World Aids Day 2017, le iniziative di Arcigay per il primo dicembre

Il programma dell’associazione LGBTI per proseguire con la sensibilizzazione sul contagio da Hiv e sulle altre Ist.

Domani ricorre la Giornata Mondiale contro l’Aids e come sempre Arcigay è una delle realtà in prima linea sulla prevenzione.

Sono passati 29 anni dal primo World Aids Day e oggi pur essendo mutate grandemente le condizioni di vita delle persone Hiv+ e delle cure a disposizione, resta una giornata importante per Arcigay e le associazioni che si occupano specificatamente sia di Aids che delle persone sieropositive.

Sensibilizzare sulla prevenzione dall’infezione da Hiv e sul continuo monitoraggio del proprio status sierologico è fondamentale, come dimostra l’aumento del numero di persone a cui viene diagnosticata l’Aids che scopre di essere Hiv positiva nei pochi mesi precedenti la diagnosi, come pubblicato dal Ministero della Salute.

Se ci tieni vesti anche tu un red ribbon nella Giornata Mondiale contro l’Aids.

L’associazione LGBTI italiana ha lanciato la campagna social #Soquellochefaccio, rivolta agli MSM (maschi che fanno sesso con maschi) e che si fonda su nove pilastri legati alla prevenzione, alla profilassi e alla rimozione dello stigma del sieropositivo.

A Milano inoltre si segnala l’iniziativa congiunta con il Consolato Americano e Microsoft Italia che ospiterà, proprio nella nuova sede della compagnia americana, l’intervento della dottoressa Melanie Thompson, fondatrice dell’Aids Consortium of Atlanta, sullo stato dell’arte delle terapie e della prevenzione negli Stati Uniti.

Tra le altre attività inoltre vi saranno la consueta distribuzione gratuita di preservativi nelle 67 sedi locali di Arcigay sul territorio nazionale, grazie alla fornitura dei condom “Fallo Protetto” di Coop e il progetto “We Test in collaborazione con Anddos, Asa, Ireos, il circolo Mario Mieli e Plus, che offre la possibilità di accedere in modo gratuito ai test rapidi per l’Hiv in diverse città italiane.

Ti suggeriamo anche  Campania, +20% di nuovi sieropositivi: molti sono giovani sotto i 30 anni