Il discorso di Paola Cortellesi contro gli stereotipi: “Biancaneve faceva da colf ai nani”

La regista di C'è ancora domani ha parlato all'Università Luiss Guido Carli di principesse che non vanno salvate ma rispettate.

ascolta:
0:00
-
0:00
Paola Cortellesi ospite speciale all'Università Luiss Guido Carlo di Roma (foto: LaRepubblica)
Paola Cortellesi ospite speciale all'Università Luiss Guido Carlo di Roma (foto: LaRepubblica)
2 min. di lettura

Il 2023 è stato l’anno di Paola Cortellesi.

Il suo debutto alla regia C’è ancora a Domani è stato un miracolo: oltre 20 milioni di euro, diventando il decimo film italiano più visto di sempre secondo Cinetel. Un progetto che in principio non veniva nemmeno finanziato dalle commissioni ministeriali della Cultura (lo considerarono un’opera “non giudicata di straordinaria qualità artistica in relazione a temi culturali, a fatti storici, eventi, luoghi o personaggi che caratterizzano l’identità nazionale”), ma in Italia ha battuto anche l’altra regina del box office, Barbie.

Nel suo piccolo grande film, Cortellesi non solo ha (ri)dato voce alle donne dimenticate dalla storia italiana, ma anche ricordato che le registe donne in Italia esistono e hanno qualcosa di forte e necessario da dire: l’ha ribadito anche agli studenti e studentesse dell’Università Luiss Guido Carlo di Roma, che l’ha invitata come “ambasciatrice straordinaria” ad inaugurare l’anno accademico 2023-2024.

Siamo sicuri che se Biancaneve fosse stata una cozza il cacciatore l’avrebbe salvata lo stesso? Perché il principe ha bisogno di una scarpetta per riconoscere Cenerentola, «non poteva guardarla in faccia? E poi, chi è così ingenua da fidarsi di una strega?” ha chiesto Cortellesi all’aula magna del campus di viale Pola, partendo dalle fiabe per smantellare tutti quegli stereotipi che vorrebbero le donne come sventurate donzelle in pericolo e gli uomini dei salvatori in calzamaglia.

Se non fanno “da colf ai nani ” come Biancaneve, le donne sono cattive, mostruose, e invidiose, ferme in due uniche narrazioni possibili.

Cortellesi, come tantə di noi, sa che le storie che ci raccontano modellano i nostri pensieri e aspettative sul mondo, concatenate allo stesso sistema che ci opprime oggi come due secoli fa: per questo abbiamo bisogno di allenare lo sguardo ad altre possibilità. Nel panorama italiano, dove si alternano pretenziosi film-bros o commedie fuori tempo massimo, C’è ancora Domani ci racconta finalmente di donne che si salvano a vicenda: madri che salvano le figlie da matrimoni funesti, figlie che salvano le madri dal ruolo a cui sono state relegate.

Partendo dal suo film, la regista ha ricordato al corpo studenti che la passione per la politica e il diritto di voto sono le armi più potenti che abbiamo per emanciparci e salvarci da solə. Ha esortato studenti e studentesse ad essere “originali e pazzi”, ma senza cercare di essere straordinari a tutti i costi, con il gentile reminder agli studenti maschi che le ragazze non vanno salvate, ma rispettate.

Come ha ribadito anche Paola Severino, presidente della Luiss School of Law, nonostante le grandi conquiste storiche, c’è ancora molta strada da fare e le nuove generazioni hanno davanti a sé una sfida importante: “Tra voi giovani che sarete le donne e gli uomini di domani e dovrete portare a meta la fiaccola del raggiungimento della parità di genere e della sconfitta dei meccanismi che alimentano la violenza sulle donne” ha detto Severino “L’educazione, la formazione, la scuola, l’università e il senso della legalità e del riconoscimento del merito sono determinanti nel raggiungere il fondamentale risultato della uguaglianza di genere”.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

La storia di Radclyffe Hall: così fu censurato il primo romanzo lesbico della letteratura - Sessp 38 - Gay.it

La storia di Radclyffe Hall: così fu censurato il primo romanzo lesbico della letteratura

Culture - Federico Colombo 20.2.24
Marco Mengoni e Mahmood una canzone insieme

Marco Mengoni e Mahmood, una canzone insieme

Musica - Mandalina Di Biase 23.2.24
Roberto Vannacci

Roberto Vannacci avrebbe truffato lo Stato secondo l’indagine della procura militare

News - Giuliano Federico 24.2.24
Paolo Camilli

Paolo Camilli: “La mia omosessualità? L’ho negata fino alla morte con me stesso” – intervista

Culture - Luca Diana 23.2.24
John Cena è su Only Fans?

Ma John Cena è davvero su Only Fans?

Culture - Riccardo Conte 23.2.24
“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Mahmood, Evans, Keoghan, Bailey e altri - Specchio 8 - Gay.it

“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Mahmood, Evans, Keoghan, Bailey e altri

Culture - Redazione 23.2.24

Continua a leggere

judith butler

Distruggere i generi: breve storia di Judith Butler

Culture - Federico Colombo 20.10.23
Fiorella Mannoia, la pasionaria indomita e combattente con una canzone femminista a Sanremo 2024 - Sessp 24 - Gay.it

Fiorella Mannoia, la pasionaria indomita e combattente con una canzone femminista a Sanremo 2024

Musica - Federico Colombo 31.1.24
Milena Cannavacciuolo, la raccolta fondi supera i 45.000 euro e lei risponde: “Grazie per l’amore corrisposto” - Milena Cannavacciuolo - Gay.it

Milena Cannavacciuolo, la raccolta fondi supera i 45.000 euro e lei risponde: “Grazie per l’amore corrisposto”

News - Redazione 7.11.23
Amber Glenn prima storica campionessa USA di pattinaggio artistico femminile dichiaratamente queer - Amber Glenn - Gay.it

Amber Glenn prima storica campionessa USA di pattinaggio artistico femminile dichiaratamente queer

Corpi - Redazione 30.1.24
Menunni (FDI): "La maternità torni cool, che le 18enni vogliano sposarsi e fare figli" - VIDEO - Lavinia Mennuni - Gay.it

Menunni (FDI): “La maternità torni cool, che le 18enni vogliano sposarsi e fare figli” – VIDEO

News - Redazione 28.12.23
BARBIE (2023)

Ma Barbie è stato davvero snobbato agli Oscar?

Culture - Riccardo Conte 24.1.24
Frankenstein Guillermo del Toro

Una lettura mostruosa dei corpi queer

Culture - Federico Colombo 31.10.23
Jacob Elordi Frankestein Giullermo Del Toro

Jacob Elordi sarà Frankenstein nel 2024, cosa sappiamo del cult queer diretto da Guillermo Del Toro.

Cinema - Redazione Milano 8.1.24