Rubriche
Posta Svagata di

Posta Svagata: “Come sopravvivere alle feste natalizie?”

Come si gestiscono pranzi pieni di parenti, i commenti non richiesti sull'aspetto fisico, i pronomi sbagliati, e quant'altro?

posta svagata: come sopravvivere alle feste?
posta svagata: come sopravvivere alle feste?
ascolta:
0:00
-
0:00

Ciao Posta Svagata. Sono unə ragazzə non binary di 25 anni e abito fuori casa da quasi cinque. Da quando mi sono trasferitə ho avuto modo di scoprire meglio la mia identità, scrollarmi di dosso dogmi arcaici o stereotipi di genere, e anche coltivare una famiglia ‘scelta’ che non avrei mai pensato di conoscere. Nonostante gli alti e i bassi, stare lontana da casa aiuta la mia salute mentale. Per questo quando arrivano le feste natalizie mi preoccupo: tornare a casa dai miei genitori, con una famiglia che non si è vissuta il mio cambiamento e non ha la stessa delicatezza e comprensione dell’ambiente che frequento, mi genera sempre un po’ ansia. I miei genitori sanno di me, ma spesso fanno fatica a comprendere veramente, e con il resto della famiglia non ne parlo: i pranzi pieni di parenti, i commenti non richiesti sull’aspetto fisico, i pronomi sbagliati, spesso mi fanno sentire come quando ero ragazzin3 e mi sentivo persə, spaesatə, e solə. Non voglio risentire l’ansia e i pensieri intrusivi di un tempo, ma allo stesso ci tengo a rivedere la mia famiglia perché – con tutti i difetti – ne sento la mancanza. Come si sopravvive alle feste? Un bacio, V


Tutte le famiglie felici sono uguali, ogni famiglia infelice è infelice a modo suo
, diceva Tolstoj.
E aggiungo che ogni famiglia sa anche agitarti a modo suo.

Tornare a casa per le feste è un test: un salto fuori dalla comfort zone per verificare quanto ci triggerano ancora certe situazioni o quanto abbiamo imparato a farcele scivolare addosso. Agli stress quotidiani che ogni essere umano in società deve sorbirsi, aggiungiamo il carico e il peso di un nucleo famigliare che non ci siamo sceltə, ma ci tiene legatə a vita indipendentemente da quanto ci piacciano.

Nella mia testa possiamo dividerle in tre macrogruppi:

1) Quelle progressiste
– si uniscono alle tue battaglie
– riducono i commenti sul fisico e il corpo al minimo
– aperte all’ascolto, al dialogo, e la comunicazione
– ami genuinamente passare del tempo con loro

2) Quelle bigotte
– non ti accettano e non si sforzano di farlo
– mettono a seria prova la tua salute mentale
– ogni volta che torni a trovarle te ne penti
– probabilmente non tornerai a trovarle

3) Le vie di mezzo 
– si impegnano a comprendere, ti amano, ma non sempre ce la fanno
– ci stai bene, ma a piccole dosi e con un timer cronometrato
– ci puoi parlare, ma fino ad un certo punto
– le ami, ma l’amore non è abbastanza

Inutile dirvi che questi macrogruppi li ho inventati e sono approssimativi, e ognun3 contiene le sue contraddizioni e varianti. Ma in questo spectrum infinito di possibilità, si colloca il vostro grado di sopportazione per le feste natalizie: se il primo e il secondo gruppo sono abbastanza chiari, il terzo è un terno al lotto. Qualunque sia la categoria, non siamo sempre prontə a superare questo test: ci sono volte che siamo preparatə e sappiamo gestircela con autocontrollo e fermezza, altre che siamo più vulnerabili e basta una parola fuori posto per rovinarci la giornata.

Dal momento che passeremo  il Natale con loro, che si fa? Farli a pezzetti prima che loro faranno a pezzetti te? Incassare il colpo fino ad andare in autocombustione? Ibernarsi fino all’1?

C’è chi si gioca la carta dell’ironia, destabilizzando il parente rompicoglioni: lecito.
C’è chi si incazza come una iena, litiga fino a sputare le tonsille nel piatto: lecito pure questo.
C’è pure chi getta le armi e si finge mortə: come quando vedi gli orsi e non hai la forza di combattere ma non vuoi nemmeno farti mangiare.

Tutto è lecito ma per farlo, devi ascoltarti e capire quanta energia ti è rimasta nel serbatoio quest’anno: è fondamentale per capire se quest’anno è il caso di combattere, di giocare buon viso a cattivo gioco, se devi autotutelarti, o se magari non vuoi neanche partecipare e passare le feste con qualcun altrə (al costo di far piangere nonna: pazienza, sopravvivrà).

Non possiamo fermare il Natale:  arriva sempre, come la morte e la tari. L’unica cosa che cambia siamo noi e la nostra capacità di adattamento: più passa il tempo, più abbiamo modo di ricordare cos’è successo l’ultima volta, e quella prima ancora, e giocare d’astuzia. Riconoscere le armi che abbiamo a disposizione, come vogliamo (o possiamo) usarle, e quale genere di battaglia vale la pena combattere questa volta. Mai gli smartphone si sono rivelati dei salvavita come durante le feste: scrivi alla tua chosen family, insulta con loro il parente che non puoi insultare dal vivo, annotati parole, testi, poesie, o commenti che ti fanno sentire meno solə e incoraggiano, fatti bonə, vai in bagno, e sparati una valanga di selfie, fai sexting, manda un SOS.

Se ne hai la possibilità esci a fare una lunga passeggiata, fai una telefonata a qualcun3 che sa ascoltarti, e come dicono anche i più scadenti coach motivazionali: fai un bel respiro.
Supererai anche quest’anno.

 

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Tormentoni Queer estate 2024

Estate 2024, quali sono i tormentoni queer? La playlist di Gay.it

Musica - Luca Diana 4.6.24
Roma Pride 2024, intervista a Mario Colamarino: "Siamo la somma di tutte le lotte, la vera opposizione al governo Meloni" - Pride Croisette 2 - Gay.it

Roma Pride 2024, intervista a Mario Colamarino: “Siamo la somma di tutte le lotte, la vera opposizione al governo Meloni”

News - Federico Boni 12.6.24
Matt Bomer: "Non mi hanno fatto fare Superman perché sono gay" - Matt Bomer - Gay.it

Matt Bomer: “Non mi hanno fatto fare Superman perché sono gay”

Cinema - Redazione 12.6.24
Tiziano Ferro ospite di Voci Parallele

Giuni Russo “Voci Parallele”: Tiziano Ferro, Irene Grandi e tutti gli ospiti del concerto in ricordo di un’artista immensa

Musica - Emanuele Corbo 12.6.24
Alex Wyse in concerto

Alex Wyse contro i pregiudizi: “Siate liberi di essere ciò che siete. Nessuno può porci confini”

Musica - Emanuele Corbo 13.6.24
Prisma 2 Andrea Daniele scena sesso Lorenzo Zurzolo Mattia Carrano 01

Prisma 2, spoiler: la scena di sesso tra Andrea e Daniele non è gay, Bessegato: “Non sono una coppia gay”

Serie Tv - Mandalina Di Biase 11.6.24

Leggere fa bene

A Natale con “queer” vuoi, per Pasqua ci aggiorniamo: consigli per le feste - cover - Gay.it

A Natale con “queer” vuoi, per Pasqua ci aggiorniamo: consigli per le feste

Culture - Emanuele Bero 16.12.23
5 look perfetti per le feste con Astra Make-Up

Ecco il trucco perfetto ispirato ai film LGBTQIA+ con Astra Make-Up

Lifestyle - Redazione Milano 21.12.23
frasi che non voglio sentire a natale

Le frasi che non vorremmo sentire al pranzo di Natale

Lifestyle - Redazione Milano 15.12.23
Posta svagata: e se rimarrò da solo per sempre?

Posta Svagata: Rimarrò solo per sempre?

Guide - Riccardo Conte 13.1.24
Xmas Queer 2023 - La playlist di Natale di Gay.it

Xmas Queer 2023, da Annalisa a Ariana Grande e Sam Smith: la playlist di Gay.it perfetta per le feste

Musica - Luca Diana 19.12.23
gesù natale impatto ambientale

Natale: caro Gesù Bambino, la celebrazione della tua venuta è un disastro per il pianeta

News - Giuliano Federico 15.12.23
AM I OK? (2022)

Posta Svagata: “Lə coinquilinə si sono fidanzatə, e ora io?”

Guide - Riccardo Conte 27.1.24
20 saggi queer usciti nel 2023 da regalare a Natale - Sessp 6 - Gay.it

20 saggi queer usciti nel 2023 da regalare a Natale

Culture - Federico Colombo 18.12.23