C’è Ancora Domani maggior incasso del 2023 davanti a Barbie, per la prima volta il Cinema italiano è donna

Paola Cortellesi ha superato Greta Gerwig, diventando il nono maggior incasso di sempre nel nostro Paese, inflazione esclusa.

ascolta:
0:00
-
0:00
C'è Ancora Domani maggior incasso del 2023 davanti a Barbie, per la prima volta il Cinema italiano è donna - barbie ce ancora domani - Gay.it
C'è ancora domani supera Barbie al box office
3 min. di lettura

Quasi 65 milioni di euro in due. Paola Cortellesi e Greta Gerwig sono state le indiscusse regine del cinema italiano e internazionale di questo 2023, sbalordendo la critica, ammaliando il pubblico, facendo incetta di riconoscimenti, sbancando i box office. Da una parte il rosa pastello di una vita di plastica, dall’altro il bianco e nero di un’esistenza segnata da violenza e privazioni.

C’è Ancora Domani è ufficialmente diventato il film più visto del 2023 nel Bel Paese, con 32.249.958 euro e 4.745.834 spettatori paganti. Uscito al cinema il 26 ottobre, dopo due mesi è ancora in Top5. Solo ieri ha incassato 190.709 euro.

Il fenomeno Barbie è stato detronizzato. La pellicola Warner, uscita il 20 luglio scorso, ha incassato 32.122.053 euro, con 4.390.410 spettatori paganti. C’è Ancora Domani è così diventato il nono maggior incasso di tutti i tempi nei cinema italiani, inflazione ovviamente esclusa. Paola Cortellesi ha superato persino La Vita è Bella di Roberto Benigni, ora undicesimo a quota 31.231.984 €. Davanti a C’è Ancora Domani sono rimasti solo otto titoli, 4 dei quali italiani e tutti con Checco Zalone protagonista. Senza andare a scomodare Lina Wertmüller, che 51 anni fa trascinò milioni di italiani in sala a vedere Mimì metallurgico ferito nell’onore, Cortellesi è diventata a tutti gli effetti la regista più vista di sempre del nostro Cinema. Almeno da quando esiste Cinetel (1995), che monitora gli incassi di circa 3000 sale nostrane.

C’è ancora domani è stato eletto anche “Film dell’anno” dei Nastri d’Argento, con questa motivazione:

“L’esordio di Paola Cortellesi dietro la macchina da presa, oltre i titoli che saranno votati a Maggio, ha già dimostrato di meritare una particolare sottolineatura di eccellenza con un riconoscimento che premia – oltre il clamoroso risultato degli incassi – l’originalità e il valore di un film che continua a far parlare un Paese. C’è ancora domani ha dimostrato fin dal debutto una vera e propria svolta non solo nel rapporto col pubblico, ma anche nella capacità di leggere nella storia di una donna di ieri temi che toccano un nervo scoperto nella società e nella tragica quotidianità di un tempo che per le donne non sembra aver cancellato violenza di genere né discriminazione”.

E ora inizierà la stagione dei premi per Paola Cortellesi, che punta a sbancare i David di Donatello, premi Oscar del nostro Cinema, seguendo passo passo quanto già realizzato da Greta Gerwig. Il suo Barbie ha incassato 1,441,820,453 dollari in tutto il mondo, con nove candidature ai Golden Globe e ben 18 ai Critics Choice Awards. Aspettando l’Academy il 2023 è stato un anno al femminile, contro il patriarcato e la mascolinità tossica, a sostegno dei diritti delle donne, faticosamente conquistati e ancora oggi costretti ad una strenua difesa, da chi le vorrebbe di nuovo chiuse in casa, ad accudire figli e marito come massima aspirazione possibile, tornando così indietro di 70 anni.

“Speravo che si diffondesse, magari crescendo nel tempo, un’emozione”, ha confessato oggi Paola Cortellesi a Walter Veltroni al Corriere della Sera, in riferimento all’inatteso successo di C’è ancora Domani. “Quello che sognavo erano sale piene e grande partecipazione emotiva. Quando lo abbiamo scritto, con Giulia Calenda e Furio Andreotti, ci siamo detti quanto fosse perfetto l’ equilibrio tra i registri ne “La vita è bella” di Roberto Benigni, un film che ho molto amato proprio per la capacità di raccontare la più spaventosa tragedia dell’umanità attraverso la leggerezza. Quella di cui parla Italo Calvino: “Leggerezza non è superficialità, ma planare sulle cose dall’alto, non avere macigni sul cuore”. Essere lievi non significa togliere gravitas al dolore, per me”.

Top 10 Maggiori Incassi di sempre in Italia

1) Avatar – 68.675.722 €
2) Quo vado? – 65.365.676 €
3) Sole a catinelle – 51.936.318 €
4) Titanic – 51.890.733 €
5) Tolo Tolo – 46.201.300 €
6) Avatar – La via dell’acqua – 44.798.349 €
7) Che bella giornata – 43.474.047 €
8) Il re leone – 37.514.561 €
9) C’è ancora domani – 32.249.958 €
10) Barbie – 32.122.053 €

 

Top 10 Maggiori Incassi Italia 2023

1) C’è ancora Domani – 32.249.958 euro
2) Barbie – 32.122.053 euro
3) Oppenheimer – 27.990.097 euro
4) Super Mario Bros – il Film – 20.424.516 euro
5) Avatar La Via dell’Acqua – 17.209.450 euro
6) La Sirenetta – 12.032.533 euro
7) Fast X – 11.825.041 euro
8) Guardiani della Galassia 3 – 10.915.351 euro
9) Assassinio a Venezia – 8.675.124 euro
10) Wonka – 8.506.665 euro

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Francesco Panarella

Francesco Panarella e il morbo di Kienbock: “Recitare mi ha salvato la testa”

Culture - Luca Diana 28.2.24
Andrea Bossi con la sua amica Serena - foto dal canale TikTok pubblico di Serena

Andrea Bossi, l’omicidio di un ragazzo queer, ucciso soltanto per un pugno di gioielli?

News - Giuliano Federico 2.3.24
The History of Sound, via alle riprese del film con Paul Mescal e Josh O’Connor innamorati - The History of Sound di Oliver Hermanus - Gay.it

The History of Sound, via alle riprese del film con Paul Mescal e Josh O’Connor innamorati

Cinema - Redazione 29.2.24
I SAW THE TV GLOW (2024)

I Saw The Tv Glow: guarda il trailer dell’attesissimo film horror trans* – VIDEO

Cinema - Redazione Milano 29.2.24
Cannes 2024, Xavier Dolan presidente di giuria Un Certain Regard - Xavier Dolan - Gay.it

Cannes 2024, Xavier Dolan presidente di giuria Un Certain Regard

News - Federico Boni 1.3.24
discorso-d-odio-politici-europei

Discorso d’odio anti-LGBTQIA+ in crescita nelle aule istituzionali europee: “I diritti umani sono in discussione”

News - Francesca Di Feo 1.3.24

I nostri contenuti
sono diversi

Down Low, primo trailer della commedia vietata ai minori con Lukas Gage e Zachary Quinto - Down Low 2 - Gay.it

Down Low, primo trailer della commedia vietata ai minori con Lukas Gage e Zachary Quinto

Cinema - Redazione 27.9.23
Saltburn fa rinascere Sophie Ellis-Bextor, è boom di streams per "Murder On The Dancefloor" - sophie ellis bextor saltburn copia - Gay.it

Saltburn fa rinascere Sophie Ellis-Bextor, è boom di streams per “Murder On The Dancefloor”

Musica - Redazione 10.1.24
Barry Keoghan e il ballo finale completamente nudo in Saltburn: "È post-coitale, euforico, solitario ed è folle" - Saltburn - Gay.it

Barry Keoghan e il ballo finale completamente nudo in Saltburn: “È post-coitale, euforico, solitario ed è folle”

Cinema - Redazione 22.11.23
Gianni Versace L'imperatore dei sogni, il film di Calopresti uscirà al cinema o Santo Versace lo bloccherà? - Gianni Versace limperatore dei sogni cover - Gay.it

Gianni Versace L’imperatore dei sogni, il film di Calopresti uscirà al cinema o Santo Versace lo bloccherà?

Cinema - Redazione 29.11.23
Stranizza D'Amuri diventa Fireworks ed esce negli USA e nel Regno Unito, il trailer inglese - Stranizza damuri - Gay.it

Stranizza D’Amuri diventa Fireworks ed esce negli USA e nel Regno Unito, il trailer inglese

Cinema - Redazione 26.9.23
Lilly_wachowski_GLAAD_2016

Trash Mountain, Lilly Wachowski torna alla regia con un film queer

Cinema - Redazione 14.2.24
Strange Way of Life, desiderio e amore, passione e rimorsi nel western queer di Pedro Almodóvar - 5 © El Deseo. Photo by Iglesias Mas - Gay.it

Strange Way of Life, desiderio e amore, passione e rimorsi nel western queer di Pedro Almodóvar

News - Redazione 15.9.23
I film LGBTQIA+ della settimana 26 febbraio/3 marzo tra tv generalista e streaming - film queer - Gay.it

I film LGBTQIA+ della settimana 26 febbraio/3 marzo tra tv generalista e streaming

News - Federico Boni 26.2.24