Tunisia, ragazzo gay rapinato e stuprato. Arrestato per sodomia e sottoposto a test anale

Secondo il giudice, la vittima ha violato l'articolo 230 del codice penale: reato di sodomia.

tunisia
2 min. di lettura

Storie incredibili ai nostri occhi, quelle raccontate da Il Grande Colibrì. Un ragazzo gay conosce un coetaneo tramite Facebook, in Tunisia. Dopo una breve conoscenza via chat, decidono di vedersi, quindi si danno appuntamento. Quando il ragazzo arriva all’abitazione del suo contatto, però, all’interno scopre che lo attendono due uomini. Cerca di andarsene, ma i due lo trattengono, lo picchiano, gli rubano tutti gli oggetti di valore e infine lo stuprano. Una volta concluso l’incubo, lasciano scappare il ragazzo. Traumatizzato, ferito e senza nemmeno un soldo, decide di recarsi alla Polizia per avere giustizia.

Denuncia il fatto, e le autorità in pochi giorni identificano i due aggressori e li arrestano. Ma non sono gli unici a finire in carcere. Il ragazzo gay ha violato il codice penale della Tunisia, più precisamente l’articolo 230, quello che contesta il reato di sodomia. Non importa se è una vittima che è stata picchiata e violentata, in Tunisia deve essere punita. Così, mentre per i due aggressori non è ancora certa la pena, la madre del ragazzo e l’Association des Jeunes de Sfax pour la Démocratie et les Libertés hanno confermato che la vittima si trova in carcere.

In prigione il ragazzo continua a essere violentato

Il ragazzo, in carcere è oggetto di molestie da parte degli altri detenuti. Rivive quotidianamente l’incubo di qualche settimana fa, a casa dell’uomo conosciuto su Facebook. Il giudice, inoltre, vuole capire se è “abituato alla sodomia”, ordinando un test anale. Una seconda umiliazione, un secondo incubo, una seconda tortura. La pratica che non ha alcuna rilevanza scientifica, utilizzata ancora in molti Paesi, dovrebbe aiutare un medico specializzato a capire se una persona è omosessuale o no, inserendo un oggetto metallico di forma ovale nell’ano.

Essere omosessuali in Tunisia

Una storia simile è avvenuta a in ingegnere tunisino che vive negli Emirati Arabi Uniti con il suo compagno. Tornato nel paese d’origine per passare le vacanze, è stato arrestato e le autorità hanno trovato sul suo cellulare un video in cui l’ingegnere e il compagno hanno un rapporto sessuale. Lo hanno guardato, umiliando l’uomo e denigrandolo. Gli insulti, anche se indirettamente, sono arrivati anche dalla procuratrice che si è occupata del caso. La donna gli avrebbe consigliato di ascoltare la parola di Dio, ricordandogli che la sodomia viene considerata haram, ovvero una pratica vetata dalla religione. Infine, ha sostenuto che l’omosessualità causerebbe anche delle malattie.

Il caso dell’ingegnere non è ancora terminato. Per questo motivo non ha potuto lasciare la Tunisia, e la società dove lavora a Dubai lo ha licenziato. Con la perdita del lavoro, l’uomo ha perso anche il permesso di soggiorno per gli Emirati Arabi.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Chi era Goliarda Sapienza? - Matteo B Bianchi9 - Gay.it

Chi era Goliarda Sapienza?

Culture - Federico Colombo 10.7.24
Gabriel Attal Jordan Bardella Gay.it TikTok

È virale la storia d’amore tra Jordan Bardella e Gabriel Attal inventata su TikTok durante le elezioni in Francia

Culture - Mandalina Di Biase 12.7.24
Nicolas Maupas e Domenico Cuomo nei ruoli di Simone e Mimmo in "Un professore 2"

Un Professore 3, Alessandro Gassman rivela quando inizieranno le riprese

Serie Tv - Redazione 12.7.24
Kylie Minogue, Bebe Rexha e Tove Lo

Kylie Minogue: il singolo ‘My Oh My’ con Bebe Rexha e Tove Lo è un “usato sicuro”, ma funziona – AUDIO

Musica - Emanuele Corbo 11.7.24
Titti De Simone - Legge contro l'omobitransfobia in Puglia

Legge contro l’omobitransfobia in Puglia, una battaglia durata 8 anni – Intervista a Titti De Simone

News - Francesca Di Feo 12.7.24
Lorenzo Zurzolo Prisma La Storia

Lorenzo Zurzolo tra James Franco ne “Gli Squali”, e Martin Scorsese nel film di Julian Schnabel “La mano di Dante”

Cinema - Mandalina Di Biase 12.7.24

Hai già letto
queste storie?

sudafrica-pride-2024

Sudafrica, l’isola felice della comunità LGBTQIA+ africana, celebra il suo 31esimo Pride

News - Francesca Di Feo 6.3.24
burkina-faso-lgbt-africa

Burkina Faso, la giunta militare criminalizza l’omosessualità

News - Redazione 12.7.24
Ghana legge anti LGBTI approvata dal parlamento

Ghana, il parlamento approva la legge anti-LGBTI, il Presidente Akufo-Addo firmerà?

News - Giuliano Federico 28.2.24
ghana-legge-anti-lgbt-ghana

Ghana, legge anti-gay, parla un attivista LGBTI: “La comunità viene già perseguitata, ma abbiamo una speranza”

News - Francesca Di Feo 12.3.24
ghana-disegno-di-legge-anti-lgbt-approvazione-marzo

Ghana, lo spietato disegno di legge anti-LGBTQIA+ verso l’approvazione a marzo

News - Francesca Di Feo 23.2.24
uganda-smug-perde-ricorso-tribunale

Uganda, l’NGO LGBTQIA+ SMUG perde il ricorso in tribunale: operazioni illegali secondo l’Anti Homosexuality Act

News - Francesca Di Feo 25.3.24
Namibia, sentenza storica depenalizza l’omosessualità, ma il governo potrebbe appellarsi alla Corte Suprema

Namibia, sentenza storica depenalizza l’omosessualità, ma il governo potrebbe appellarsi alla Corte Suprema

News - Francesca Di Feo 22.6.24
nigeria-kito-app-dating

Nigeria, l’orrenda pratica del “kito”: bande omofobe attirano uomini gay sulle app di dating per “punirli” e ricattarli

News - Francesca Di Feo 3.5.24