Il sindaco che vuole mettere la tassa sui gay

La proposta di un sindaco del vicentino. “Arcigay: “Tassiamo le stupidaggini dei sindaci”.

Una tassa sugli omosessuali. È l’incredibile proposta del sindaco di Albettone, comune in provincia di Vicenza. Joe Formaggio, eletto con il centrodestra, ha dichiarato ieri: “Vedrei bene una tassa sugli omosessuali, in quanto non potendo procreare non faranno figli e allora mi chiedo: Chi porterà avanti la nazione?”.

Uno schiaffo non solo alle persone lgbt, ma anche ai tanti figli delle coppie gay e lesbiche.

Ma Formaggio non è nuovo ad esternazioni discutibili. Si tratta, infatti, dello stesso sindaco che aveva dichiarato fieramente di dormire “col fucile sotto al cuscino” e che ha affisso cartelli di “divieto ai nomadi” nel suo comune.

“Mr. Formaggio dimentica che in Italia già molte coppie omosessuali hanno figli, così come esistono molto coppie eterosessuali senza prole – commenta Mattia Stella, presidente di Arcigay Vicenza -. Dovremmo quindi tassare tutti? Gli omosessuali nel nostro paese pagano le tasse, lavorano e contribuiscono alla crescita del PIL come tutti gli altri, ma con un terzo dei diritti rispetto ai cittadini eterosessuali”.

“Sarebbe buona cosa cominciare a multare alcuni sindaci ogni volta che si lasciano andare in sciocche polemiche – conclude Stella -, ecco che in questo modo avremmo risollevato le sorti del nostro paese!”

LEGGI ANCHE

Storie

Svezia respinge la richiesta di asilo politico: il caso di...

Il suo caso ha dimostrato la vicinanza di molti utenti tramite i social, e di qualche politico.

di Alessandro Bovo | 19 Febbraio 2019

Storie

Omofobia: Radio Globo denuncia Fabrizio Marrazzo per diffamazione

"I nostri speaker sono liberi di esprimere ciò che sentono, senza alcun condizionamento editoriale", spiegano nel comunicato dalla Radio.

di Alessandro Bovo | 19 Febbraio 2019

Storie

La Svezia non concede l’asilo, 19enne gay rischia di tornare...

Se in Iran scoprissero che è gay e cristiano, Mehdi potrebbe essere condannato a morte.

di Alessandro Bovo | 18 Febbraio 2019