Parenti Serpenti, il capolavoro di Mario Monicelli dal 1° dicembre finalmente in streaming

“Hai esaudito un sogno!” (cit.).

ascolta:
0:00
-
0:00
Parenti Serpenti, il capolavoro di Mario Monicelli dal 1° dicembre finalmente in streaming - Parenti Serpenti 1 - Gay.it
Parenti Serpenti
3 min. di lettura

Un regalo in anticipo. Solitamente in onda tra Natale e la Befana su La7,  Parenti Serpenti di Mario Monicelli arriverà questo venerdì in streaming, su Netflix, per la gioia dei tanti che ogni anno vogliono immergersi in questo capolavoro natalizio di puro e strabordante cinismo.

Leggi: come li gestisco i parenti bigotti? Posta svagata >

Sceneggiato da Carmine Amoroso con la partecipazione di Suso Cecchi d’Amico, Piero De Bernardi e Monicelli, Parenti Serpenti venne all’epoca quasi del tutto snobbato, tanto dalla critica quanto dal pubblico. Incredibile ma vero la distribuzione cinematografica non avvenne durante le vacanze di Natale del 1991, come originariamente previsto, ma a fine marzo del 1992. 5 anni dopo, su Rete4, la prima visione tv. Candidato a due David di Donatello e a due Nastri d’Argento, uno dei quali vinto per i migliori costumi, il film è ambientato a Sulmona, alla vigilia di Natale.

Per trascorrere come ogni anno le feste insieme ai vecchi genitori, arrivano da varie parte d’Italia le figlie Lina (col marito Michele e il figlioletto Mauro), Milena (col marito Filippo) e i figli Alessandro (con la moglie Gina e la figlia Monica) e Alfredo, che è scapolo. La nonna Trieste, ancora attiva e lucida, e il nonno Saverio, ex carabiniere che invece ha la mente piuttosto confusa, li accolgono con grande gioia, mentre l’atmosfera della casa appare piena di affetto e di calore. In pochi giorni si seguono in tutto le antiche tradizioni, dal baciamano natalizio ai genitori all’albero coi doni, passando per la messa di mezzanotte, il cenone, la tombola, mentre lentamente affiorano i primi screzi e pettegolezzi, specie fra le due sorelle e la cognata. Poi tutto precipita quando nonna Trieste, commossa delle tante dimostrazioni di affetto, durante il pranzo del giorno di Natale, comunica ai congiunti che lei e il nonno hanno deciso di andare a vivere insieme a uno qualsiasi dei figli gli ultimi anni della loro vita, dopo aver scartato con orrore l’idea dell’ospizio. Non l’avessero mai fatto, perché da questo momento in poi sarà guerra totale nella famiglia Confalone…

Un vero cult, un classico di ogni Natale, un monolite della commedia all’italiana degli anni ’90, diventato titolo di uso comune per descrivere le riunioni famigliari, le festività tra parenti, natalizie o meno che siano. Parenti Serpenti è uno di quei rari casi di cinematografia rivalutata, per non dire ritrovata, grazie all’home video prima e alla tv generalista poi, fino ad arrivare all’exploit dei social, dei meme e delle citazioni varie, da recitare a memoria anno dopo anno. A scriverlo, non a caso, tre straordinarie penne del cinema nostrano, qui affidatesi ad un cast in stato di grazia. Non solo Marina Confalone, nel corso della sua carriera vincitrice di cinque David di Donatello, due Nastri d’argento, tre Ciak d’oro e un Premio Ubu per il teatro, ma anche Monica Scattini, il grandioso Paolo Panelli, Pia Valsi, una memorabile Cinzia Leone e un Alessandro Haber all’epoca in abiti tutt’altro che scontati. Il suo Alfredo, scapolo d’oro, tace un’omosessualità mai esplicitata, fino a quando le sorelle e suo fratello non accarezzano l’idea di affidargli i due anziani genitori in quanto unico della famiglia a non avere moglie e a vivere da solo. E qui Alfredo, messo alle strette, fa coming out, annunciando di essere gay e di convivere con un altro uomo: “Si chiama Mario e fa il vigilantes. Cosa volete che vi dica? Ad un certo punto mi sono reso conto che mi piace il cazz*”.

Il ruolo di Haber venne scritto per Giorgio Gaber, che già aveva collaborato con Monicelli in Rossini! Rossini!, ma il cantautore rifiutò in quanto non interessato. Pochi anni dopo lo stesso Haber interpretò un altro personaggio omosessuale un Uomini, Uomini, Uomini di e con Christian De Sica. Da almeno 20 anni Parenti Serpenti è diventato un punto fermo della programmazione televisiva natalizia nostrana, ampliando sempre più la propria fama, il proprio pubblico, arricchendo quella nomea quasi mitologica faticosamente conquistata nel tempo, e ora presto disponibile ad ogni ora del giorno e della notte, senza necessariamente dover attendere la messa in onda generalista.

Cara Netflix, a voler citare Lina al cospetto di un cavatappi a forma di delfino come agghiacciante regalo di Natale, “hai esaudito un sogno!”.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Tiziano Ferro ospite di Voci Parallele

Giuni Russo “Voci Parallele”: Tiziano Ferro, Irene Grandi e tutti gli ospiti del concerto in ricordo di un’artista immensa

Musica - Emanuele Corbo 12.6.24
Alex Wyse in concerto

Alex Wyse contro i pregiudizi: “Siate liberi di essere ciò che siete. Nessuno può porci confini”

Musica - Emanuele Corbo 13.6.24
Niente Olimpiadi di Parigi 2024 per Lia Thomas, la decisione del CAS contro la nuotatrice trans - Lia Thomas - Gay.it

Niente Olimpiadi di Parigi 2024 per Lia Thomas, la decisione del CAS contro la nuotatrice trans

Corpi - Redazione 14.6.24
Dennis Gonzalez, il nuotatore artistico fresco di trionfo europeo che ha sconfitto anche l'omofobia - Dennis Gonzalez - Gay.it

Dennis Gonzalez, il nuotatore artistico fresco di trionfo europeo che ha sconfitto anche l’omofobia

Corpi - Redazione 13.6.24
Bridgerton 3 conferma la prima storia d'amore queer con il bacio tanto atteso, ecco chi coinvolge (SPOILER) - BRIDGERTON 305 Unit 03509R - Gay.it

Bridgerton 3 conferma la prima storia d’amore queer con il bacio tanto atteso, ecco chi coinvolge (SPOILER)

Serie Tv - Redazione 14.6.24
“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Maluma, Leto, Scilla, Ghali, Mendes e tanti altri - specchio specchio - Gay.it

“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Maluma, Leto, Scilla, Ghali, Mendes e tanti altri

Corpi - Redazione 14.6.24

Hai già letto
queste storie?

"How to have sex", l’esordio di Molly Manning Walker: il mondo ci vuole espertə come adulti e inconsapevoli come bambini - Matteo B Bianchi 1 - Gay.it

“How to have sex”, l’esordio di Molly Manning Walker: il mondo ci vuole espertə come adulti e inconsapevoli come bambini

Cinema - Federico Colombo 17.4.24
Love Lies Bleeding, critiche entusiastiche per l'indie movie con Kristen Stewart e Katie O’Brien innamorate - Love Lies Bleeding - Gay.it

Love Lies Bleeding, critiche entusiastiche per l’indie movie con Kristen Stewart e Katie O’Brien innamorate

Cinema - Federico Boni 27.3.24
Rai3 celebra il 17 maggio con la prima tv di Il Signore delle Formiche di Gianni Amelio, film sul "caso Braibanti" - il Signore delle Formiche - Gay.it

Rai3 celebra il 17 maggio con la prima tv di Il Signore delle Formiche di Gianni Amelio, film sul “caso Braibanti”

Cinema - Redazione 17.5.24
La canzone di Achille, Matthew López vuole trasformare in serie tv la storia d'amore tra Achille e Patroclo - La canzone di Achille - Gay.it

La canzone di Achille, Matthew López vuole trasformare in serie tv la storia d’amore tra Achille e Patroclo

Serie Tv - Redazione 12.6.24
The Room Next Door, Tilda Swinton e Julianne Moore per il primo film in lingua inglese di Pedro Almodovar - The Room Next Door Tilda Swinton e Julianne Moore per il primo film in lingua inglese di Pedro Almodovar - Gay.it

The Room Next Door, Tilda Swinton e Julianne Moore per il primo film in lingua inglese di Pedro Almodovar

Cinema - Federico Boni 25.1.24
La Vita che Volevi, intervista a Ivan Cotroneo: "Raccontare storie di persone trans è un atto civile e politico" - La Vita che Volevi VITTORIASCHISANO IVANCOTRONEO - Gay.it

La Vita che Volevi, intervista a Ivan Cotroneo: “Raccontare storie di persone trans è un atto civile e politico”

Serie Tv - Federico Boni 28.5.24
eyes wide shut

Durante le feste si fa più sesso?

Lifestyle - Riccardo Conte 18.12.23
Chi è Eliot Sumner, figliə non-binary di Sting che interpreta Freddie Miles in Ripley - eliot sumner freddie ripley - Gay.it

Chi è Eliot Sumner, figliə non-binary di Sting che interpreta Freddie Miles in Ripley

Serie Tv - Redazione 8.4.24