LED, il corso di formazione di EDGE sull’inclusione e l’empowerment per dipendenti LGBTQIA+ e alleat*

Come contrastare le discriminazioni sul posto di lavoro e al contempo fornire a dipendenti LGBTQIA+ e alleat* opportunità di crescita che valorizzino la loro unicità? Questi e altri contenuti nel nuovo corso di formazione di EDGE.

ascolta:
0:00
-
0:00
led-corso-di-formazione-edge
3 min. di lettura

Secondo lǝ espertǝ intervenuti al panel “LGBTQIA+ Inclusion At Work” durante il 27esimo World Economic Forum, le aziende che adottano un approccio inclusivo internamente e che sostengono le cause LGBTQIA+ tendono a mostrare una maggiore resilienza economica.

Eppure, più del 40% delle imprese a livello globale non aggiorna le proprie politiche in quest’ambito. Forse, proprio perché in moltǝ non sanno da dove iniziare.

È proprio qui che viene in aiuto EDGE, network con l’obiettivo di favorire la crescita professionale e l’espressione dei dipendenti LGBTQIA+ e nel contempo aiutare le aziende a migliorare le proprie politiche in ambito di inclusione.

Quale occasione migliore se non il progetto di formazione LED 2024 di EDGE per iniziare il proprio percorso rainbow?

Cos’è LED di EDGE?

LED, acronimo di Leadership Empowerment in Diversity, è un progetto di formazione che EDGE – in collaborazione con la Camera di Commercio LGBT – porta avanti dal 2021, con l’obiettivo di fornire a professionistǝ, manager, lavoratorǝ LGBTQIA+ e alleatǝ una piattaforma di apprendimento unica nel suo genere. 

Articolato in tre filoni tematici principali, il programma 2024 si propone come un percorso innovativo e multifaccettato, volto a esplorare profondamente le dinamiche interpersonali nel mondo professionale, con un focus particolare sull’inclusività e lo sviluppo personale.

Si parte con un approfondimento sulle sottili forme di microaggressioni nei contesti lavorativi e le strategie concrete per riconoscerle e neutralizzarle.

Il secondo filone pone invece l’accento sull’importanza dell’autosviluppo, invitando lǝ partecipanti a riflettere sul significato di “essere la migliore versione di sé” e sulle modalità per raggiungere tale obiettivo in maniera autentica.

Infine, il tema della connessione interpersonale gioca un ruolo cruciale nel completare il puzzle, approfondendo tecniche per comprendere meglio i contesti sociali, riconoscere e valorizzare lǝ alleatǝ e comunicare efficacemente, anche in situazioni di potenziale conflitto o incomprensione.

Come si svolge il corso di formazione LED?

Il programma si articola in 11 appuntamenti a partire dal 27 febbraio fino a ottobre, ciascuno dei quali è dedicato a sviluppare una delle tematiche chiave attraverso un approccio interattivo che include storytelling, group coaching, interviste con esperti e roleplay. 

Una struttura pensata per offrire ai partecipanti una profonda immersione nei temi trattati e promuovere un confronto costruttivo, con l’obiettivo di sviluppare competenze trasversali applicabili sia nella vita professionale che personale.

Gli incontri sono pensati per essere fruibili in modalità ibrida, offrendo flessibilità e accessibilità a chi non può partecipare fisicamente.

Il culmine del programma è rappresentato dal weekend LED “Incontriamoci”, un’occasione unica di networking e scambio diretto tra i partecipanti, espertǝ di EDGE e ospiti d’eccezione, all’insegna dell’inclusione e del miglioramento continuo.

In aggiunta, il programma LED offre l’opportunità di partecipare a incontri pubblici organizzati da EDGE su tematiche di rilevanza sociale e professionale, ampliando ulteriormente il raggio d’azione del percorso formativo verso l’importante tema dell’inclusione nel mondo del lavoro e del business.

In qualità di orgogliosi partner, siamo entusiasti di annunciare una speciale opportunità esclusivamente riservata allǝ lettorǝ di Gay.it: un sconto del 10% sui corsi di formazione LED 2024!

(segnala nella mail di contatto che sei un* utente di Gay.it)

Cos’è EDGE?

EDGE è il primo network tutto a tema LGBTQIA+, che funge da catalizzatore per l’inclusione e la valorizzazione delle persone LGBTIQIA+ e dei loro alleati nel contesto lavorativo e sociale italiano.

Questa rete, intrinsecamente consapevole del potenziale insito nella diversità, si impegna a trasformare il panorama professionale, promuovendo un ambiente in cui ogni individuo possa essere riconosciuto per il proprio valore unico.

Con una visione chiara e un approccio proattivo, EDGE mira a costruire ponti tra la comunità LGBTIQIA+, lǝ decisorǝ aziendali e pubblicǝ, per sensibilizzare su tematiche di inclusione e cogliere le opportunità che essa offre.

L’attività di EDGE si sviluppa attraverso un’azione integrata che intreccia il networking tra professionistǝ, l’interazione con il tessuto sociale e associativo, e il dialogo con il mondo aziendale e le istituzioni e la formazione. 

Un impegno mosso dalla convinzione che comprendere il “costo sociale ed economico” della discriminazione sia fondamentale per promuovere una cultura della visibilità, in cui la diversità è riconosciuta come un valore aggiunto.

Attraverso iniziative come LED, EDGE non solo favorisce lo scambio di esperienze e l’empowerment reciproco tra lǝ suǝ sociǝ, ma si propone anche come un gruppo di pressione influente, capace di orientare le scelte politiche e manageriali verso una maggiore equità in un costante impegno di sensibilizzazione e promozione mirato a instaurare un dialogo costruttivo con le aziende per incoraggiarle a percorrere la strada dell’uguaglianza di trattamento e dell’inclusione sul posto di lavoro.

La visione di EDGE, dunque, non si limita alla mera lotta contro la discriminazione, ma aspira a una trasformazione culturale profonda, in cui la diversità viene vista come una leva strategica per lo sviluppo sociale ed economico.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Mary & George, Oliver Hermanus e le scene di sesso gay: "Orge difficili da coreografare, le volevo autentiche" - Mary e George cover - Gay.it

Mary & George, Oliver Hermanus e le scene di sesso gay: “Orge difficili da coreografare, le volevo autentiche”

Serie Tv - Federico Boni 1.3.24
I SAW THE TV GLOW (2024)

I Saw The Tv Glow: guarda il trailer dell’attesissimo film horror trans* – VIDEO

Cinema - Redazione Milano 29.2.24
discorso-d-odio-politici-europei

Discorso d’odio anti-LGBTQIA+ in crescita nelle aule istituzionali europee: “I diritti umani sono in discussione”

News - Francesca Di Feo 1.3.24
Federico Massaro, Grande Fratello

Grande Fratello, il messaggio di Federico Massaro per il fratello transgender

Culture - Luca Diana 29.2.24
stati-uniti-transfobia-omofobia-antisemitismo-e-suprematismo-bianco-dilagano-nelle-fila-del-partito-repubblicano (2)

Stati Uniti: transfobia, omofobia, antisemitismo e suprematismo bianco dilagano nel Partito Repubblicano

News - Francesca Di Feo 1.3.24
David Utrilla - da 37 anni vive con Hiv

A volte dimentico di avere l’Hiv: la nostra serie per raccontare l’importanza dell’equazione U=U

Corpi - Daniele Calzavara 2.3.24

I nostri contenuti
sono diversi

donne-lesbiche-guadagnano-di-piu

Le lesbiche guadagnano di più delle donne etero a causa degli uomini

News - Francesca Di Feo 10.1.24
Copyright @Danimale_sciolto

Cosa significa decriminalizzare il sex work: oltre lo stigma e la violenza istituzionale

Corpi - Redazione Milano 21.12.23
arcobaleno rainbow

Treviso, marmista licenziato perché gay fa causa all’azienda

News - Francesca Di Feo 29.11.23
world-economic-forum-lgbt-politiche-inclusive

World Economic Forum, le politiche inclusive fanno bene al business

News - Francesca Di Feo 19.1.24
TIM parità di genere - Lo spot di Giuseppe Tornatore

Cosa ne pensate dello spot sulla parità di genere che fa arrabbiare i Fascisti d’Italia?

Culture - Redazione Milano 4.1.24
lavoro lgbt diversity inclusion coppia lesbica.jpg

Lavoro, a che punto sono le aziende italiane in tema di inclusione della diversità?

News - Francesca Di Feo 29.11.23
cgil-tesseramento-alias

Anche CGIL apre al tesseramento alias: “L’accoglienza delle tante diversità non è un qualcosa di facoltativo, ma necessario”

News - Francesca Di Feo 21.1.24
Maurizio Landini

CGIL, diritti LGBTIQ+ non menzionati nella manifestazione di Sabato 7 ottobre a Roma

News - Redazione Milano 5.10.23