20.000 specie di Api, recensione. Tra identità, corpo e genere, tu chiamala con il suo vero nome

Candidato a 15 premi Goya e in trionfo a Berlino, folgorante esordio per Estibaliz Urresola Solaguren, dal 14 dicembre nelle sale d’Italia.

ascolta:
0:00
-
0:00
20.000 specie di Api, recensione. Tra identità, corpo e genere, tu chiamala con il suo vero nome - AH 20000speciediapi foto3 - Gay.it
20.000 specie di Api di Estibaliz Urresola Solaguren
3 min. di lettura

Un piccolo grande film, un delicato e riuscito esordio. Dopo aver incantato il Festival di Berlino, 20.000 specie di Api di Estibaliz Urresola Solaguren arriva nelle sale d’Italia, dal 14 dicembre con I Wonder Pictures, raccontando una storia d’accettazione di sé adolescenziale, un coming-of-age che ha visto la piccola Sofia Otero vincere un più che meritato Orso d’Argento.

Cocó, 8 anni, si sente fuori posto e non capisce perché. Non si riconosce nel suo nome di battesimo, Aitor, né nello sguardo e nelle aspettative di chi ha intorno. Nel corso di un’estate nella campagna basca a casa della nonna – tra le gite al fiume, l’apicoltura e i saggi consigli di sua zia Lourdes – Cocò riesce finalmente ad affrontare i propri dubbi e le proprie paure, trovando la propria vera identità, abbracciando il suo vero nome.

20.000 specie di Api, recensione. Tra identità, corpo e genere, tu chiamala con il suo vero nome - 20.000 specie di Api - Gay.it

È un film quantomai attuale, quello scritto e girato dalla debuttante Solaguren, che riflette splendidamente sull’identità, sul corpo e sul genere, sulle relazioni familiari e sociali che coinvolgono una persona transgender. In questo caso una bambina, che agli sconosciuti si presenta con un nome da lei inventato, che guardandosi allo specchio si domanda cosa abbia di sbagliato, perché non si riconosca in quel corpo, a differenza di suo fratello e sua sorella maggiore. Sua mamma Ane non vuole imbrigliarla nei limiti del rigido sistema sesso-genere. Asseconda le sue richieste, vedi i capelli lunghi, le unghie pittate e i braccialetti colorati, mentre gli altri continuano a chiamarla con quel nome che lei detesta, Aitor, un nome maschile che sente non appartenerle.

Solaguren, che nel processo di scrittura del film ha conosciuto una ventina di famiglie con bambini trans di età compresa tra i 3 e i 9 anni, alterna ritmi, prendendosi tutto il suo tempo, abbracciando silenzi, dialoghi solo apparentemente secondari, affrontando di petto il peso delle tradizioni familiari, sociali e culturali, mostrando una micro-società che inevitabilmente condizione la giovane protagonista. Sua mamma, scultrice, plasma la cera d’api trasformandola in splendide statue, realizzando corpi perfetti. Cocò, che vorrebbe fare altrettanto sulla propria persona, cerca ascolto, esplicitando domande, preoccupazioni e verità che gli adulti continuano a non cogliere, perché impreparati a farlo. Solo sua zia la capisce, le tende la mano, intuendo un disagio, percependo paure tangibili.

20.000 specie di Api, recensione. Tra identità, corpo e genere, tu chiamala con il suo vero nome - AH 20000speciediapi foto2 - Gay.it

20.000 specie di Api, recensione. Tra identità, corpo e genere, tu chiamala con il suo vero nome - AH 20000speciediapi foto4 - Gay.it

Candidato a ben 15 premi Goya, 20.000 specie di Api colpisce nella sua naturalezza, non solo interpretativa ma anche registica, perché la visione di Solaguren è volutamente naturalistica, fuggendo dall’artificialità, mostrando la realtà nel modo più naturale possibile, negandosi qualsiasi musica extradiegetica, con luci quasi sempre e solo naturali. Sofia Otero, scelta tra 500 aspiranti protagoniste, è semplicemente eccezionale, sbalorditiva. La sua Cocò che si immagina sirena e ape regina è intensa, commovente, incredibilmente vera, in bilico perenne tra il proprio riflesso interiore e quello esteriore, tra percezione di sé e altrui. L’intero film poggia sulle sue docili spalle, con la sempre più lanciata Patricia López Arnaiz negli abiti di una madre che vede sua figlia distante, combattuta, arrabbiata, non capendone la motivazione. Il rapporto tra Cocò e Ane, intenso e al tempo stesso conflittuale, è profondamente tenero, tra silenzi forzati, timide domande e inattese rivelazioni. Solaguren ha volutamente ambientato l’intero film nei Paesi Baschi, divisi da un confine che qui si fa barriera mentale, limite che i suoi protagonisti dovranno superare. Non a caso la regista ha voluto prevalentemente utilizzare il basco, in quanto lingua la cui grammatica non prevede il genere, dando così alla sua protagonista la possibilità di liberarsi da catene linguistiche.

20.000 specie di Api affronta con sapienza la questione dell’identità ampliandone la visione, provando a capire come le relazioni familiari possano influenzare il viaggio verso l’autodeterminazione. Solaguren prende di petto quel sistema che rifiuta e punisce socialmente le zone intermedie che esistono tra i due estremi, ovvero tra ciò che viene considerato maschile e femminile. Un retaggio perfettamente rappresentato dalla figura del padre e dal suo lavoro, che Cocò guarda con orrore e timore, fino ad abbracciare sul finale un crescendo emotivo che colpisce dritto al cuore.

20.000 specie di Api, recensione. Tra identità, corpo e genere, tu chiamala con il suo vero nome - Poster 20.000 specie di Api - Gay.it

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

kyiv-pride-2024

Ucraina, perché il primo Kiev Pride dall’inizio dell’invasione russa è durato solo 30 minuti

News - Francesca Di Feo 18.6.24
Tormentoni Queer estate 2024

Estate 2024, quali sono i tormentoni queer? La playlist di Gay.it

Musica - Luca Diana 4.6.24
Annalisa celebra il Roma Pride 2024: "È stata una delle giornate più belle della mia vita" (VIDEO) - Annalisa - Gay.it

Annalisa celebra il Roma Pride 2024: “È stata una delle giornate più belle della mia vita” (VIDEO)

Musica - Redazione 17.6.24
Marco Mengoni e Xavier Dolan alla sfilata di Fendi SS25 - foto instagram @mengonimarcoofficial

Marco Mengoni e la scaramuccia con Xavier Dolan, mentre Nicholas Galitzine ride con Aron Piper

Lifestyle - Mandalina Di Biase 16.6.24
11 sportivi lgbt

Sport e comunità LGBTIQ+: 14 storie che devi conoscere

News - Gio Arcuri 18.6.24
Calciatori Gay Italia Nazionale Europei 2024

“Uno o due calciatori gay nella Nazionale italiana agli Europei di Germania 2024”

Lifestyle - Redazione Milano 18.6.24

Continua a leggere

The History of Sound, il film d'amore con Paul Mescal e Josh O'Connor sarà a Venezia? Parla il regista - The History of Sound il film damore con Paul Mescal e Josh OConnor sara a Venezia - Gay.it

The History of Sound, il film d’amore con Paul Mescal e Josh O’Connor sarà a Venezia? Parla il regista

Cinema - Redazione 12.6.24
Andrea Spezzacatena ragazzo dai capelli rosa

Il Ragazzo dai Pantaloni Rosa, al via le riprese del film sulla storia vera di Andrea Spezzacatena

Cinema - Luca Diana 28.4.24
Trace Lysette (ELLE)

Con o senza Oscar, Trace Lysette ha già vinto per la comunità trans*

Cinema - Redazione Milano 5.1.24
Hunter Schafer e la storia d'amore con Rosalìa durata 5 mesi: "Oggi è famiglia, qualunque cosa accada" - Hunter Schafer e Rosalia - Gay.it

Hunter Schafer e la storia d’amore con Rosalìa durata 5 mesi: “Oggi è famiglia, qualunque cosa accada”

Culture - Redazione 3.4.24
Saltburn è uscito, ecco dove vederlo e cosa sapere - Saltburn - Gay.it

Saltburn è uscito, ecco dove vederlo e cosa sapere

Cinema - Redazione 22.12.23
Tutto ciò che mai avremo: Saltburn, la queerness e l’ossessione di classe - Sessp 16 - Gay.it

Tutto ciò che mai avremo: Saltburn, la queerness e l’ossessione di classe

Cinema - Federico Colombo 2.1.24
Blade Runner 2099, Hunter Schafer sarà la protagonista della serie tv - Hunter Schafer - Gay.it

Blade Runner 2099, Hunter Schafer sarà la protagonista della serie tv

Serie Tv - Redazione 7.6.24
Arriva Matrix 5, sarà il primo film della saga senza Lana e/o Lilly Wachowski alla regia - MATRIX RESURRECTIONS 1 MX4 TRLR 0002 High Res JPEG - Gay.it

Arriva Matrix 5, sarà il primo film della saga senza Lana e/o Lilly Wachowski alla regia

News - Redazione 4.4.24