Dio e il corpo transgender, il funerale di Cecilia Gentili diventa un momento di orgoglio queer e i cattolici si indignano

Cecilia Gentili è riuscita a suscitare scandalo e a indurre al pensiero critico, anche dopo la morte.

ascolta:
0:00
-
0:00
Cecilia Gentili Interview photographed by Oscar DIaz_
Cecilia Gentili Interview photographed by Oscar DIaz_
3 min. di lettura

Cecilia Gentili è riuscita a suscitare scandalo e a indurre al pensiero critico, anche dopo la morte. Merito di una vita condotta sempre sul fronte dell’attivismo. Gentili è stata una attivista transgender, speaker motivazionale e consulente educativa. Ha lavorato per difendere i diritti delle persone transgender, combattere la discriminazione e promuovendo l’inclusione. Ha anche contribuito a sensibilizzare l’opinione pubblica sulla realtà e le sfide affrontate dalle persone transgender.

Scomparsa prematuramente all’età di 52 anni lo scorso 6 Febbraio, le esequie di Gentili si sono tenute nella cattedrale di Saint  Patrick a New York, procurando un certo sdegno da parte dell’arcivescovo di New York e scatenando polemiche presso la comunità cattolica della grande mela. Il parroco Enrique Salvo ha espresso critiche severe, affermando di essere stato ingannato sulle intenzioni della famiglia e degli amici riguardo alla natura del funerale. L’arcidiocesi ha emesso un comunicato manifestando indignazione per il comportamento considerato sacrilego e ha annunciato la celebrazione di una messa di riparazione su indicazione dell’arcivescovo Timothy Dolan.

Lo scorso Novembre Cecilia aveva rilasciato una magnifica intervista a Interview, nella quale, parlando di uno suo show a Broadway, affrontava il suo rapporto con Dio. Tra le risposte dell’intervista rilasciata ad Arron Walker (foto di Oscar Diaz), volentieri abbiamo tradotto questo racconto di Gentili:

Sì, è da molto tempo che sto riconsiderando il mio rapporto con la religione. Sono stato in cura per l’uso di droga per 17 mesi. A quel tempo andavo a letto con uomini e non c’erano indicazioni su come trattare una donna trans. A volte è stato divertente, ma non è stata la cosa migliore per me. Ora ho adottato un approccio di riduzione del danno alla droga, ma a quel tempo ero in astinenza, quindi frequentavo anche i gruppi di NA (narcotici anonimi, si tratta di gruppi anonimi di autoaiuto ndr). In NA, tutto ruota intorno alla tua relazione con Dio. Anche se vai dagli agnostici, sentivo di non poter seguire il programma perché non avevo un dio. Semplicemente non ho mai avuto l’opportunità di sperimentare una fede che mi abbracciasse pienamente. La religione è una questione davvero complicata per la maggior parte delle persone queer e trans. Andavo con mia nonna alla chiesa battista e non mi volevano lì. Lo hanno detto molto chiaramente. Anch’io frequentavo la chiesa cattolica ed entrambe sono state esperienze traumatiche per me che sono una persona queer. Così sono arrivato a identificarmi come ateo, ma so che tante persone trans sono riuscite a trovare una relazione con la fede in spazi che le includono.

 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Cecilia Gentili (@ceciliagentili72)

E infatti, il funerale di  Cecilia Gentili è stato un indimenticabile momento di inclusione e glamour e anche di fede, qualunque cosa essa voglia dire. Il suo corpo è stato collocato nella bara, avvolto in un abito di tulle e perle disegnato da Oscar Diaz (autore anche delle foto di Interview che usiamo in questa pagina ndr), un artista queer del Queens celebrato in passato anche dal Met Gala. Il funerale è stato definito uno degli eventi più glamour dell’anno a New York, ed è stato molto più di una semplice cerimonia di addio. Raccontano le cronache newyorchesi che si è trattato di un vero e proprio momento di affermazione dell’orgoglio LGBTQIA+.

Le polemiche sono proseguite nei giorni successivi. Cecilia Gentili aveva espresso il desiderio di una cerimonia nella cattedrale di Saint Patrick, ma la sua famiglia aveva omesso il fatto che lei fosse anticlericale. Così, dopo la cerimonia, l’arcidiocesi di New York, inizialmente consenziente all’ospitare la salma di una donna transgender, ha poi cambiato atteggiamento definendo la commemorazione un “scandalo” pubblico, ed equiparandolo quasi a una profanazione.

Come scrive bene Marco Grieco su Vanity Italia, il gesto post-mortem di Gentili aveva lo scopo di ribaltare il significato del luogo, che in passato era stato teatro di scontri durante gli anni difficili dell’epidemia di hiv e Aids. Nel 1989, associazioni come Act Up e Wham! avevano protestato contro le politiche omobitransfobiche dell’allora cardinale John O’Connor, arcivescovo di New York, disturbando persino le messe con manifestazioni come “Stop The Church”, che portarono a numerosi arresti.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

BigMama a Domenica In

BigMama: “Prima di Lodovica nascondevo la mia sessualità, non pensavo di meritare amore”

Musica - Emanuele Corbo 22.4.24
Consumo di contenuti p0rn0 con persone trans nel mondo - dati forniti da Pornhub

L’Italia è la nazione che guarda più p0rn0 con persone trans*

News - Redazione Milano 20.4.24
chat gay grindr

Grindr sotto accusa: avrebbe condiviso con terze parti lo status HIV di migliaia di utenti

News - Francesca Di Feo 22.4.24
Taylor Swift per THE TORTURED POETS DEPARTMENT (2024)

Il nuovo album di Taylor Swift: no, non è Patti Smith (ma lei lo sa già)

Musica - Riccardo Conte 22.4.24
BigMama: "La rappresentazione è tutto. Quando accendevo la tv persone come me non ce n'erano" - BigMama - Gay.it

BigMama: “La rappresentazione è tutto. Quando accendevo la tv persone come me non ce n’erano”

Musica - Redazione 21.4.24
Angelina Mango Marco Mengoni

Angelina Mango ha in serbo una nuova canzone con Marco Mengoni e annuncia l’album “poké melodrama” (Anteprima Gay.it)

Musica - Emanuele Corbo 18.4.24

Continua a leggere

Dolly Parton in difesa della comunità trans: "Siamo tuttə figli di Dio e il modo in cui siamo è ciò che siamo" - Dolly Parton - Gay.it

Dolly Parton in difesa della comunità trans: “Siamo tuttə figli di Dio e il modo in cui siamo è ciò che siamo”

Musica - Redazione 6.11.23
A Rimini, domenica 7 aprile, l'evento "Ci vediamo al parco", per celebrare il TDOV - arcigay rimini trans tdov2024 1 - Gay.it

A Rimini, domenica 7 aprile, l’evento “Ci vediamo al parco”, per celebrare il TDOV

News - Giorgio Romano Arcuri 5.4.24
Foto di Jamie Mccartney

Il Museo della Vagina include anche le persone trans*

Culture - Redazione Milano 18.1.24
Jennifer Garner e Ben Affleck, il coming out del figliə come persona non binaria: "Mi chiamo Fin" - fin affleck ben affleck e jennifer garner - Gay.it

Jennifer Garner e Ben Affleck, il coming out del figliə come persona non binaria: “Mi chiamo Fin”

Culture - Redazione 11.4.24
Milano, il Comune riconosce la carriera alias ai suoi dipendenti - Carriera Alias - Gay.it

Milano, il Comune riconosce la carriera alias ai suoi dipendenti

News - Redazione 27.12.23
Photo: Rogelio V. Solis

ll Parlamento inglese accoglie il primo panel per la tutela dellə bambinə trans*

News - Redazione Milano 7.2.24
A Norma, storia di una sex worker trans peruviana tra desideri, aspettative e pregiudizi - Carlotta Cosmai a norma 2 - Gay.it

A Norma, storia di una sex worker trans peruviana tra desideri, aspettative e pregiudizi

Cinema - Federico Boni 21.11.23
Annette Bening in difesa della comunità trans: "Paura e ignoranza alimentate in modo spaventoso" - VIDEO - Annette Bening - Gay.it

Annette Bening in difesa della comunità trans: “Paura e ignoranza alimentate in modo spaventoso” – VIDEO

Culture - Redazione 16.1.24