Riley, recensione. Essere un atleta gay. Il potente coming-of-age autobiografico di Benjamin Howard

In concorso al Lovers Film Festival, un film che racconta quanto vissuto in prima persona dal regista, quando era un giocatore di football al liceo.

ascolta:
0:00
-
0:00
Riley, recensione. Essere un atleta gay. Il potente coming-of-age autobiografico di Benjamin Howard - OFF Riley 03 CourtesyofWindsorFilmCompany 1 - Gay.it
3 min. di lettura

In concorso al Lovers Film Festival di Torino, Riley è un’opera autobiografica, di repressione e accettazione di sè, con il regista e sceneggiatore Benjamin Howard che ha raccontato la propria storia di ex giocatore di football al liceo, che faticava ad abbracciare la propria omosessualità.

Protagonista è l’ambizioso Dakota Riley, interpretato dal bel Jake Holley, che inizia l’ultimo anno del liceo con grandi aspettative per il proprio futuro sportivo ed impegno atletico. Dakota, figlio di un ex campione di football la cui carriera in ascesa venne interrotta da un grave infortunio, vive all’interno di spazi accuratamente definiti: per lui il futuro è un progetto dove tutto è calcolato, su cui ha formato le basi della sua identità. Ma quando la realtà di quell’identità viene messa in dubbio, Dakota è costretto a confrontarsi con le conseguenze del rinnegare sé stesso o del venire a patti con chi è veramente.

Riley, recensione. Essere un atleta gay. Il potente coming-of-age autobiografico di Benjamin Howard - OFF Riley 02 CourtesyofWindsorFilmCompany - Gay.it

Un coming of age estremamente potente, quello scritto e diretto da Howard, perché ambientato all’interno di un ambiente in cui cameratismo fa solitamente rima con bullismo omofobico. Riley è una stella nascente del football americano, sogna da sempre di diventare atleta professionista e quell’omosessualità che sempre più si fa palese non era da lui contemplata, tanto da mettere a repentaglio quanto immaginato. Per provare a metterla a tacere si fidanza con una ragazza con la quale non riesce a fare sesso, mentre comincia a chattare di nascosto su Grindr e ad immaginare nudo il compagno di squadra Jaeden. Tutto precipita quando viene ‘scoperto’ da uno dei pochi ragazzi gay della scuola. Un pomeriggio i due si baciano, Riley va incontro alla sua prima esperienza omosessuale, che lo travolge e stravolge. Ha il terrore che possa sapersi in giro, che quel suo “non essere etero” possa deviare un futuro da lui già scritto e immaginato, che possa tradire le aspettative di genitori e amici.

Riley, recensione. Essere un atleta gay. Il potente coming-of-age autobiografico di Benjamin Howard - OFF Riley 01 CourtesyofWindsorFilmCompany - Gay.it

Benjamin Howard sta addosso al suo protagonista, ai suoi muscoli oliati e tirati, al radioso sorriso che nasconde non poche paure, alla trattenuta rabbia figlia di una repressione che Riley fatica a seppellire e a quella esuberante pulsione sessuale che solo con il compagno di classe Liam, gay della scuola interpretato dal bravissimo Connor Storrie, riesce ad emergere. Ambientata ai giorni nostri, la storia di un adolescente queer che si strugge al cospetto della propria omosessualità potrebbe apparire anacronistica, tant’è che lo stesso Liam dice a Riley che “ormai non importa più niente a nessuno se sei gay”, ma tutto assume senso nel momento in cui subentra il machismo del football, di uno sport muscolare che ancora oggi vede pochissimi giocatori dichiaratamente omosessuali al proprio interno.

Atleta straordinario, Riley piange dalla rabbia dinanzi al bullismo di un compagno di squadra, mentre è un incontro casuale e sessuale con un uomo più grande conosciuto su Grindr ad aprirgli la mente e gli occhi, a fargli capire che tutto quel che aveva pianificato per la propria esistenza sarà comunque stravolto. Che lui si accetti o meno, che lui faccia coming out o reprima, nulla sarà come prima, inevitabilmente. Ma potrà scegliere se accogliere queste differenze vivendo una vita felice, senza maschere, o un’esistenza spaventosamente infelice, costruita sulla paura. Riley non riesce ancora a definirsi e a definire il proprio orientamento, ma lentamente acquisisce consapevolezza, facendo testa o croce tra verità e menzogna, a ritrovare un amico che credeva perduto per un’esplicita avance di troppo, a rialzarsi dopo essere caduto, a ripartire dopo aver placcato timori incosci, andando a meta finalmente a testa alta.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

15 persone famose che non sapevi fossero non binarie - 10 persone famose che non sapevi fossero non binarie - Gay.it

15 persone famose che non sapevi fossero non binarie

Corpi - Gio Arcuri 13.5.24
Sarah Toscano, Amici 23

Sarah Toscano vince Amici 23: è lei la popstar del futuro

Culture - Luca Diana 19.5.24
Sethu, è uscito il suo primo album "Tutti i colori del buio"

Sethu e i colori del buio: “Canto per tendere una mano a me stesso e agli altri, dopo Sanremo la depressione” – Intervista

Musica - Emanuele Corbo 17.5.24
Nemo The Code significato e come è nata

Nemo, il magnifico testo non binario di “The Code” è nato così: ecco cosa racconta davvero

Musica - Mandalina Di Biase 13.5.24
Andrew Scott per Quinn (2024)

Andrew Scott presta la voce ad un’app di racconti erotici

Culture - Redazione Milano 16.5.24
Essere gay e candidarsi come sindaco in provincia, attacchi omofobi a Riccardo Vannetti: "La risposta è l'educazione alle diversità" - INTERVISTA - riccardo vannetti - Gay.it

Essere gay e candidarsi come sindaco in provincia, attacchi omofobi a Riccardo Vannetti: “La risposta è l’educazione alle diversità” – INTERVISTA

News - Francesca Di Feo 17.5.24

Hai già letto
queste storie?

I film LGBTQIA+ della settimana 25/31 marzo tra tv generalista e streaming - film queer 2 - Gay.it

I film LGBTQIA+ della settimana 25/31 marzo tra tv generalista e streaming

Culture - Federico Boni 25.3.24
Elliot Page: "Hollywood è tossica. La comunità LGBTQIA+ non è una nicchia" - close to you 01 - Gay.it

Elliot Page: “Hollywood è tossica. La comunità LGBTQIA+ non è una nicchia”

Cinema - Redazione 19.3.24
Estranei di Andrew Haigh arriva su Disney+ - 003 001 S 02013 - Gay.it

Estranei di Andrew Haigh arriva su Disney+

Culture - Redazione 18.4.24
Lovers 2024, ospiti Paolo Camilli, Annagaia Marchioro e Guglielmo Scilla. In anteprima Lil Nas X: Long Live Montero - Lil Nas X - Gay.it

Lovers 2024, ospiti Paolo Camilli, Annagaia Marchioro e Guglielmo Scilla. In anteprima Lil Nas X: Long Live Montero

Cinema - Redazione 19.3.24
I film LGBTQIA+ della settimana 15/21 gennaio tra tv generalista e streaming - film lgbt gennaio - Gay.it

I film LGBTQIA+ della settimana 15/21 gennaio tra tv generalista e streaming

Cinema - Federico Boni 15.1.24
Guglielmo Scilla, intervista: "Mi sconsigliarono di fare coming out. Potessi tornare indietro lo farei prima" - Guglielmo Scilla foto - Gay.it

Guglielmo Scilla, intervista: “Mi sconsigliarono di fare coming out. Potessi tornare indietro lo farei prima”

Culture - Federico Boni 18.4.24
saltburn elordi sperma keoghan

Saltburn, Jacob Elordi e la scena cult dello sperma: “Orgoglioso che Barry Keoghan …”

Cinema - Redazione 21.11.23
Love Lies Bleeding, Katy O'Brian parla delle scene di sesso con Kristen Stewart - Love Lies Bleeding - Gay.it

Love Lies Bleeding, Katy O’Brian parla delle scene di sesso con Kristen Stewart

Cinema - Redazione 18.3.24