Mumbai, il primo Pride dopo 4 anni sognando il matrimonio egualitario – VIDEO

La terza città per densità di popolazione al mondo è finalmente tornata a colorarsi di rainbow.

ascolta:
0:00
-
0:00
Mumbai, il primo Pride dopo 4 anni sognando il matrimonio egualitario - VIDEO - Mumbai Pride - Gay.it
Mumbai Pride 2024
2 min. di lettura

Il Pride è tornato a Mumbai, in India, dopo una lunghissima pausa durata quattro anni. La parata è andata in scena sabato 3 febbraio, con una folla di persone che ha marciato per le strade di Gamdevi, nel sud di Mumbai, per sensibilizzare l’opinione pubblica sui diritti queer. Qualche migliaio di persone hanno partecipato all’evento, secondo quanto riportato dal Free Press Journal, con la comunità LGBTQIA+ indiana che sta lottando per il matrimonio tra persone dello stesso sesso.

Sudhanshu Latad, responsabile dell’advocacy per The Humsafar Trust, ha dichiarato all’Hindustan Times: “Lo scopo del Pride è quello di aumentare la visibilità della comunità, per stimolare consapevolezza, discussione e promuovere spazi sicuri per tutti noi. Quando le persone vedono eventi divertenti che si svolgono negli spazi pubblici… e vedono le nostre bandiere arcobaleno, si uniscono a noi, ed è lì che inizia una conversazione.”

L’ultimo Pride di Mumbai si era tenuto all’inizio del 2020, alla presenza di oltre 8.000 persone. Negli ultimi 4 anni gli organizzatori avevano dovuto affrontare non pochi problemi nell’ottenere i necessari permessi da parte della polizia, senza dimenticare le restrizioni dovute dalla pandemia di Covid-19.

Nell’ottobre del 2023 la Corte Suprema indiana si è rifiutata di legalizzare il matrimonio tra persone dello stesso sesso, sottolineando come non sia considerato un diritto costituzionale e attribuendo al parlamento la responsabilità di legiferare in tal senso. Il Presidente della Corte Suprema dell’India Dhananjaya Yeshwant Chandrachud ha sentenziato che non spetta alla Corte Suprema creare una nuova istituzione matrimoniale, anche perché la Corte “non può emanare leggi, ma può farle rispettare“.

I cinque giudici della massima Corte del paese si sono divisi, scrivendo ben 4 sentenze separate. Alla fine hanno vinto i no, per 3-2. Tuttavia, con una sentenza storica, la stessa Corte ha dato tutta una serie di indicazioni al governo su nuove leggi che dovranno consentire alle coppie LGBTQIA+ di poter adottare bambini. In questo modo cadrà il regolamento CARA (Central Adoption Resource Authority), che consentiva solo a una persona queer di adottare, e non alle coppie. La Corte ha poi emesso altre indicazioni nei confronti del governo, che è fermamente contrario al matrimonio egualitario. Ovvero il dover garantire che la comunità queer non sia discriminata, sensibilizzare il pubblico sui diritti queer, creare case sicure e una linea diretta per i membri della comunità queer e riconoscere i diritti dei cittadini LGBTQIA+.

Al momento, solo due paesi asiatici riconoscono il matrimonio tra persone dello stesso sesso, Taiwan (2019) e Nepal (2023).

Nel 2018 la Corte Suprema indiana aveva abolito la criminalizzazione del sesso gay, figlia dell’era coloniale. Lo scorso giugno un sondaggio ha rilevato che il 53% degli adulti indiani è a favore della legalizzazione del matrimonio egualitario.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Tormentoni Queer estate 2024

Estate 2024, quali sono i tormentoni queer? La playlist di Gay.it

Musica - Luca Diana 4.6.24
Alessandra Valeri Manera Cartoni animati queer

Addio ad Alessandra Valeri Manera, la resistente che ha combattuto per noi bambinə diversə

Culture - Giuliano Federico 24.6.24
Cosa significa Rainbow Washing_

Cos’è il rainbow washing, quali forme assume e come evitarlo

News - Francesca Di Feo 20.6.24
aggressione-foggia-intervista

Foggia, parla Alessandro, vittima dell’aggressione: “Trasformiamo la violenza in sogno” – intervista

News - Francesca Di Feo 21.6.24
Tale e Quale Show 2024, primi rumor sul cast. Da Federico Fashion Style alle Karma B e Giulia De Lellis - Tale e Quale Show 2024 - Gay.it

Tale e Quale Show 2024, primi rumor sul cast. Da Federico Fashion Style alle Karma B e Giulia De Lellis

Culture - Redazione 24.6.24
Yan Couto fa sparire i capelli rosa che hanno scosso il Brasile. "Mi hanno detto che sono stravaganti" - Yan Couto - Gay.it

Yan Couto fa sparire i capelli rosa che hanno scosso il Brasile. “Mi hanno detto che sono stravaganti”

Corpi - Redazione 24.6.24

Leggere fa bene

mostruos3 pride 2024, sabato 22 giugno a siena

Mostruos3 Pride 2024: a Siena sabato 22 giugno

News - Redazione 7.5.24
resoconto parma pride 2024

In 5000 al Parma Pride: “La Costituzione non può essere carta straccia”

News - Gio Arcuri 21.5.24
Enna Pride 2024: sabato 1° giugno - ennapride 1 1 - Gay.it

Enna Pride 2024: sabato 1° giugno

News - Redazione 6.5.24
Sardegna Pride 2024 il 22 Giugno a Cagliari

Sardegna Pride 2024: sabato 29 giugno a Cagliari

News - Redazione 26.2.24
reggio calabria pride 2024

Reggio Calabria Pride 2024: sabato 27 luglio

News - Redazione 14.5.24
brianza pride 2024, 21 settembre a seregno

Torna Rete Brianza Pride: sabato 21 settembre a Seregno

News - Redazione 24.6.24
aosta pride 2024, 12 ottobre

Aosta Pride 2024: il 12 ottobre

News - Redazione 15.1.24
pride dell'unione terre di castelli, sabato 8 giugno

Pride dell’Unione Terre di Castelli: sabato 8 giugno

News - Redazione 12.5.24