Inaugurato il monumento dedicato a Marsha P. Johnson, il primo di New York per una persona transgender

Sorge esattamente davanti lo Stonewall Inn. A realizzarlo un gruppo di attivisti queer.

Inaugurato il monumento dedicato a Marsha P. Johnson, il primo di New York per una persona transgender - Marsha P Johnson estatua 1 - Gay.it
2 min. di lettura

Per i 76 anni di Marsha P. Johnson, storico volto della nostra comunità nata il 24 agosto del 1945 e deceduta il 6 luglio del 1992, un gruppo di attivisti queer ha realizzato un busto celebrativo, installato nel Christopher Park di New York. Da due anni la Grande Mela attende i due annunciati monumenti a Marsha e Sylvia Rivera. Li promise Bill de Blasio alla vigilia del World Pride. Stanchi di aspettare, alcuni attivisti transgender guidati da Eli Erlick, coordinatrice del progetto, hanno affidato all’artista transgender Jesse Pallotta il compito di ritrarre una Marsha sorridente, con tiara, perle e una coroncina di fiori in testa. La targa riporta una citazione attribuita proprio a Marsha.

La storia non è qualcosa a cui ripensi e dici che era inevitabile, succede perché le persone prendono delle decisioni che a volte sono molto impulsive e dettate dal momento, ma quei momenti sono realtà cumulative.

Segue poi una descrizione: “amante di poesia, fiori, spazio e del color viola”. Il busto si trova esattamente davanti lo Stonewall Inn, leggendario bar gay in cui nell’estate del 1969 prese vita il movimento LGBT.. La notte della rivolta contro la polizia allo Stonewall INN, leggenda narra che Marsha lanciò un bicchiere contro uno specchio, nel locale in fiamme, urlando “I got my civil rights” (“Anche io ho i miei diritti civili”). All’epoca viveva per strada e si prostituiva per sopravvivere. Finì in carcere un centinaio di volte. Passò gli ultimi 12 anni della sua vita nell’appartamento di Randy Wicker, che non ha mai creduto alla tesi del suicidio. Poco dopo il Pride del 1992, il suo corpo fu trovato nel fiume. La polizia chiuse rapidamente il caso, etichettandolo come suicidio. Ma gli amici e conoscenti di Marsha, icona LGBT in tutto il mondo, non hanno mai creduto a questa tesi. Non a caso la sua testa riportava “un’enorme ferita“. Marsha, che si è sempre autodefinita drag queen, andava in giro a raccontare che la mafia la voleva morta. Mafia, va ricordato, che all’epoca gestiva i bar gay della Grande Mela, Stonewall Inn in testa. Il corpo di Marsha fu cremato e le sue ceneri furono sparse nel fiume dai suoi amici. La polizia permise che la Settima Avenue venisse chiusa, mentre le sue ceneri venivano portate al fiume. Nel 2012 l’attivista Mariah Lopez è riuscita a far riaprire il caso dal dipartimento di polizia di New York per classificarlo come possibile omicidio.

Christopher Park aveva già un’altra statua dedicata alla comunità LGTBI, chiamata Gay Liberation, inaugurata nel 1992, in cui compaiono due uomini e due donne. Finora non era mai stato realizzato un monumento esplicitamente dedicato alla comunità trans in tutta New York. Un anno fa Andrew M. Cuomo annunciò l’intitolazione del parco statale di New York, a Brooklyn, a suo nome. Il Marsha P. Johnson State Park, che è così diventato il primo parco statale di New York ad omaggiare una persona LGBTQ di colore.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da jesse (@jessepallotta)

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da jesse (@jessepallotta)

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Serena Bortone chiude Chesarà in difesa del Pride e fa presagire un addio: ”Sono stata onorata di lavorare in questa grande azienda" (VIDEO) - CheSara - Gay.it

Serena Bortone chiude Chesarà in difesa del Pride e fa presagire un addio: ”Sono stata onorata di lavorare in questa grande azienda” (VIDEO)

Culture - Redazione 17.6.24
Marco Mengoni e Xavier Dolan alla sfilata di Fendi SS25 - foto instagram @mengonimarcoofficial

Marco Mengoni e la scaramuccia con Xavier Dolan, mentre Nicholas Galitzine ride con Aron Piper

Lifestyle - Mandalina Di Biase 16.6.24
Erika Colaianni e la compagna Manuela si sposano

Erika Colaianni e la compagna Manuela si sposano! La proposta di matrimonio durante il concerto di Ultimo – video

Culture - Luca Diana 15.6.24
Mahmood RA TA TA - Il velo e anche la tuta sono del brand palestinese Trashy Clothing

Mahmood fa “RA TA TA” con un velo palestinese che ha un significato

Musica - Mandalina Di Biase 13.6.24
I film LGBTQIA+ della settimana 10/16 giugno tra tv generalista e streaming - ilm queer - Gay.it

I film LGBTQIA+ della settimana 10/16 giugno tra tv generalista e streaming

Corpi - Federico Boni 10.6.24
Tiziano Ferro ospite di Voci Parallele

Giuni Russo “Voci Parallele”: Tiziano Ferro, Irene Grandi e tutti gli ospiti del concerto in ricordo di un’artista immensa

Musica - Emanuele Corbo 12.6.24

I nostri contenuti
sono diversi

animali-trans

16 specie di animali trans* che fanno tremare i transfobici e le loro argomentazioni

Corpi - Francesca Di Feo 15.4.24
Dylan Mulvaney Blue Christmas

Il Blue Christmas transgender di Dylan Mulvaney è una bomba

Musica - Mandalina Di Biase 18.12.23
Il secondo miglior ospedale della galassia, transidentità animate con Vladimir Luxuria e Ariete doppiatrici - Il secondo miglior ospedale della galassia - Gay.it

Il secondo miglior ospedale della galassia, transidentità animate con Vladimir Luxuria e Ariete doppiatrici

Serie Tv - Redazione 7.2.24
Echo, la regista Sydney Freeland spiega come il suo essere donna trans l'abbia aiutata a girare la serie Disney Marvel - Echo foto - Gay.it

Echo, la regista Sydney Freeland spiega come il suo essere donna trans l’abbia aiutata a girare la serie Disney Marvel

Serie Tv - Redazione 11.1.24
Annette Bening in difesa della comunità trans: "Paura e ignoranza alimentate in modo spaventoso" - VIDEO - Annette Bening - Gay.it

Annette Bening in difesa della comunità trans: “Paura e ignoranza alimentate in modo spaventoso” – VIDEO

Culture - Redazione 16.1.24
Foto di Jamie Mccartney

Il Museo della Vagina include anche le persone trans*

Culture - Redazione Milano 18.1.24
Cecilia Gentili Interview photographed by Oscar DIaz_

Dio e il corpo transgender, il funerale di Cecilia Gentili diventa un momento di orgoglio queer e i cattolici si indignano

Culture - Mandalina Di Biase 27.2.24
FOTO: LUKE GILFORD

Kim Petras risponde ai commenti sessisti e transfobici: “Siete la piaga del pianeta”

Musica - Redazione Milano 26.2.24