In Split il disturbo dissociativo di personalità si fa thriller. E c’è del queer

Da vedere l’inquietante film di M. Night Shyamalan ispirato alla storia vera di un rapitore scisso in 24 personalità.

In Split il disturbo dissociativo di personalità si fa thriller. E c'è del queer - split - Gay.it
3 min. di lettura

Uno, nessuno e… ventiquattro. Sono infatti ben 24 le personalità di Kevin Wendell Crumb, protagonista ‘multiplo’ dell’inquietante e riuscito Split, il nuovo thriller di M. Night Shyamalan, regista che si era un po’ perso e torna qui ai fasti de Il sesto senso con un film claustrofobico e hitchcockiano, sottilmente terrorizzante.

In Split il disturbo dissociativo di personalità si fa thriller. E c'è del queer - Split 4 - Gay.itIl film è spirato alla vera storia di William Stanley Milligan (1955 – 2014) detto Billy, criminale statunitense affetto da DID, disturbo dissociativo d’identità, è interpretato da un bravissimo James McAvoy, l’attore scozzese di Espiazione e X-Men. Attraverso un’ampia gamma di sottotoni e senza rendere carnevalesco ogni ‘travestimento’, dà vita a nove delle ventiquattro personalità di Kevin, anche se il film si incentra su cinque di esse: il vero Kevin, il rapitore Dennis, lo stilista gay ipercreativo Barry, la signora posata Patricia e il piccolo Hedwig. Nella realtà, Billy Milligan aveva anche una personalità lesbica, la diciannovenne Adalana, e una omofoba, il delinquente ventenne Philip.

In Split il disturbo dissociativo di personalità si fa thriller. E c'è del queer - Split 5 - Gay.itEsattamente come Billy, Kevin/McAvoy rapisce tre studentesse tra cui la sociopatica Casey (Ana Taylor-Joy di The Witch) che riuscirà a comunicare con le varie personalità di Kevin anche grazie a difficili e dolorosi trascorsi famigliari affini. Kevin è in cura presso l’attempata dottoressa Fletcher (Betty Buckley) nel cui studio si alternano le varie personalità di Kevin. Vediamo soprattutto il fantasioso Barry, la cui omosessualità non è effettata ed è una delle personalità più positive e intelligenti. Nel sotterraneo dove vengono segregate le ragazze compare spesso la placida signora Patricia che prepara loro da mangiare: “Ci siamo confrontati sul fatto che James indossasse o meno una parrucca – ha dichiarato il costumista Paco Delgado, lo stesso del transgender The Danish Girl ed apparisse effettivamente come una donna. Alla fine abbiamo deciso che Patricia doveva assomigliare ad un uomo che indossa abiti femminili. La sua testa rasata è come una lavagna vuota in cui solo le espressioni dell’attore portano lo spettatore da un personaggio all’altro”.

In Split il disturbo dissociativo di personalità si fa thriller. E c'è del queer - Split - Gay.it

Il regista evita il gore sanguinolento preferendo, giustamente, costruire un’atmosfera di pneumatica angoscia che, soprattutto nella prima parte, ricorda il De Palma di Vestito per uccidere e Doppia personalità. Del poli-disturbato Kevin, delle sue ombre (molte) e delle luci in cui si pongono le molteplici personalità quando emergono, non viene accentuato l’aspetto mostruoso – come invece avveniva, per esempio, nel rapitore killer de Il silenzio degli innocenti – ma lo spettatore tende a simpatizzare con lui quando la dottoressa ne esalta le capacità intellettuali (a un certo punto spiega in una conferenza via Skype che una paziente affetta da DID riusciva a scrivere con due grafie differenti, contemporaneamente, con entrambi le mani). Nella seconda parte, quando si scatena la ventiquattresima e pericolosissima personalità della Bestia e prevale l’anima tendente al fantastico di Shyamalan, McAvoy mostra pure muscoli ben torniti. Il finale davvero genialoide ci fa presupporre che potremmo vedere prossimamente un seguito. Sarà Split 2? Da vedere.

In Split il disturbo dissociativo di personalità si fa thriller. E c'è del queer - Split 3 - Gay.it

 

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

La storia di Radclyffe Hall: così fu censurato il primo romanzo lesbico della letteratura - Sessp 38 - Gay.it

La storia di Radclyffe Hall: così fu censurato il primo romanzo lesbico della letteratura

Culture - Federico Colombo 20.2.24
Foto: SchiDechDaily

Parità di genere nella Preistoria? Le donne erano cacciatrici come gli uomini (e anche meglio!)

News - Redazione Milano 20.2.24
I film LGBTQIA+ della settimana 26 febbraio/3 marzo tra tv generalista e streaming - film queer - Gay.it

I film LGBTQIA+ della settimana 26 febbraio/3 marzo tra tv generalista e streaming

News - Federico Boni 26.2.24
Amici 23, tutti gli allievi al Serale

Amici 23, da Dustin a Holden: tutti gli allievi al Serale

Culture - Luca Diana 25.2.24
Lewsi Hamilton rainbow

F1, il Bahrain vuole vietare la bandiera LGBTI+, cosa farà Hamilton in Ferrari?

Lifestyle - Redazione Milano 26.2.24
Marco Mengoni e Mahmood una canzone insieme

Marco Mengoni e Mahmood, una canzone insieme

Musica - Mandalina Di Biase 23.2.24

Continua a leggere

luca trapanese alba giorgia meloni

Luca Trapanese: “Non voglio lottare con questo governo ma dialogare. Con Meloni siamo lontani ma c’è un rapporto sereno”

Cinema - Federico Boni 21.9.23
I film LGBTQIA+ della settimana 2/8 ottobre tra tv generalista e streaming - film ottobre 2023 - Gay.it

I film LGBTQIA+ della settimana 2/8 ottobre tra tv generalista e streaming

Cinema - Federico Boni 2.10.23
Rustin, "Colman Domingo è da Oscar". Potrebbe essere il primo attore dichiaratamente gay di sempre a vincerlo - Colman Domingo è Bayard Rustin nella prima immagine ufficiale del biopic - Gay.it

Rustin, “Colman Domingo è da Oscar”. Potrebbe essere il primo attore dichiaratamente gay di sempre a vincerlo

Cinema - Federico Boni 4.9.23
Jonathan Bailey a difesa delle persone trans* (Foto: ES Magazine)

Jonathan Bailey a difesa dellə adolescenti trans*: “Oggi più urgente che mai”

Cinema - Redazione Milano 18.12.23
300, arriva il sequel con Alessandro Magno gay: "Sarà omoerotico e super sessuale" - 300 1 - Gay.it

300, arriva il sequel con Alessandro Magno gay: “Sarà omoerotico e super sessuale”

Cinema - Redazione 5.12.23
The Lotus Sports Club

Una squadra di calcio queer in Cambogia: benvenutə al The Lotus Sports Club

Cinema - Riccardo Conte 26.10.23
Estranei - All of Us Strangers, recensione. Andrew Scott e Paul Mescal nel nuovo meraviglioso film di Andrew Haigh - 003 001 S 02013 - Gay.it

Estranei – All of Us Strangers, recensione. Andrew Scott e Paul Mescal nel nuovo meraviglioso film di Andrew Haigh

Cinema - Federico Boni 30.10.23
Tutto ciò che mai avremo: Saltburn, la queerness e l’ossessione di classe - Sessp 16 - Gay.it

Tutto ciò che mai avremo: Saltburn, la queerness e l’ossessione di classe

Cinema - Federico Colombo 2.1.24