Vertice Italia-Africa e Piano Mattei: il Governo Meloni stringe accordi con 23 paesi che criminalizzano l’omosessualità

Al summit presenti anche capi di stato e ministri dall'Uganda, paese che ha recentemente istituito la pena di morte per il reato di "omosessualità aggravata".

ascolta:
0:00
-
0:00
cover-meloni-africa
3 min. di lettura

A maggio dell’anno scorso, il Senato approvava all’unanimità una mozione per impegnare il governo a lavorare per la depenalizzazione globale dell’omosessualità, ancora oggi illegale in circa 70 Paesi del mondo.

È stato però chiaro fin da subito che questa apparente promessa di non belligeranza – anzi, di sostegno e alleanza – nei confronti della comunità LGBTQIA+ non sarebbe stata mantenuta da un governo che aveva già precedentemente intrapreso una spietata crociata ideologica contro famiglie arcobaleno e – successivamente – carriere alias nelle scuole.

Quindi non c’è da stupirsi se oggi Giorgia Meloni posa sorridente insieme ad esponenti dei governi di ventitré paesi che ancora criminalizzano l’omosessualità – qualcuno con la pena di morte – al vertice Italia-Africa in svolgimento in queste ore.

Vertice Italia-Africa e Piano Mattei: il Governo Meloni stringe accordi con 23 paesi che criminalizzano l'omosessualità - vertice italia africa foto di famiglia - Gay.it
Vertice Italia-Africa – Foto di RaiNews.it

Il vertice affronta lo strombazzato Piano Mattei, ambizioso progetto da 5,5 miliardi di euro volto a stabilizzare economicamente i paesi africani coinvolti, con il duplice scopo di favorire lo sviluppo locale e di contenere i flussi migratori verso l’Europa.

Un obiettivo nobile sulla carta, a lungo posticipato da un Occidente che per secoli ha considerato l’Africa come inesauribile serbatoio di risorse, trascurando le devastanti conseguenze sulle terre sfruttate e sulle popolazioni indigene, che spesso continuano a vivere in condizioni di estrema difficoltà.

Tuttavia, risulta evidente l’omissione di un’attenzione specifica alla questione LGBTQIA+ sia nell’agenda dei lavori sia nelle dichiarazioni dei politici e degli esperti intervenuti.

Tale mancanza si rivela particolarmente grave considerando che il rispetto dei diritti umani dovrebbe costituire il fulcro e il criterio fondamentale nella definizione di accordi di cooperazione, specialmente con quei paesi che, negli ultimi anni, hanno registrato un preoccupante deterioramento delle condizioni di vita delle minoranze sessuali – che costituiscono una parte dei richiedenti asilo nel nostro paese.

Un approccio disattento e, secondo Hilaire Kamga, giurista camerunense, il fulcro del problema nei rapporti tra Africa e occidente.

“Il sostegno dell’occidente alla società civile in Africa è limitato e non sufficientemente incisivo. Gli investimenti in questo ambito rappresentano meno del 10% del sostegno totale dell’UE in Africa, con una priorità data a settori come l’ambiente, l’istruzione e la salute. È necessario invece un approccio trasversale, basato sui diritti umani, anche per ottenere risultati significativi in questi settori”.

Eppure, la stessa Ursula von der Layen, sempre più vicina alla premier soprattutto sui dossier legati all’immigrazione e alla cooperazione con i Paesi africani, sembra non preoccuparsi più troppo delle implicazioni etiche nel chiudere ingenti accordi con paesi non allineati con la visione UE in ambito di non-discriminazione, inclusione e salvaguardia dei diritti e della dignità dell’essere umano.

Va infatti sottolineato che, negli anni recenti, numerosi paesi africani hanno intensificato le proprie leggi anti-LGBTQIA+, scatenando una persecuzione sistematica che coinvolge, tra gli altri, Uganda, Burundi, Kenya e Senegal. Ministri e capi di stato di questi paesi, proprio oggi, stringono la mano ai rappresentanti del nostro governo. Ma perché dovremmo preoccuparcene?

La situazione dei diritti umani ed LGBTQIA+ in Africa

Secondo l’ultimo rapporto di Amnesty International – che analizza la situazione dei diritti umani in quattordici paesi africani – la comunità LGBTQIA+ africana si starebbe “avviando all’estinzione”.

Ben 31 paesi del blocco persistono nel criminalizzare non solo l’omosessualità, ma anche tutto ciò che si discosta dall’eterocisnormatività – in un ritorno alla “tradizione” che sarebbe il traino verso la riconquista della sovranità africana in sfida alle imposizioni occidentali.

Quando istituzioni come la Banca Mondiale, il Fondo Monetario Internazionale e la Banca Europea degli Investimenti, decidono di ritirare i loro finanziamenti all’Uganda in segno di protesta, le società africane interpretano infatti queste azioni come un tentativo dell’Occidente di esercitare un nuovo tipo di colonialismo, un tentativo di imporre la loro superiorità economica per promuovere un cambiamento culturale che le teocrazie islamiste vedono come degenerativo e decadente.

Ed è proprio da questo cortocircuito che si inaspriscono le già draconiane leggi ugandesi, che prevedono la pena di morte per “atti omosessuali” mentre gli attivisti vengono accoltellati per strada in pieno giorno, ed è così che capi di stato africani filorussi corteggiano i BRICS, più allineati con le loro visioni estremiste.

Parallelamente, la Russia ha di fatto intensificato la sua influenza in Africa, anche attraverso campagne di disinformazione mirate a condizionare gli apparati democratici dei singoli Paesi africani.

È però realmente giunto il momento in cui l’Italia, pilastro fondamentale dell’Unione Europea e custode dei suoi valori essenziali (anche ma non solo in ambito di inclusione e rispetto verso le minoranze), si pieghi a rinunciare a questi principi per intraprendere accordi superficiali, focalizzati solo sul trattamento dei sintomi e non delle cause?

La scelta di ridurre l’Africa a un semplice token economico anziché riconoscerla come un partner eguale, con cui sviluppare un dialogo bilaterale e costruttivo che superi gli interessi economici di breve termine, è l’unica rimasta?

 

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Kit Connor di Heartstopper sarà Hulkling, supereroe gay, nel Marvel Cinematic Universe? - Kit Connor di Heartstopper sara Hulkling supereroe gay nel Marvel Cinematic Universe - Gay.it

Kit Connor di Heartstopper sarà Hulkling, supereroe gay, nel Marvel Cinematic Universe?

Culture - Redazione 17.7.24
Omar Rudberg, la "salatissima" vacanza social della star di Young Royals - Omar Rudberg 0 - Gay.it

Omar Rudberg, la “salatissima” vacanza social della star di Young Royals

Culture - Redazione 17.7.24
Rocco Barocco attacca il Pride

Rocco Barocco, lo stilista apertamente gay attacca il Pride

News - Mandalina Di Biase 17.7.24
Agatha All Along, Joe Locke conferma che il suo personaggio è gay: "È tutto molto veritiero e positivo" - Agatha All Along - Gay.it

Agatha All Along, Joe Locke conferma che il suo personaggio è gay: “È tutto molto veritiero e positivo”

Serie Tv - Redazione 17.7.24
Emmy 2024, tutte le nomination. Boom di candidature LGBTQIA+, storica Nava Mau - emmy 2024 cover - Gay.it

Emmy 2024, tutte le nomination. Boom di candidature LGBTQIA+, storica Nava Mau

Culture - Federico Boni 18.7.24
Queer Lion, tutti i vincitori del Leone LGBTQIA+ aspettando Venezia 2024 - queer lion story - Gay.it

Queer Lion, tutti i vincitori del Leone LGBTQIA+ aspettando Venezia 2024

Cinema - Federico Boni 12.7.24

Leggere fa bene

Caitlyn Jenner sostiene ancora Donald Trump e dispensa ancora transfobia - Caitlyn Jenner - Gay.it

Caitlyn Jenner sostiene ancora Donald Trump e dispensa ancora transfobia

News - Redazione 19.3.24
Alleanza Verdi e Sinistra, exploit alle elezioni europee. Boom tra i giovani, eletti Ilaria Salis e Mimmo Lucano - Marilena Grassadonia Nicola Fratoianni e Mario Colamarino alla Pride Croisette di Roma - Gay.it

Alleanza Verdi e Sinistra, exploit alle elezioni europee. Boom tra i giovani, eletti Ilaria Salis e Mimmo Lucano

News - Federico Boni 10.6.24
Roma, il sindaco Gualtieri registra altri due atti di nascita formati all’estero di figlie di due mamme - Roma sindaco Gualtieri - Gay.it

Roma, il sindaco Gualtieri registra altri due atti di nascita formati all’estero di figlie di due mamme

News - Redazione 22.4.24
Poliziotto costretto ad esami psichiatrici per verificare se fosse gay, il Tar condanna il ministero - carcere - Gay.it

Poliziotto costretto ad esami psichiatrici per verificare se fosse gay, il Tar condanna il ministero

News - Redazione 18.4.24
Barbera, presidente Corte Costituzionale, al Parlamento: "Serve una legge sui figli delle famiglie arcobaleno" - Augusto Barbera - Gay.it

Barbera, presidente Corte Costituzionale, al Parlamento: “Serve una legge sui figli delle famiglie arcobaleno”

News - Redazione 18.3.24
CGIL e associazioni LGBTQIA+ hanno sottoscritto un protocollo d'intesa per la difesa dei diritti - PROTOCOLLO DINTESA CGIL CON LE ASSOCIAZIOINI LGBTQIA 0 - Gay.it

CGIL e associazioni LGBTQIA+ hanno sottoscritto un protocollo d’intesa per la difesa dei diritti

News - Redazione 26.6.24
ghana-disegno-di-legge-anti-lgbt-approvazione-marzo

Ghana, lo spietato disegno di legge anti-LGBTQIA+ verso l’approvazione a marzo

News - Francesca Di Feo 23.2.24
famiglie arcobaleno

Famiglie Arcobaleno e Rete Lenford da oggi in Corte d’Appello in difesa dei diritti dei minori

News - Redazione 10.6.24