In duecento abbandonano la scuola per protesta contro la ragazza trans

Lila, 17 anni, chiede di usare i bagni delle ragazze, ma i compagni lasciano la scuola

Per protesta contro la compagna di scuola trans, duecento studenti abbandonano la scuola. È successo alla Hillsboro High School, nel Missouri, dove Lila Perry, 17 anni, ha chiesto di usare gli spogliatoi e i bagni delle ragazze dato che ha intrapreso il percorso di transizione da maschio a femmina e si sente donna dall’età di 13 anni.

La ragazza aveva fatto coming out lo scorso anno e per il resto dell’anno scolastico aveva usato gli spogliatoi unisex. Da quest’anno, però, ha chiesto di usare quelli delle ragazze. Lo scorso lunedì, i suoi compagni di scuola hanno abbandonato l’edificio in segno di protesta mentre la ragazza era chiusa in presidenza, pare per proteggerla.

In mezzo a chi protestava contro la Lila, c’erano anche altri studenti, della Gay Straight Alliance, che però volevano manifestare la loro vicinanza alla compagna.

Il preside Aaron D. Cornman ha diffuso un comunicato in cui spiega che l’istituto “rispetta i diritti di tutti gli studenti e apprezza che gli studenti che stiamo educando vogliono manifestare il loro sistema di valori e supportare la loro causa attraverso la libertà di parola”.

Il comunicato continua spiegando che il distretto scolastico accetta gli studenti “a prescindere dalla loro razza, dalla nazionalità/etnia, dal genere e dall’orientamento sessuale. Promuoviamo la tolleranza e l’accettazione di tutti gli studenti che frequentano le nostre scuole e non tolleriamo comportamenti di bullismo di nessun tipo”. Due ore dopo, gli studenti sono tornati nell’istituto.

Lila Perry ha dichiarato ai giornalisti: “Non stavo facendo male a nessuno, non volevo sentirmi segregata. Sono una ragazza, non voglio usare i bagni neutri”.

(via PinkNews)

LEGGI ANCHE

Storie

Svezia respinge la richiesta di asilo politico: il caso di...

Il suo caso ha dimostrato la vicinanza di molti utenti tramite i social, e di qualche politico.

di Alessandro Bovo | 19 Febbraio 2019

Storie

Omofobia: Radio Globo denuncia Fabrizio Marrazzo per diffamazione

"I nostri speaker sono liberi di esprimere ciò che sentono, senza alcun condizionamento editoriale", spiegano nel comunicato dalla Radio.

di Alessandro Bovo | 19 Febbraio 2019

Storie

La Svezia non concede l’asilo, 19enne gay rischia di tornare...

Se in Iran scoprissero che è gay e cristiano, Mehdi potrebbe essere condannato a morte.

di Alessandro Bovo | 18 Febbraio 2019