Grindr sotto accusa: avrebbe condiviso con terze parti lo status HIV di migliaia di utenti

Nel 2021, la nota app di incontri era già stata sanzionata con una multa di quasi 5 milioni di sterline per motivi simili.

ascolta:
0:00
-
0:00
chat gay grindr
chat gay grindr
2 min. di lettura

Le strategie di marketing del 2024 sembrano ormai non conoscere più confini, né etica: Grindr è oggi accusata da migliaia di utenti di aver venduto i loro dati sensibili – tra cui anche lo status HIV – alle agenzie pubblicitarie con cui aveva stretto accordi.

Stando alla denuncia presentata dallo studio legale che oggi assiste gli utenti vittime del data breach, l’app avrebbe violato più di un regolamento sulla protezione dei dati, determinando la condivisione dei dati sensibili di migliaia di persone solo in Gran Bretagna. Gli stessi dati che sarebbero poi a loro volta stati venduti ad altre compagnie private per scopi di marketing.

Fino ad ora, la class action ha raccolto 670 adesioni, ma un numero crescente di utenti sta mostrando interesse nel parteciparvi nelle ultime ore. Gli intervalli temporali di riferimento per la causa sono due: il primo precede il 3 aprile 2018, mentre il secondo va dal 25 maggio 2018 al 7 aprile 2020, data in cui Grindr ha apportato modifiche sostanziali alle proprie politiche sulla privacy.

La big tech, con base a Los Angeles, aveva infatti annunciato che avrebbe smesso di condividere lo status HIV dei propri utenti con agenzie pubblicitarie e terze parti a inizio 2018, dopo la denuncia da parte di un istituto di ricerca Norvegese evidenziante un profondo problema di privacy nelle policy dell’app.

grindr-condivide-dati-hiv

Nel 2021, il garante della protezione dei dati norvegese aveva poi emesso una multa da quasi 5 milioni di sterline (il 10% del fatturato globale di Grindr), sostenendo che l’app avesse violato i regolamenti nazionali a tutela della privacy degli utenti.

Grindr ha difeso la propria posizione in quell’occasione, e continua a farlo anche di fronte alle recenti accuse, affermando che queste ultime derivino da un’errata interpretazione di normative precedenti. Tuttavia, questa difesa non altera gli effetti del data breach, che ha gravemente influenzato la vita di migliaia di persone.

“I soggetti da noi assistiti hanno subito un eccessivo stress dopo aver scoperto la condivisione non autorizzata delle loro informazioni personali. Molti di loro continuano a vivere stati di paura, imbarazzo e ansia, conseguenze dirette del trauma vissuto”.

Lo studio legale afferma che numerosi utenti potrebbero avere diritto a un risarcimento economico consistente, nell’ordine delle cinque cifre. Tuttavia, Grindr mantiene una posizione ferma e non mostra segni di cedimento.

“Abbiamo molto a cuore la privacy e la tutela dei dati dei nostri utenti” – ha dichiarato un portavoce . “Siamo orgogliosi delle nostre politiche e prendiamo queste cose molto sul serio. Risponderemo a queste accuse, che non sono altro che una malinterpretazione di regolamenti risalenti a più di quattro anni fa, a inizio 2020”.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

©AFP

Meryl Streep è nessunə e tuttə noi

Cinema - Riccardo Conte 20.5.24
Billie Eilish, è uscito il nuovo album "Hit Me Hard and Soft"

Billie Eilish ritrova se stessa e plasma di nuovo il pop alla sua (gigante) maniera

Musica - Emanuele Corbo 21.5.24
Ambra e il body shaming da parte della stampa quando aveva 17 anni: "Sottolineavano ovunque quanto fossi diventata grassa" - Ambra e il body shaming da parte della stampa quando aveva 17 anni - Gay.it

Ambra e il body shaming da parte della stampa quando aveva 17 anni: “Sottolineavano ovunque quanto fossi diventata grassa”

Culture - Redazione 22.5.24
“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Mahmood, Piper, Lamoglia, Ghali e altri - Specchio Specchio - Gay.it

“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Mahmood, Piper, Lamoglia, Ghali e altri

Culture - Redazione 23.5.24
Mahmood: "Sono stato un ragazzino cicciotello per niente cool, ma più libero e sicuro di chi sono oggi"

Mahmood: “Sono stato un ragazzino cicciotello per niente cool, ma più libero e sicuro di chi sono oggi”

Musica - Emanuele Corbo 22.5.24
Elezioni Europee e voto LGBTI+, guida alle candidature che aderiscono a #ComeOut4EU il programma di Ilga Europe - cover wp - Gay.it

Elezioni Europee e voto LGBTI+, guida alle candidature che aderiscono a #ComeOut4EU il programma di Ilga Europe

News - Lorenzo Ottanelli 20.5.24

Leggere fa bene

Grindr

Teramo, in tre ingannavano uomini gay via Grindr: estorsione sotto minaccia, andranno a processo

News - Francesca Di Feo 20.3.24
Sam Smith e Christian Cowan

Un profilo falso di Sam Smith sull’app di dating Raya mette a rischio la relazione con Christian Cowan

Musica - Redazione Milano 5.1.24
hiv aids 1 dicembre perché

Perché la giornata mondiale contro hiv/aids è il 1° Dicembre?

Corpi - Redazione Milano 29.11.23
I film LGBTQIA+ della settimana 27 novembre/3 dicembre tra tv generalista e streaming - film hiv aids - Gay.it

I film LGBTQIA+ della settimana 27 novembre/3 dicembre tra tv generalista e streaming

Cinema - Federico Boni 27.11.23
"Hiv, ne parliamo?", al via la campagna ispirata a storie vere - HIV. Ne Parliamo - Gay.it

“Hiv, ne parliamo?”, al via la campagna ispirata a storie vere

Corpi - Daniele Calzavara 28.11.23
Positive+1, l'app di dating per persone sieropositive - Positive1 - Gay.it

Positive+1, l’app di dating per persone sieropositive

Corpi - Federico Boni 12.1.24
Vivere con hiv - la testimonianza di Enrico

Vivere con il virus: “L’Hiv è stato una grande occasione per prendermi cura di me stesso”

Corpi - Daniele Calzavara 22.3.24
Foto: MARTIN BUREAU

Grindr si fa più inclusivo per le persone trans* (ma è già polemica!)

News - Redazione Milano 8.2.24