New York, un parco avrà il nome di Marsha P Johnson

L'annuncio del governatore Andrew Cuomo, in omaggio alla celebre attivista LGBT che prese attivamente parte alla rivolta del 1969, davanti al bar Stonewall.

New York, un parco avrà il nome di Marsha P Johnson - The Death and Life of Marsha P. Johnson - Gay.it
2 min. di lettura

Andrew Cuomo, governatore di New York, ha annunciato che l’East River State Park di Brooklyn sarà rinominato, diventando il Marsha P Johnson Park, in omaggio alla leggendaria attivista LGBT.

Insieme a Sylvia Rivera, Marsha P. Johnson prese attivamente parte alla ribellione del 1969, davanti al bar Stonewall, per poi co-fondare la Street Transvestite Action Revolutionaries (STAR), gruppo nato per aiutare le giovani drag queen senzatetto, le donne lesbiche e le persone transessuali.

Lo stato di New York è la capitale progressiva della nazione, e mentre stiamo vincendo la battaglia per la giustizia nei confronti della comunità LGBTQ, in molti modi stiamo perdendo la più ampia guerra per l’uguaglianza. Stiamo combattendo, continueremo a realizzare progressi e a mostrare al resto della nazione la strada da seguire. Sono orgoglioso di annunciare che l’East River State Park a Brooklyn sarà rinominato in onore di Marsha P Johnson, pioniera dei movimenti per i diritti LGBTQ. New York sostiene inequivocabilmente i diritti dei newyorkesi LGBTQ, ora e sempre.

Queste le parole di Cuomo, che ha poi sottolineato come i crimini d’odio contro i neri, gli ebrei, i musulmani e la comunità LGBT + siano in aumento, anche nella Grande Mela.

A causa dei suoi problemi di salute mentale, molti attivisti gay sono stati a lungo riluttanti nell’accreditare la Johnson come colei che contribuì ad innescare il movimento per la liberazione omosessuale dei primi anni ’70. Poco dopo il Pride del 1992, il suo corpo senza vita venne trovato nel fiume Hudson. La polizia parlò di suicidio, ma gli amici sono sempre stati fermamente convinti che sia stata uccisa.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.
Avatar
Renzo Loi 3.2.20 - 18:57

queste sono le persone a cui i gay di tutto il mondo devono un po di felicita'. non gli attivisti prezzolati dalla lobby gay attuale , associata ai grossi lobbysti del mondialismo e loro schiavi.e che vogliono sovvertire l'ordine biologico del mondo, con la scusa dei diritti delle minoranze.

Avatar
Franzc Dereck 3.2.20 - 12:26

Ci son voluti quasi 50 anni per iniziare a riconoscere le persone cui dobbiamo essere grati per essere considerati esseri umani con pari dignità. Mi permetto consigliare la visione del docu "The death and life of Marsha P. Johnson " con i sub in Italiano , reperibile in Rete.

Trending

Challengers Guadagnino Josh O Connor Mike Faist Zendaya

Challengers, lo sceneggiatore Justin Kuritzkes: “Il tennis è davvero omoerotico”

Cinema - Mandalina Di Biase 15.4.24
Marcella Bella e l'etichetta di "icona gay". A Belve non sa cosa significhi LGBT: "Lesbiche, gay, travestiti?" (VIDEO) - Marcella Bella a Belve - Gay.it

Marcella Bella e l’etichetta di “icona gay”. A Belve non sa cosa significhi LGBT: “Lesbiche, gay, travestiti?” (VIDEO)

Culture - Redazione 16.4.24
Marco Mengoni per un noto brand di gioielli

Marco Mengoni è un gioiello, ma la verità è che tutti guardano un’altra cosa

Musica - Emanuele Corbo 10.4.24
Challengers, recensione. Il travolgente ed eccitante triangolo omoerotico di Luca Guadagnino - TIRE TOWN STILLS PULL 230607 002 RC - Gay.it

Challengers, recensione. Il travolgente ed eccitante triangolo omoerotico di Luca Guadagnino

Cinema - Federico Boni 12.4.24
Giovanni Donzelli foto instagram @giovadonze

Giovanni Donzelli di Fratelli d’Italia, outing di sua moglie che spiega “È un marito etero”

Culture - Mandalina Di Biase 9.4.24
Artur Dainese, Isola dei Famosi 2024

Isola dei Famosi 2024, la storia di Artùr Dainese: “A 16 anni sono venuto in Italia. Mi sentivo solo”

Culture - Luca Diana 16.4.24

I nostri contenuti
sono diversi

Cecilia Gentili Interview photographed by Oscar DIaz_

Dio e il corpo transgender, il funerale di Cecilia Gentili diventa un momento di orgoglio queer e i cattolici si indignano

Culture - Mandalina Di Biase 27.2.24
Transatlantic bridges: Corrado Cagli, 1938-1948

Corrado Cagli, l’artista queer che voltò le spalle al regime fascista, in mostra a New York – GALLERY

Culture - Redazione Milano 9.11.23