Jack Balas: il maschio top? Il toro ginnico da spogliatoio

Nudi atletici, adoni discinti, polposi maschi nudi nell'espressiva opera del pittore e fotografo americano Jack Balas, grande artista del corpo tatuato sulla scia dello scrittore Nicolai Lilin.

Jack Balas: il maschio top? Il toro ginnico da spogliatoio - artebalesBASE - Gay.it
3 min. di lettura

Jack Balas: il maschio top? Il toro ginnico da spogliatoio - artebalesF1 - Gay.it

Testosterone, dinamismo, essenza virile. L’opera artistica di Jack Balas, pittore e fotografo nato a Chicago a fine anni ’50, trasferitosi poi a Los Angeles e di stanza da anni in Colorado, ruota intorno a questi tre rimandi continui: l’ispirazione palesemente pop declinata in chiave queer l’ha portato a definirsi su Advocate ‘post-gay’ in quanto "la maggior parte dei miei modelli sono etero, ma sanno qual è l’obiettivo e sono a loro agio con esso".

Jack Balas: il maschio top? Il toro ginnico da spogliatoio - artebalesF2 - Gay.it

Adoni ginnici, splendidi tori discinti, nudi sfacciati che oltrepassano l’estetica necessariamente castigata del "Beefcake" di metà Novecento – l’occultamento delle parti intime era imprescindibile – si reinventano interagendo con la materia (grafite, pennarello, olio) per darsi allo spettatore con l’ironia cameratesca della rilassatezza da spogliatoio di palestra, con la solarità quieta della complicità da Campus americano, senza le provocazioni stilizzate tipiche di molto nudo maschile contemporaneo (vedi per esempio il bellissimo ultimo video di Madonna in zona Mapplethorpe, l’ultragender Girl Gone Wild).

Jack Balas: il maschio top? Il toro ginnico da spogliatoio - artebalesF3 - Gay.it

C’è anche del primo Silombria, valente artista gay ligure un po’ dimenticato, in quei corpi voluttuosi non artefatti e immersi in una tavolozza di colori che ne esaltano sia l’impeto giovanile che l’iconicità da statua rinascimentale senza mai astrarsi, però, da contesti naturali "contaminati" con la vita quotidiana come il mare in tempesta da cui spuntano sagome che ricordano mobili e persino case (il mirabile Sea Change) oppure la palla da rugby che diventa il teschio di Amleto nel commovente In This He Was Not Alone.

Jack Balas: il maschio top? Il toro ginnico da spogliatoio - artebalesF4 - Gay.it

Una delle grandi passioni di Balas resta però l’arte del tatuaggio transfigurata in testi letterari sulla pelle dei suoi adorati modelli, racconti del cuscino pulsante alla Greenaway ma anche superficie vulcanico-creatrice evocativa del più quotato scrittore-tatuatore contemporaneo, il magnetico Nicolai Lilin, transnistriano abitante a Bra, nel cuneese, autore del seducente L’educazione siberiana (da cui Salvatores ha tratto il suo ultimo, omonimo film in postproduzione) e dell’acclamato Il respiro del buio (Einaudi).

Jack Balas: il maschio top? Il toro ginnico da spogliatoio - artebalesF5 - Gay.it

Ecco quindi sui corpi-libro di Jack Balas i ragazzi in costume che si tengono per mano e corrono verso il futuro con la schiena dipinta in ‘Semper Fi’ oppure i capezzoli parlanti con fumetto che grida: The Main Event nell’omonimo dipinto del 2010, il cui numero d’ordine 502 è tatuato sulla spalla di uno splendido mulatto come una garanzia di "vaccinazione artistica" che ne preserva l’originalità. Ma alla base delle ricerche sui tatuaggi ci sono le opere di Balas contenuti nei notevoli Jackbook, antologie fotografie (il primo è Stud Dust) in cui inizialmente le scritte sono riprodotte su pannelli tenuti in mano dai modelli, poi proiettate con giochi di riflessi e solo successivamente conquistano l’imprinting diretto sull’epidermide (sono esemplari i disegni embrionali di Tattoo Detour, in cui le scritte sovrimpresse sono indicatrici del contenuto espressivo).

Ciò che sorprende in Balas è proprio l’energia espressiva, indomita e diretta, che fa propria l’arte di orbita queer senza farne un vessillo o plagiandone i modelli, ma indicando nella contemplazione dell’aitanza maschile la scintilla divina della bellezza terrena. Senza però cedere al fascino glam e plastico della manipolazione digitale – o cosmetica: altro che mascara maschili o blush velanti! – trappola in cui sempre più spesso cadono molti artisti contemporanei, perdendo così in spontaneità e grazia.

Un artista da scoprire.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Heartstopper 3, parla Joe Locke: "Sarà più cupa e sexy, parleremo anche di salute mentale" - Joe Locke - Gay.it

Heartstopper 3, parla Joe Locke: “Sarà più cupa e sexy, parleremo anche di salute mentale”

Serie Tv - Redazione 20.2.24
La storia di Radclyffe Hall: così fu censurato il primo romanzo lesbico della letteratura - Sessp 38 - Gay.it

La storia di Radclyffe Hall: così fu censurato il primo romanzo lesbico della letteratura

Culture - Federico Colombo 20.2.24
Bruce LaBruce The Visitor Berlinale - Gay.it

La rivoluzione queer è una liberazione, Bruce LaBruce con ‘The Visitor’ alla Berlinale

Cinema - Redazione Milano 21.2.24
Foto: SchiDechDaily

Parità di genere nella Preistoria? Le donne erano cacciatrici come gli uomini (e anche meglio!)

News - Redazione Milano 20.2.24
aromanticismo-cosa-vuol-dire

Come l’aromanticismo può aiutarci a decostruire la nostra concezione imposta dell’amore

News - Francesca Di Feo 20.2.24
thailandia-matrimonio-egualitario

La Thailandia verso il matrimonio egualitario: approvazione del disegno di legge entro fine anno

News - Francesca Di Feo 19.2.24

Leggere fa bene

Cate Blanchett insieme a Coco Francini e la Dott.ssa Stacy L. Smith (Good Morning America)

Cate Blanchett a sostegno dellə cineastə donne, trans, e non binary

Cinema - Redazione Milano 19.12.23
Buttafuoco presidente della Biennale di Venezia: per lui gli omosessuali rivendicano diritti che hanno già - Progetto senza titolo e1698333924970 - Gay.it

Buttafuoco presidente della Biennale di Venezia: per lui gli omosessuali rivendicano diritti che hanno già

Culture - Redazione Milano 26.10.23
Vanadio23

VERI VERI VERI GHEI oppure FINOKKIO? Le provocazioni senza censure di Vanadio23: intervista

News - Luca Cantarelli 23.8.23
Transatlantic bridges: Corrado Cagli, 1938-1948

Corrado Cagli, l’artista queer che voltò le spalle al regime fascista, in mostra a New York – GALLERY

Culture - Redazione Milano 9.11.23
i want you to know my story di Jess Dugan

Tra nuovi sguardi e corpi fuori dagli schemi: benvenutə al Gender Bender 2023!

Culture - Riccardo Conte 24.10.23
Photograph: EPA (THE GUARDIAN)

Patti Smith su sessualità e genere: “Non importano le etichette, quello che conta è la libertà”

Musica - Redazione Milano 3.10.23
Arte e queerness: intervista a Elisabetta Roncati - Sessp 10 - Gay.it

Arte e queerness: intervista a Elisabetta Roncati

Culture - Federico Colombo 29.12.23
c'è ancora domani

Per fortuna c’è ancora Paola Cortellesi

Cinema - Riccardo Conte 14.11.23