Perché la giornata mondiale contro hiv/aids è il 1° Dicembre?

Fu istituita per aumentare la consapevolezza sull'hiv (che è il virus) e sull'aids (che è la malattia) e mantenere alta l'attenzione a livello globale. Ma perché proprio il 1° Dicembre?

ascolta:
0:00
-
0:00
hiv aids 1 dicembre perché
hiv aids 1 dicembre perché
3 min. di lettura

La Giornata Mondiale contro l’hiv/aids si celebra il 1° dicembre di ogni anno ed è stata istituita per aumentare la consapevolezza sull’hiv (virus dell’immunodeficienza umana) e sull’aids (Sindrome da Immunodeficienza Acquisita) a livello globale.

La data è stata istituita per sensibilizzare l’opinione pubblica sulla diffusione del virus, sulla necessità dell’attenzione a sé stess* e alle altre persone, sulle cure farmacologiche ad oggi esistenti (ed efficaci), sugli strumenti di prevenzione.

Il 1° dicembre è anche una giornata di sensibilizzazione per la lotta all’hiv,  per abbattere lo stigma e la discriminazione nei confronti delle persone che vivono con hiv.

nuove frontiere hiv

Perché è stato scelto il 1° Dicembre come data per la giornata contro l’hiv e l’aids?

La scelta della data del 1° dicembre è stata fatta perché coincide con l’anniversario della prima conferenza mondiale sull’aids, che si è tenuta nel 1988 a Londra. Questa conferenza rappresentò un momento importante nella lotta contro il virus dell’hiv e contro la malattia che ne deriva (l’aids), contribuendo a sensibilizzare l’opinione pubblica e a promuovere la cooperazione internazionale per combattere l’epidemia e lo stigma verso le persone positive al virus.

 

hiv stigma arcigay

I punti chiave della conferenza mondiale sull’hiv/aids tenuta a Londra nel 1988

La conferenza su hiv/aids tenuta a Londra nel 1988 fu una delle prime conferenze internazionali di grande rilevanza dedicata al virus e alla malattia, e svolse un ruolo significativo nella sensibilizzazione dell’opinione pubblica e nell’accelerare gli sforzi per affrontare la battaglia su scala globale.

Ecco alcuni punti chiave:

  • Data e sede: La conferenza si svolse dal 23 al 25 giugno 1988 a Londra, Regno Unito
  • Significato storico: Fu la prima di una serie di conferenze internazionali su hiv/adis e fu cruciale nell’attirare l’attenzione internazionale sulla crescente epidemia. All’epoca, hiv e aids erano ancora altamente stigmatizzati e poco compresi, ma quella conferenza contribuì a cambiare la percezione pubblica e a spingere i governi e le organizzazioni internazionali a prendere misure più decise.
  • Partecipanti: La conferenza attirò una vasta gamma di partecipanti, tra cui scienziati, ricercatori, professionisti della sanità, attivisti, rappresentanti governativi e persone con hiv/aids. La diversità dei partecipanti permise di affrontare il fenomeno da molteplici prospettive.
  • Temi chiave: Durante la conferenza, furono discussi vari aspetti dell’hiv, tra cui la trasmissione del virus, le strategie di prevenzione, la ricerca sulla cura e il trattamento, la stigmatizzazione e la discriminazione nei confronti delle persone con hiv/aids e la necessità di una risposta coordinata a livello internazionale.
  • Risultati: La conferenza portò a una maggiore consapevolezza del virus e della malattia, stimolò la cooperazione internazionale e sottolineò l’importanza della prevenzione. Fu anche un momento importante per promuovere la solidarietà verso le persone colpite dalla malattia e per sfatare i miti e le paure che circondavano le persone colpite dal virus.
  • Impatto a lungo termine: La conferenza di Londra del 1988 fu solo l’inizio di un impegno globale più ampio per combattere l’hiv. Successivamente, furono molte altre le conferenze mondiali dedicate ad hiv/aids, che pian piano contribuirono a plasmare la risposta globale all’epidemia e a guidare gli sforzi per la ricerca di nuovi trattamenti, cure e forme di prevenzione.

hiv aids prep gratuita aifa

Il 1° dicembre offre dunque un’opportunità per fare il punto sulla situazione dell’hiv e dell’aids nel mondo, valutare i progressi compiuti nella prevenzione e nel trattamento, e identificare le sfide che rimangono da affrontare.

Questa giornata è un’occasione importante per educare le persone, promuovere la prevenzione, incoraggiare il test dell’hiv e fornire supporto alle persone che vivono con hiv.

Il 1° dicembre è anche solitamente la data che fornisce a governi, organizzazioni non governative e individui un momento di attenzione per fare il punto sui dati dell’epidemia (qui i dati del 2022 rilasciati dall’ISS), sulle traguardi terapeutici raggiunti, su quelli di prevenzione e sulle disparità tra diverse aree del mondo.

Segui i canali di Gay.it dedicati:

Gay.it > hivGay.it > PrEP 

 

 

Gli indimenticabili momenti storici contro lo stigma dell’hiv

10 persone famose che convivono con l’hiv

Hiv e aids, 9 iconici film che hanno fatto la storia

Hiv ecco i nuovi dati Italia: nuove diagnosi, troppo tardive, e ancora troppi morti di AIDS

PrEP oltre gli stereotipi, ecco “come mi ha migliorato la vita”: le storie vere di Claudia, Marcello, Carlotta e Lorenzo – VIDEO

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

meloni orban

35 ambasciate firmano una dichiarazione che condanna le leggi anti-LGBTQ ungheresi. Assente l’Italia

News - Redazione 21.6.24
Brian May: "Freddie Mercury non avrebbe voluto essere definito "queer", l'omofobia colpì i Queen" - Freddie Mercury 2 - Gay.it

Brian May: “Freddie Mercury non avrebbe voluto essere definito “queer”, l’omofobia colpì i Queen”

Musica - Redazione 21.6.24
Tormentoni Queer estate 2024

Estate 2024, quali sono i tormentoni queer? La playlist di Gay.it

Musica - Luca Diana 4.6.24
Libri LGBTQIA+, le novità: di euforia, di santi, diavoli, altricorpi e femminielli - Matteo B Bianchi3 - Gay.it

Libri LGBTQIA+, le novità: di euforia, di santi, diavoli, altricorpi e femminielli

Culture - Federico Colombo 22.6.24
Fabio Marida Damato Chiara Ferragni Diletta Leotti Elodie

Chiara Ferragni e Fabio Maria Damato insieme al matrimonio tra Diletta Leotta e Loris Karius

Lifestyle - Mandalina Di Biase 23.6.24
Carmine Alfano sospeso dall'Università dopo le frasi omofobe si ritira dal ballottaggio di Torre Annunziata - Carmine Alfano 2 - Gay.it

Carmine Alfano sospeso dall’Università dopo le frasi omofobe si ritira dal ballottaggio di Torre Annunziata

News - Redazione 21.6.24

I nostri contenuti
sono diversi

whereupon-turmoil-allen-frame

Prima e dopo l’hiv, quegli anni tra fine ’70 e ’90 a New York: “Whereupon”, rivoluzione e tragedia negli scatti di Allen Frame

Culture - Francesca Di Feo 6.6.24
Vivere con Hiv testimonianza Enrico

Vivere con l’Hiv, la testimonianza di Enrico: “Quando l’ho detto al mio compagno questa è stata la sua risposta”

Corpi - Daniele Calzavara 14.3.24
Positive+1, l'app di dating per persone sieropositive - Positive1 - Gay.it

Positive+1, l’app di dating per persone sieropositive

Corpi - Federico Boni 12.1.24
Ho l’HIV. Come prendermi cura di me stessə? - cover - Gay.it

Ho l’HIV. Come prendermi cura di me stessə?

Corpi - Gay.it 6.5.24
David Utrilla - da 37 anni vive con Hiv

A volte dimentico di avere l’Hiv: la nostra serie per raccontare l’importanza dell’equazione U=U

Corpi - Daniele Calzavara 2.3.24
Hiv Salute Mentale e Supporto Psicologico

Autostigma e salute mentale per le persone HIV+: l’importanza dell’aspetto psicologico

Corpi - Daniele Calzavara 2.5.24
chat gay grindr

Grindr sotto accusa: avrebbe condiviso con terze parti lo status HIV di migliaia di utenti

News - Francesca Di Feo 22.4.24
Hiv sentenza Bari su U uguale U Gay.it

U = U, sentenza storica, assolto un uomo accusato di aver trasmesso l’Hiv: se non è rilevabile non si può trasmettere

Corpi - Daniele Calzavara 28.2.24