Elton John ha dormito a Nizza: inutile la prenotazione di 5 stanze

Il Wonderful Sir è nella sua propriété di Mont Boron. Arriverà in tempo all’Ariston?

Sir Elton John è arrivato a Nizza ieri sera, con un jet privato da Parigi, insieme al marito David Furnish. Nulla è valsa la prenotazione a Sanremo di ben cinque camere all’Hotel Royal tra cui la suite Principessa Grace Kelly. Reduce da tre giorni di concerti all’Olympia di Parigi, il Wonderful Sir è atterrato nel jetport a fianco del piccolo porto di Carras e, possiamo supporre, si è diretto con massima discrezione verso la sua propriété a Mont Boron, sopra al porto grande, una villa monumentale con parco a fianco del celebre forte adiacente a una zona di boscaglia dedita a picnic e cruising. Non è stato infatti visto nel suo locale preferito, la Petite Maison gestito dal Cavaliere della Legion d’Onore Nicole Rubi, una vera istituzione nizzarda e tappa quasi obbligata per gli ultravip di passaggio nella Bella Nizza.

I due figli Zachary Jackson Levon Furnish-John e Elijah Joseph Danile Furnish-John sono rimasti a casa con le tre nanny. Dopo gli ingiuriosi commenti di Gasparri (“uno schifo umano”) e le minacce di Salvini (“Elton John non deve parlare dal palco di coppie gay: che canti e non faccia politica”), Elton John ha rilasciato la seguente dichiarazione, evitando ogni polemica e sottintendo che non avrà il tempo di raggiungere la sua casa veneziana:

Ti suggeriamo anche  Il Regno Unito ha deciso quale tra le Spice Girls è la sua preferita

“Adoro venire nel vostro Paese, anche mio marito e i miei figli sono contenti quando passiamo del tempo lì. Tra l’altro a Venezia, in questi giorni di Carnevale, i bambini sarebbero pazzi di gioia”.

Il cerimoniale è, però, terrorizzato dall’idea che Elton non riesca ad arrivare in tempo per l’esibizione di questa sera: sul palco di Sanremo 2016 presenterà al pianoforte infatti il singolo Blue Wonderful tratto dal nuovo album Wonderful Crazy Night. L’ha suonato anche alla stazione di King’s Cross St. Pancreas di Londra, dove ha donato lo strumento dopo l’exploit performance con questa dedica:

“Godetevi questo pianoforte, è un regalo. Con amore Elton John”.

Nel 1995, però, il Baronetto Arcobaleno non è riuscito a raggiungere l’Ariston, rimanendo imbottigliato nel traffico sanremese con la sua limousine. Pippo Baudo salì sul palco infuriato con in mano una torta alla panna mimando un gesto inequivocabile. Così, i due posti in prima fila rischiano di rimanere vuoti! Elton e David ce la faranno? A stasera l’ardua sentenza.