Tanzania, UE ritira ambasciatore. I 10 gay arrestati rilasciati dopo test anali

di

Arresti e test anali per capire se c'è stato un rapporto omosessuale.

CONDIVIDI
932 Condivisioni Facebook 932 Twitter Google WhatsApp
1964 0

L’UE ha iniziato a occuparsi della situazione in Tanzania, dove è iniziata una vera e propria caccia ai gay.

L’ambasciatore dell’Unione Europea Roeland van de Geer ha lasciato la Tanzania ed è tornato a Bruxelles. L’Ue ha specificato che non si tratta di un’espulsione da parte dello stato della Tanzania. Ma una decisione dell’Unione per quella che è stata soprannominata la caccia ai gay. Ha presso avvio a inizio novembre, quando il governatore Makonda ha invitato i cittadini a segnalare alla Polizia gli abitanti della Tanzania omosessuali.

Così, oltre a richiamare il rappresentante dell’Unione dei Paesi dell’Est Africa, Bruxelles ha chiarito che rivedrà anche le relazioni con lo Stato, che già dal 2017 aveva dimostrato una forte avversione contro le persone omosessuali, che qui rischiano anche 30 anni di carcere. La caccia però non ha il benestare del presidente tanzanese John Magufuli, in quanto la campagna d’dio è portata avanti da Paul Makonda, governatore di Dar Es Salaam, la capitale economica del Paese. Nonostante le distanze prese dal presidente, anche Magufuli non ha mai nascosto la sua avversità nei confronti dei membri della comunità LGBT+. 

Rilasciati i 10 arrestati dopo un test anale

Le 10 persone arrestate con l’accusa di aver partecipato alla celebrazione di un matrimonio tra persone dello stesso sesso al momento sono libere. La Polizia ha però chiarito che il caso non è ancora archiviato, e di conseguenza i sospetti potrebbero essere arrestati nuovamente, e stavolta con una denuncia a loro carico.

Da quanto si apprende, le autorità avrebbero cercato di capire il loro orientamento sessuale attraverso dei test anali. Solo in questo modo, spiegano gli agenti, si sarebbe accertato un rapporto anale con altri uomini. Una scena, quindi, già vista, nonostante numerosi studi abbiano già certificato che i test anali non possono in alcun modo certificare un rapporto sessuale, oltre ad essere considerato una vera e propria tortura. 

Leggi   Test anali: esami dolorosi e umilianti senza validità scientifica
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...