Anche CGIL apre al tesseramento alias: “L’accoglienza delle tante diversità non è un qualcosa di facoltativo, ma necessario”

È il primo sindacato in Italia a implementare una politica di questo tipo.

ascolta:
0:00
-
0:00
cgil-tesseramento-alias
Da oggi, persone trans, non binarie e gender non conforming potranno tesserarsi a CGIL con il loro genere e nome d'elezione.
3 min. di lettura

Il tesseramento alias sbarca anche in CGIL. Grazie a un aggiornamento dei sistemi di registrazione, da oggi persone trans, non binarie e gender non conforming potranno iscriversi al sindacato indicando la propria identità di genere e nome di elezione.

CGIL – primo sindacato a implementare un sistema simile – rinnova quindi la propria vicinanza alle cause LGBTQIA+ con una politica inclusiva, volta ad accogliere ed abbracciare tutte le identità anche prima dell’adeguamento anagrafico a seguito dei percorsi di affermazione di genere.

La CGIL mette in atto una pratica inclusiva, che renderà la più grande organizzazione sindacale italiana un luogo più accogliente e sicuro per tutte le persone, supplendo ad un ritardo legislativo che il nostro Paese continua ad avere nei confronti delle persone che non si riconoscono nel genere assegnato alla nascita, che sono costrette a un lungo calvario inutile e doloroso per poter affermare la propria identità di genere” commenta Christian Leonardo Cristalli, Responsabile politiche Trans di Arcigay.

Coloro che non si riconoscono nel genere assegnato alla nascita, e che non hanno ancora avviato le procedure formali per il cambio di genere e nome, potranno evitare nei rapporti col sindacato la violenza quotidiana del deadname, nonché la necessità di esporsi inutilmente in situazione potenzialmente non sicure.

“La scelta di CGIL è fondamentale” prosegue Manuela Macario, Responsabile Lavoro di Arcigay, “contribuirà a rendere i luoghi di lavoro e le organizzazioni che in quei luoghi agiscono come spazi aperti alla partecipazione di tutte le persone lavoratrici, a prescindere dalla propria Identità di genere prosegue. Un messaggio importante quello che manda l CGIL su quanto l’accoglienza delle tante diversità non sia un qualcosa di facoltativo, ma necessario per essere realmente rappresentativi del mondo del lavoro e dei suoi bisogni”.

Come funziona il tesseramento alias di CGIL?

L’aggiornamento dei sistemi informativi di tesseramento SinArgo e Gps3d, in linea con le decisioni dell’Assemblea Organizzativa del 2022, permette quindi la registrazione delle iscritte e degli iscritti utilizzando le identità alias.

Il nuovo processo richiede alcune modifiche nelle procedure attuali. In primo luogo, tutte le deleghe di tesseramento includono ora una scelta di genere, con le opzioni “maschio“, “femmina” e “altro“, per rispecchiare meglio la varietà delle identità di genere. In aggiunta, un nuovo campo denominato alias è stato inserito dopo i campi “Nome e Cognome, dove gli iscritti possono comunicare il loro nome di elezione. Altre funzionalità verranno sviluppate gradualmente, con l’impegno da parte della CGIL di aggiornare i suoi membri sui progressi.

Accanto al campo alias, è presente un asterisco che rimanda a una nota informativa, che chiarisce che, per i rapporti con la Pubblica Amministrazione, dove è rilevante il solo dato anagrafico, la CGIL è tenuta a raccogliere sia il genere percepito e il nome di elezione sia i dati relativi al sesso assegnato alla nascita e al cognome. Tuttavia, per i fini interni di tesseramento, il dato rilevante sarà esclusivamente quello relativo all’identità alias.

Perché il tesseramento alias?

L’iniziativa – che va aggiungersi a quelle già implementate da altri enti come scuole, università, comuni ed enti di promozione sportiva – si colloca in un contesto dove la legislazione italiana, ancorata alla legge del 1982, si rivela inadeguata e obsoleta rispetto alle esigenze di autodeterminazione e identità di genere.

Caratterizzata da un approccio psichiatrizzante e patologizzante, la legge 1982 del è in netto contrasto con le raccomandazioni delle istituzioni internazionali, come l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), che invitano all’abbandono di tali logiche.

Sappiamo che questa non è la soluzione del problema, che può venire solo da una nuova legge che tenga in debito conto le istanze della comunità trans e il principio di autodeterminazione della persone – scrive CGIL in un comunicato – Ma abbiamo la certezza che la buona prassi che oggi portiamo a compimento con la circolare che conclude il processo avviato con l’ultima assemblea organizzativa, renderà più facili e rispettosi i rapporti tra noi e chi a noi fa riferimento.

Non va infine trascurato il fatto che, come sempre accade, le buone prassi fanno da propulsore di una contrattazione, ma soprattutto di una legislazione più avanzata e più attenta alla vita vera delle persone che – sola – può dare risposte universali e non solo rivolte a una platea inevitabilmente parziale”.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Due megattere maschio fanno sesso, storico primo avvistamento alle Hawaii (FOTO) - Due megattere maschi fanno sesso storico primo avvistamento alle Hawaii - Gay.it

Due megattere maschio fanno sesso, storico primo avvistamento alle Hawaii (FOTO)

News - Redazione 1.3.24
Federico Massaro, Grande Fratello

Grande Fratello, il messaggio di Federico Massaro per il fratello transgender

Culture - Luca Diana 29.2.24
Francesco Panarella

Francesco Panarella e il morbo di Kienbock: “Recitare mi ha salvato la testa”

Culture - Luca Diana 28.2.24
The History of Sound, via alle riprese del film con Paul Mescal e Josh O’Connor innamorati - The History of Sound di Oliver Hermanus - Gay.it

The History of Sound, via alle riprese del film con Paul Mescal e Josh O’Connor innamorati

Cinema - Redazione 29.2.24
David Utrilla - da 37 anni vive con Hiv

A volte dimentico di avere l’Hiv: la nostra serie per raccontare l’importanza dell’equazione U=U

Corpi - Daniele Calzavara 2.3.24
stati-uniti-transfobia-omofobia-antisemitismo-e-suprematismo-bianco-dilagano-nelle-fila-del-partito-repubblicano (2)

Stati Uniti: transfobia, omofobia, antisemitismo e suprematismo bianco dilagano nel Partito Repubblicano

News - Francesca Di Feo 1.3.24

Leggere fa bene

africarivista.it

Mauritius, la Corte Suprema ha depenalizzato l’omosessualità

News - Redazione 6.10.23
montenegro-diritti-lgbt

Il Montenegro candidato all’ingresso UE tra “sterilizzazione forzata” delle persone trans e linguaggio d’odio rampante

News - Francesca Di Feo 18.1.24
giornata-mondiale-consapevolezza-intersex

Intersex, giornata della consapevolezza: a che punto siamo con regolamenti e tutele a livello globale?

News - Francesca Di Feo 25.10.23
governo-sunak-lgbtqia

Regno Unito: come la destra del governo Sunak distrugge decenni di progressi LGBTIQ+

News - Francesca Di Feo 23.10.23
graeme-reid-sogi

Difesa dei diritti LGBTIQA+ in Europa: eletto Graeme Reid in SOGI, ecco chi è e di cosa si occupa

News - Francesca Di Feo 20.10.23
padova-congresso-nazionale-arco-stonewall

Dallo Stonewall Inn a Padova: due ospiti d’eccezione per il terzo Congresso Nazionale ARCO

News - Francesca Di Feo 12.12.23
egualitario matrimonio gay matrimonio omosessuale

In Italia il 73% delle persone è favorevole al matrimonio egualitario

News - Federico Boni 30.11.23
"La violenza ha tante forme i diritti sono l'unica cura", la campagna Arcigay con i 52 Centri Antidiscriminazione d'Italia - arcigay - Gay.it

“La violenza ha tante forme i diritti sono l’unica cura”, la campagna Arcigay con i 52 Centri Antidiscriminazione d’Italia

News - Redazione 26.10.23