Inscenano nozze gay alla Mecca: identificati e arrestati

Nessuno sconto dalle autorità saudite: la casa di Allah e dell’Islam è stata profanata?

Hanno inscenato delle nozze gay alla Mecca, casa di Allah e dell’Islam, scatenando le ire delle autorità saudite: la notizia arriva dal sito saudista sabq.org.

La Mecca, meta di pellegrinaggio da tutto il mondo, è diventata negli scorsi giorni casa di un matrimonio gay un po’ speciale. In un brevissimo video diffuso dal sopracitato sito si vedono i presunti sposi, attorniati da altri giovani, mentre camminano coperti da un ombrello e mentre sorreggono un mazzo di fiori. Il luogo? Un punto di ristoro nella zona di Al Arathiat.

La segnalazione dell’episodio sarebbe giunta da un cittadino che era stato invitato a prendere parte a quella festa privata. Sabq.org, a ogni modo, riferisce dell’identificazione e dell’arresto di tutti i protagonisti. Un portavoce della polizia racconta: “L’uomo si è detto scioccato nel vedere l’ingresso di alcuni giovani, uno di loro vestito da donna, in una surreale rappresentazione di un matrimonio gay”. In attesa di completare le procedure legali nei loro confronti, i giovani sono stati rinviati a giudizio.

Ti suggeriamo anche  Cuba, dopo l'addio dei Castro si avvicina il matrimonio egualitario