L’arte di Mar Coyol nel Messico LGBTQI+ tra oppressione coloniale, razzismo e odio omobitransfobico – intervista

L'artista e attivista ci racconta la vulnerabilità della comunità queer in Messico

ascolta:
0:00
-
0:00
L'arte di Mar Coyol nel Messico LGBTQI+ tra oppressione coloniale, razzismo e odio omobitransfobico - intervista - FORMATO COVER 2 - Gay.it
7 min. di lettura

Mar Coyol si definisce un militante contro il sistema coloniale di oppressione del sesso e del genere; originario dello Stato del Messico, è un artista e attivista transdisciplinare, con un particolare interesse per le realtà dissidenti e la cultura queer. Il suo lavoro si focalizza principalmente sul rapporto tra corpo, genere e razza.

L'arte di Mar Coyol nel Messico LGBTQI+ tra oppressione coloniale, razzismo e odio omobitransfobico - intervista - 04 Mar Coyol luchadorxas 2 - Gay.it

Mar Coyol sta attualmente ultimando il Master in Arti e Design presso l’UNAM con il progetto: Ti amo fr*cio, ed è il fondatore di MUÉGANXS e MALA.
MUÉGANXS è una piattaforma fisica e digitale di co-creazione, ricerca e sperimentazione transdisciplinare che permette di rendere visibili e collegare progetti artistici e culturali incentrati su azioni queer, transfemminismi, sieropositività e collettivi LGBTQI+ Antiracist.

L'arte di Mar Coyol nel Messico LGBTQI+ tra oppressione coloniale, razzismo e odio omobitransfobico - intervista - 01 Mar Coyol uniforme vf scaled - Gay.it

MALA invece è un progetto di galleria virtuale attivo dal 2019. Il Museo dell’Arte Latinomaricxn Antirazzista, consiste in uno spazio dove artist* e intellettual* e libere creatività possono generare mostre, dialoghi e riflessioni visive. Il MALA supporta soprattutto progetti collettivi o lavori con sensibilizzazione della comunità LGBTQI+. Alcuni progetti sono legati alla cultura queer, al transfemminismo, alla sieropositività e all’antirazzismo. Tutti le opere sono disponibili per la consultazione, con l’intento di preservare e salvare le memorie della dissidenza sessuale razzializzata.

Abbiamo incontrato Mar Coyol per voi.

L'arte di Mar Coyol nel Messico LGBTQI+ tra oppressione coloniale, razzismo e odio omobitransfobico - intervista - hazlo todo con amor scaled - Gay.it
Hazlo todo con amor

Omosessualità in Messico, cosa ne pensi della situazione attuale?

In Messico, come in molti paesi, continuiamo a lottare per le nostre vite. Il Messico si classifica come il secondo paese in LATAM con più crimini di odio, legati alla nostra identità di genere e di espressione; trans, razzializzati e donne sono le persone più vulnerabili della popolazione. Il contesto messicano può essere osservato da vari punti di vista; nonostante si presume sia un paese con diritti sulla carta garantiti per le popolazioni LGBTQI+, di fatto questi diritti sono offuscati da altri sistemi di oppressione come classe, razza, etnia, geografia, sessualità, ecc.
Allo stesso tempo esistono anche molte altre situazioni positive, ci sono persone che cercano di combattere e rompere il razzismo, l’odio classista, quello esotico e omo-bi-transfobico; per esempio abbiamo avuto il primo contingente di Brown e Popolo Nero durante il Pride di Città del Messico, che è riuscito a sostenere e sottolineare argomenti importanti come il razzismo interno alla comunità LGBTQI+. Ci sono anche altri collettivi e comunità che oggi sono molto influenti, come l’Archivo Memoria trans México (archivio per la memoria trans), la Sala da ballo movimento della comunità a Città del Messico come anche in altri stati del paese. Ci sono poi Las Velas e le attività della comunità organizzate dalle nostre sorelle Muxe, quindi i segnali di generale dinamismo e attivismo da parte delle minoranze oppresse ci sono.

L'arte di Mar Coyol nel Messico LGBTQI+ tra oppressione coloniale, razzismo e odio omobitransfobico - intervista - coyol - Gay.it

Il tuo lavoro può essere considerato un esempio di ribellione per i diritti LGBTQ o una celebrazione dell’amore?

Non credo che sia un esempio di ribellione, invece penso sia più una possibilità e una riaffermazione della nostra esistenza, per noi, le persone che appartengono alla dissidenza razzializzata, sessuale e di genere. Quelle vite che ancora esistono dopo più di 500 anni di colonizzazione, e che non appartengono soltanto alla sigla LGBT, ma enunciano diverse identità preesistenti, come i Mux, o il due-spirito, o altre diversità delle quali sono ricche le realtà delle comunità rurali.
Il mio lavoro potrebbe essere una celebrazione dell’amore, l’amore per la nostra vita, per la mia vita, il mio colore della pelle, e per la conservazione e costruzione della storia delle nostre esperienze e della nostra arte. Una profonda confutazione della visibilità negativa, di quella l’invalidazione perpetrata ai corpi, in un mondo, e in particolare in un paese, dove i rinomati artisti LGBTQI+ sono per lo più bianchi.
Vedo la mia arte non solo nelle forme visive come la pittura, la fotografia o il disegno, ma mi impegno anche per quell’arte che nasce dalla comunità nei progetti collettivi del nostro popolo.

L'arte di Mar Coyol nel Messico LGBTQI+ tra oppressione coloniale, razzismo e odio omobitransfobico - intervista - deja de exotizar cuerpxs prietxs scaled - Gay.it
Deja de exotizar cuerpxs prietxs

Quanto sono autobiografici i tuoi lavori?

Penso che lo siano, in un certo modo. A volte le mie opere mettono becco nell’archivio della mia vita, nella mia infanzia, nei miei dolori, attingono al razzismo e al classismo che ho subito. Ma d’altra parte, collaboro anche con i miei amici, per cercare di immaginare o affrontare questo colonialismo strutturale in cui viviamo, questa perenne esaltazione del bianco sul non bianco. Sto parlando di un contesto che colpisce più della metà della popolazione, un contesto nel quale l’indice di potere d’acquisto appartiene principalmente ai messicani con la pelle chiara, e dall’altro lato, persone impoverite, i detenuti, coloro che sono espulsi dalle loro case e costretti a migrare, sono sempre persone con toni di pelle più scuri.

L'arte di Mar Coyol nel Messico LGBTQI+ tra oppressione coloniale, razzismo e odio omobitransfobico - intervista - 2 1 scaled - Gay.it

Quanto è libera l’arte in Messico?

L’arte della dissidenza sessuale e di genere in Messico è ancora qualcosa di cui la gente non parla nel quotidiano. Ciò corrisponde “naturalmente” al contesto di homo-bi-transfobia del mondo in cui viviamo, e i processi di evangelizzazione e colonizzazione che sopportiamo in questo territorio di Abya Yala (nome con i quali i nativi riconoscono quell’area in contrapposizione ai nomi imposti dalla ferocia coloniale ndr). Il dissidente effettua processi creativi 365 giorni l’anno, ma l’agenda culturale in Messico si dedica a parlarne solo a giugno per il Pride! In questo modo, è davvero difficile insistere sul dialogo in spazi pubblici e privati per affrontare i problemi che riguardano la comunità LGBTQI+.

L'arte di Mar Coyol nel Messico LGBTQI+ tra oppressione coloniale, razzismo e odio omobitransfobico - intervista - Latinomarica scaled - Gay.it
Latinomarica

Sei stato censurato nel concreto?

Io personalmente ho subito diversi processi di censura e pressioni per mettere a disagio il mio lavoro. Il primo è stato un murale che ho dipinto nel quartiere di Lagunilla a Città del Messico, tutti i personaggi sono stati deturpati, in particolar modo sul viso, come un atto di disprezzo del dipinto, nel quale trans e identità non-binarie venivano esaltate. La stessa cosa è avvenuta al bacio che celebrava l’amore e la carnagione scura, l’amore nel “barrio”. Più tardi, sono intervenuto su quelle immagini vandalizzate con slogan come “La mia esistenza è indelebile” e “il nostro amore resisterà”.

Di recente la censura ha colpito una curatela chiamata “Salón de Belleza, mai più un Messico senza di noi“, nelle strutture della metropolitana di Città del Messico. Jaime López Vela, attuale direttore del dipartimento di cultura del Metro System, è stato censurato su più di 18 opere, con temi su: hiv, identità trans e non binarie, nazioni indigene, razzismo. Alla fine, quella mostra semplicemente non è stata presentata.

L'arte di Mar Coyol nel Messico LGBTQI+ tra oppressione coloniale, razzismo e odio omobitransfobico - intervista - Amor prohibido scaled - Gay.it
Amor prohibido

Dunque com’è la vita per la comunità LGBTQI+ in Messico?

La vita a Città del Messico, dalla mia esperienza, è veloce, complessa, piena di gioie e cose inaspettate, una sfida costante, Qui si possono realizzare i vostri sogni, ma qui si può anche morire.
C’è un sacco di magia e persone che testardamente lo fanno in diversi modi, pur di ottenere una vita più calma e pacifica. C’è troppa storia perduta che deve essere recuperata per noi e le persone che sono state de-indigenizzate. Abbiamo un patrimonio molto antico di conoscenza sulla spiritualità, il nahualismo (nella mitologia mesoamericana il Nahual  è considerato lo spirito buono, simile ad un angelo guardiano, che si manifesta sotto la forma di un animale. Al momento è una sfida rendere queste pratiche parte di noi ndr – fonte wikipedia).
Nel quadro dello Stato-Nazione di quello che oggi viene chiamato Messico, c’è una pesante lotta per la vita, per il territorio, per l’acqua, per la non-militarizzazione, per generare una vita buona, una vita in cui i sistemi oppressivi non devono essere un’opzione. Ci sono anche spazi per la riflessione e l’ascolto, per ballare, cantare e celebrare, dove si può andare a ballare con la famiglia scelta, stare insieme, salutare i successi e i sogni, con una birra in mano, o anche in lutto con un cuore spezzato, con la musica di Juan Gabriel in sottofondo…

L'arte di Mar Coyol nel Messico LGBTQI+ tra oppressione coloniale, razzismo e odio omobitransfobico - intervista - 1 scaled - Gay.it

Hai un’opera alla quale ti senti particolarmente legato?

Sì, mi piacciono particolarmente due opere specifiche. Un dipinto ad olio chiamato “Amor Prohibido” (amore proibito), che rende visibile il viaggio di trasporto pubblico di migliaia di persone che devono viaggiare quotidianamente dal Estado de México a Città del Messico, per trovare condizioni migliori. In quei trasporti tutto può accadere, un assalto, un pisolino, truccarsi o anche innamorarsi…
E l’altro si chiama “Un Día más de vida lo haré posible” (un altro giorno di vita, lo renderò possibile), un autoritratto della mia infanzia, con tre dei miei fratelli biologici, in una situazione di cross-dressing e complicità. Mostrando che esistono diverse infanzie, anche nelle loro complessità e contesti. Ho pensato al titolo del lavoro per il mio compleanno, perché è un momento potente in cui fai una dichiarazione di voler continuare a vivere, soprattutto in un mondo che ci nega il diritto di esistere; quindi, siamo noi stessi, le persone LGBTQI+, a rendere possibile la nostra vita e la nostra cura.

http://mueganxs.com/index.html

https://www.instagram.com/coyol_mar/

L'arte di Mar Coyol nel Messico LGBTQI+ tra oppressione coloniale, razzismo e odio omobitransfobico - intervista - infancias libres y diversas scaled - Gay.it
Infancias libres y diversas

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Charli XCX e Troye Sivan partono in tour insieme

Charli XCX e Troye Sivan annunciano un tour insieme: “È l’evento gay della stagione”

Musica - Emanuele Corbo 18.4.24
Angelina Mango Marco Mengoni

Angelina Mango ha in serbo una nuova canzone con Marco Mengoni e annuncia l’album “poké melodrama” (Anteprima Gay.it)

Musica - Emanuele Corbo 18.4.24
Sandokan, c'è anche Samuele Segreto nella serie Rai con Can Yaman, Ed Westwick e Alessandro Preziosi - Sandokan - Gay.it

Sandokan, c’è anche Samuele Segreto nella serie Rai con Can Yaman, Ed Westwick e Alessandro Preziosi

Serie Tv - Redazione 18.4.24
Marco Mengoni insieme a Fra Quintale e Gemitaiz canta "Un fuoco di paglia" di Mace, nell'album MAYA. Nel ritornello, Marco si rivolge ad un amore con una desinenza di genere maschile.

Marco Mengoni, una strofa d’amore a un uomo

Musica - Mandalina Di Biase 19.4.24
Amadeus, Sanremo Giovani 2023

Sanremo verso Mediaset, Amadeus in onda sul NOVE già a fine agosto con tre programmi

Culture - Mandalina Di Biase 18.4.24
Jakub Jankto coming out

Jakub Jankto: “Agli altri calciatori gay dico di fare coming out. Non abbiate paura, non succede nulla”

Corpi - Redazione 17.4.24

Hai già letto
queste storie?

"Fiesta", il ritorno in teatro dell'omaggio a Raffaella Carrà. Leggi l'intervista all'autore e regista Fabio Canino - Snapinsta.app 409955584 18303087 1 - Gay.it

“Fiesta”, il ritorno in teatro dell’omaggio a Raffaella Carrà. Leggi l’intervista all’autore e regista Fabio Canino

News - Giorgio Romano Arcuri 30.12.23
messico-violenza-persone-trans

Messico, è un massacro: quattro gli omicidi di persone trans documentati dall’inizio dell’anno

News - Francesca Di Feo 18.1.24
Max Peiffer Watenphul. Dal Bauhaus all'Italia

Max Peiffer Watenphul e la scena queer mai più dimenticata della scuola Bauhaus

Culture - Redazione Milano 30.11.23
mammeamodonostro-intervista

Il viaggio di Giada e Iris continua: benvenuto Giulio, il fiore più bello sbocciato nelle avversità

News - Francesca Di Feo 7.2.24
Lorenzo Licitra, l'intervista. "Sanremo è un sogno, con Gabriele Rossi è tutto più bello" - LORENZO LICITRA LIBERO 2023 1 - Gay.it

Lorenzo Licitra, l’intervista. “Sanremo è un sogno, con Gabriele Rossi è tutto più bello”

Musica - Federico Boni 27.10.23
(variety)

Emerald Fennell vuole provocarci (senza farci vergognare)

Cinema - Riccardo Conte 16.11.23
Biennale Arte Venezia 2024 - Foreign Everywhere by Adriano Pedrosa

Siamo ovunque: cosa aspettarci dalla Biennale queer e decolonizzata di Adriano Pedrosa

Culture - Redazione Milano 2.2.24
Gabriele Virgilio

Gabriele Virgilio, dalla Puglia al palco dell’Elodie Show 2023: leggi l’intervista

Culture - Luca Diana 13.12.23