un ‘locale gay’ o di aver fatto parte di una qualche associazione potrà infatti essere arrestato e trattato da terrorista. La Russia di Vladimir Putin si è di fatto schierata con i 70 Stati che criminalizzano l’omosessualità nel mondo.

Per questo motivo nella giornata di ieri a Roma si è svolto nei pressi dell’Ambasciata russa il presidio di protesta a cui hanno aderito e partecipato le associazioni Gaynet, Agedo, Circolo di Cultura Omosessuale Mario Mieli, Rete Genitori Rainbow, Agapanto, Nudi, Famiglie Arcobaleno, Dì Gay Project, Plus Roma, Libellula, Arcigay Roma, ARCO, Certi Diritti, GayCenter, Gender X APS, Differenza Lesbica, oltre all’onorevole Laura Boldrini e Marilena Grassadonia, Coordinatrice dell’ufficio Lgbt+ di Roma Capitale.

Boldrini ha confermato l’impegno a difendere le tutele delle persone Lgbt+ richiedenti asilo in Italia, rilanciando la battaglia per rivedere il decreto Paesi sicuri, che attualmente include anche nazioni che puniscono l’omosessualità: “Dopo le leggi contro la cosiddetta propaganda Lgbt e la cancellazione delle persone trans a livello normativo, la persecuzione si sposta adesso dal pubblico al privato. Quando accaduto è un pericolosissimo precedente che dimostra la capacità dell’estremismo globale di far regredire i diritti delle persone Lgbtqia+”.

Mario Colamarino, presidente del Circolo di Cultura Omosessuale Mario Mieli, ha ricordato che “dobbiamo rifiutare e combattere la propaganda dell’odio volta a distruggere le nostre esistenze, con cui vengono giustificate persino delle guerre. In Italia purtroppo alcune forze politiche si sono accodate a questa retorica pericolosa che va contrastata giorno dopo giorno”.

Doveroso anche l’appello della piazza. A chi si schiera per la causa LGBT+ nel mondo sono richiesti fatti concreti: l’appello alle istituzioni è quello di favorire in tutti i modi l’accoglienza delle persone in fuga dalla Russia e di agevolare la tutela delle persone richiedenti asilo discriminate per orientamento sessuale e identità di genere nel loro Paese.

Dopo le leggi contro la cosiddetta “propaganda LGBT” e la cancellazione delle persone trans a livello normativo, la persecuzione russa si è ufficialmente spostata dal pubblico al privato. Questa sentenza rende infatti impossibile l’esistenza di qualsiasi club privato, come dimostra la chiusura dello storico ‘Central Station’ locale a San Pietroburgo.

Abbiamo portato in piazza lo slogan ‘Diritti per tutt3’, in italiano e in russo, in solidarietà a chi sta resistendo al regime di Putin, comprese le donne che protestano per la convocazione dei riservisti in guerra“, il commento di GayNet. “L’odio e la propaganda distruggono la democrazia, generano guerra e morte: rifiutiamo qualsiasi tipo di propaganda sui nostri corpi, sia per distruggere le nostre esistenze, sia per giustificare operazioni militari sbagliate, come sta accadendo a Gaza. A chi si schiera per la causa LGBT+ nel mondo chiediamo fatti concreti: l’appello alle nostre istituzioni è quello di favorire in tutti i modi l’accoglienza delle persone in fuga dalla Russia e di agevolare la tutela delle persone richiedenti asilo discriminate per orientamento sessuale e identità di genere nel loro Paese”.

Quello che sta succedendo in Russia può essere qualcosa che a piccoli passi può arrivare anche in Italia“, il commento di Alessia Crocini, presidente di Famiglie Arcobaleno. “In Ungheria e Polonia è già arrivata. Quando sentiamo dire che il problema è solo che i gay non devono adottare nè fare figli, se potessero ci metterebbero in galera anche solo perché esistiamo. Anche quei pochi diritti che abbiamo potrebbero essere cancellati in un niente. La Russia può essere uno specchio di quello che potrebbe accadere. Manteniamo alta la guardia”.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

The History of Sound, via alle riprese del film con Paul Mescal e Josh O’Connor innamorati - The History of Sound di Oliver Hermanus - Gay.it

The History of Sound, via alle riprese del film con Paul Mescal e Josh O’Connor innamorati

Cinema - Redazione 29.2.24
Francesco Panarella

Francesco Panarella e il morbo di Kienbock: “Recitare mi ha salvato la testa”

Culture - Luca Diana 28.2.24
stati-uniti-transfobia-omofobia-antisemitismo-e-suprematismo-bianco-dilagano-nelle-fila-del-partito-repubblicano (2)

Stati Uniti: transfobia, omofobia, antisemitismo e suprematismo bianco dilagano nel Partito Repubblicano

News - Francesca Di Feo 1.3.24
Federico Massaro, Grande Fratello

Grande Fratello, il messaggio di Federico Massaro per il fratello transgender

Culture - Luca Diana 29.2.24
Mary & George, Oliver Hermanus e le scene di sesso gay: "Orge difficili da coreografare, le volevo autentiche" - Mary e George cover - Gay.it

Mary & George, Oliver Hermanus e le scene di sesso gay: “Orge difficili da coreografare, le volevo autentiche”

Serie Tv - Federico Boni 1.3.24
Cannes 2024, Xavier Dolan presidente di giuria Un Certain Regard - Xavier Dolan - Gay.it

Cannes 2024, Xavier Dolan presidente di giuria Un Certain Regard

News - Federico Boni 1.3.24

Continua a leggere

Thailandia, parlamento approva quasi all'unanimità 4 progetti di legge sul matrimonio egualitario - Thailandia parlamento 3 - Gay.it

Thailandia, parlamento approva quasi all’unanimità 4 progetti di legge sul matrimonio egualitario

News - Redazione 22.12.23
grecia-stefanos-kasselakis

Grecia: Stefanos Kasselakis apertamente gay anticapitalista ed ex Goldman Sachs alla guida della sinistra radicale

News - Francesca Di Feo 25.9.23
Chi è Mike Johnson, il nuovo speaker della Camera Usa che voleva bandire il sesso gay - Mike Johnson 2 - Gay.it

Chi è Mike Johnson, il nuovo speaker della Camera Usa che voleva bandire il sesso gay

News - Federico Boni 27.10.23
Ron DeSantis vuole portare la sua incostituzionale legge contro le drag alla Corte Suprema degli Stati Uniti - Ron DeSantis 2 - Gay.it

Ron DeSantis vuole portare la sua incostituzionale legge contro le drag alla Corte Suprema degli Stati Uniti

News - Federico Boni 26.10.23
Dopo i fuorionda di Striscia la Notizia Giorgia Meloni lascia Andrea Giambruno: "La nostra relazione finisce qui" - Giorgia Meloni e Andrea Giambruno 2 - Gay.it

Dopo i fuorionda di Striscia la Notizia Giorgia Meloni lascia Andrea Giambruno: “La nostra relazione finisce qui”

News - Federico Boni 20.10.23
Fedez in lacrime al governo Meloni: "La salute mentale è un'emergenza, non tagliate il bonus psicologo" - VIDEO - fedez - Gay.it

Fedez in lacrime al governo Meloni: “La salute mentale è un’emergenza, non tagliate il bonus psicologo” – VIDEO

Corpi - Redazione 30.10.23
romania-unioni-civili

Romania in ritardo sul riconoscimento delle coppie omo, cresce l’estrema destra: l’allarme dellə attivistə

News - Francesca Di Feo 18.12.23
elezioni-indonesia-2024

Indonesia, estrema destra anti-LGBTI+ verso la vittoria, chi è Prabowo Subianto leader di Gerindra

News - Francesca Di Feo 16.2.24