Brokeback Mountain e il mancato Oscar come miglior film. Ang Lee è sicuro: “Fu colpa dell’omofobia di Hollywood”

Agli Oscar del 2006 Brokeback Mountain era il super favorito della vigilia, il vincitore annunciato. Ma l'Academy premiò Crash.

ascolta:
0:00
-
0:00
I segreti di Brokeback Mountain
3 min. di lettura

Sono passati 18 anni esatti dalla notte degli Oscar 2006, passata alla Storia per uno dei più clamorosi scippi di sempre. Crash di Paul Haggis riuscì incredibilmente a battere I segreti di Brokeback Mountain di Ang Lee, vincendo l’Oscar per il miglior film dinanzi al Leone d’Oro di Venezia 2005. Brokeback Mountain era il super favorito della vigilia, dopo aver vinto anche il Golden Globe come miglior film drammatico, il Bafta e il PGA, ma alla fine venne beffato sul filo di lana.

Intervistato da Indiewire, Ang Lee ha ricordato quanto avvenuto con profonda amarezza, attribuendo quel mancato trionfo all’omofobia strisciante nell’Academy: “Penso di sì, sì”. “Allora ‘Brokeback Mountain’ aveva un limite. Avevamo ricevuto molto supporto, fino a quel monento“.

La pellicola vinse tre Oscar, per la migliore sceneggiatura non originale firmata Larry McMurtry e Diana Ossana (adattando il devastante racconto di Annie Proulx) , la migliore colonna sonora originale di Gustavo Santaolalla e la regia dello stesso Lee, che era ben consapevole del clima discriminatorio che ancora si viveva all’epoca all’interno dell’industria. “C’era quella sensazione. Non provavo rancore o altro. È così che erano”.

Ma quel che avvenne sul palco Academy fu abbastanza clamoroso. Il regista vinse il suo primo Oscar alla regia (bissando nel 2013 con Vita di Pi), e tutto faceva pensare che avrebbe vinto anche la statuetta più attesa, quella per il miglior film.

Ho ricevuto il mio premio, che era il penultimo in scaletta, prima di quello più importante, e mentre scendevo dal palco mi chiamarono e mi dissero: ‘Resta qui’. Questo è il tuo segno. Tutti pensano che vincerai, quindi rimani in quel punto”. “Proprio accanto al palco c’era il sipario. Poi è arrivato il momento del premio per il miglior film. ‘Resta qui, resta qui’, mi dicevano. Ho visto Jack Nicholson, ha aperto la busta e pensavo: ‘Oh mio Dio, oh mio Dio’. Ci sono voluti 10 secondi prima che lo annunciasse, e poi ha detto: ‘Crash‘”.

Ma chi fu a dire quelle parole a Lee? “Un direttore di scena. Dev’essere stato un direttore di scena, qualcuno. C’era un segno proprio accanto alla tenda. Potete quasi vedermi dietro il sipario. Potevo vedere parte del pubblico, era così vicino. “Forse tocca a te”, mi dissero, “Resta al punto”. Il prossimo premio è quello per il miglior film!’”.

Poi è andata com’è andata, con una delle più clamorose ingiustizie della recente storia Academy e un Jack Nicholson a dir poco sopreso da quanto letto. Solo nel 2017, con Moonlight, ci fu la ‘rivincita’, con il primo titolo a tematica queer a vincere l’Oscar più ambito, anche in questo caso sorprendentemente, battendo La La Land.

Nella mia educazione, l’arte non era un’opzione. Fare film era una follia“, ha concluso Lee, i cui genitori sono fuggiti dalla guerra civile cinese prima di trasferirsi a Taiwan e successivamente in Illinois. “Eravamo degli outsider a Taiwan, poi degli outsider in America, poi siamo tornati in Cina ed eravamo ancora degli outsider. Mi sento sempre un outsider. Personaggi repressi, suppongo, quelle storie mi attraggono. ‘Brokeback Mountain’ è semplicemente bellissimo. Hai letto il racconto? Non ho nulla in comune con i cowboy gay del Wyoming. Ma perché ho pianto? Perché ti rimane addosso ed è una storia bellissima”.

Prima di trovare Jake Gyllenhaal ed Heath Ledger, decine di attori rifiutarono la parte dei due cowboy protagonisti, perché terrorizzati dal dover interpretare due personaggi omosessuali. Lo stesso film ci mise anni prima di entrare in produzione, passando da Pedro Almodovar a Gus Van Sant, prima di finire tra le mani di Lee. Ledger ha sempre difeso Brokeback Mountain, contestando anche le battutine e gli sketch comici portati in scena sul palco Academy da Billy Cristal, la notte degli Oscar. Gyllenhaal, dal canto suo, ne parla sempre con orgoglio, perché consapevole dell’importanza avuta dalla pellicola nella sua carriera.



 

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Bradley Riches di Heartstopper annuncia il fidanzamento con Scott Johnston: "Ti amo immensamente" - heartstopper bradley riches engagement - Gay.it

Bradley Riches di Heartstopper annuncia il fidanzamento con Scott Johnston: “Ti amo immensamente”

Culture - Redazione 11.4.24
Angelina Mango è pronta per l'Eurovision Song Contest che si terrà a maggio in Svezia

Perché Angelina Mango può vincere Eurovision 2024

Musica - Emanuele Corbo 11.4.24
Amadeus

Amadeus lascia la Rai e raggiunge Fazio sulla NOVE di Discovery

Culture - Mandalina Di Biase 10.4.24
Marco Mengoni per un noto brand di gioielli

Marco Mengoni è un gioiello, ma la verità è che tutti guardano un’altra cosa

Musica - Emanuele Corbo 10.4.24
GialappaShow, Gigi è Mahmood con i ballerini cileni (VIDEO) - Gigi e Mahmood - Gay.it

GialappaShow, Gigi è Mahmood con i ballerini cileni (VIDEO)

Culture - Redazione 11.4.24
Coming out di massa di calciatori in Germania? Bundesliga pronta a scendere in campo contro l’omobitransfobia - Bayer Leverkusen - Gay.it

Coming out di massa di calciatori in Germania? Bundesliga pronta a scendere in campo contro l’omobitransfobia

Corpi - Redazione 11.4.24

Hai già letto
queste storie?

Golden Globe 2024, pioggia di nomination LGBTQIA+. Da Compagni di Viaggio a Barbie, Rustin e Maestro - golden globe 2024 - Gay.it

Golden Globe 2024, pioggia di nomination LGBTQIA+. Da Compagni di Viaggio a Barbie, Rustin e Maestro

Cinema - Federico Boni 12.12.23
Oscar 2024, le speranze LGBTQIA+ in prospettiva nomination tra film, registi, attori e attrici - oscar lgbt 2024 - Gay.it

Oscar 2024, le speranze LGBTQIA+ in prospettiva nomination tra film, registi, attori e attrici

Cinema - Federico Boni 30.11.23
Carmen Madonia in 'Something You Said Last Night' (2022)

Something You Said Last Night, e la banale quotidianità di una millennial trans

Cinema - Riccardo Conte 6.1.24
Scream 7 sarà diretto dal suo creatore Kevin Williamson. E torna Neve Campbell! - Scream - Gay.it

Scream 7 sarà diretto dal suo creatore Kevin Williamson. E torna Neve Campbell!

Cinema - Redazione 13.3.24
Monkey Man e gli hijra, Dev Patel e il terzo genere indiano: "Un inno per i senza voce, gli emarginati" - dev - Gay.it

Monkey Man e gli hijra, Dev Patel e il terzo genere indiano: “Un inno per i senza voce, gli emarginati”

Cinema - Redazione 9.4.24
Alvise Rigo

Chi è Alvise Rigo? Età, carriera e vita privata dell’attore del film “Nuovo Olimpo”

Culture - Luca Diana 2.11.23
saltburn elordi sperma keoghan

Saltburn, Jacob Elordi e la scena cult dello sperma: “Orgoglioso che Barry Keoghan …”

Cinema - Redazione 21.11.23
Drive-Away Dolls, le prime recensioni dalla folle e sboccata commedia queer di Ethan Coen e Tricia Cooke - Drive Away Dolls - Gay.it

Drive-Away Dolls, le prime recensioni dalla folle e sboccata commedia queer di Ethan Coen e Tricia Cooke

Cinema - Redazione 23.2.24