Scamarcio: sul set vorrei fare sesso reale

Si lamenta della troppa finzione nelle scene di sesso che è tenuto a interpreatare. Il bello del nuovo cinema italiano non nega una certa invidia verso i protagonisti del film di Ang Lee “Lussuria”.

Si è dovuto accontentare di una finzione scenica, Riccardo Scamarcio, nell’interpretare una scena bollente nel suo ultimo film. Il bello del nuovo cinema italiano, scultore maledetto in "Colpo d’occhio", non nega di provare una certa invidia per chi ha invece interpretato scene di sesso reale nei film, come ad esempio i protagonisti di "Lussuria", vincitore dell’ultimo festival di Venezia.