Rubriche
Posta Svagata di

Posta Svagata: “Quando smettere di performare?”

Se smetto di performare ho paura che le persone spariscono.

posta svagata
posta svagata
ascolta:
0:00
-
0:00

Sono sempre stato un ragazzo super socievole, con voglia di conoscere persone nuove, e circondarmi di tanti amici diversi. Non ho problemi di timidezza o disagio a parlare con chiunque, anzi spesso mi viene naturale sia nel mio gruppo di amici che con i ragazzi che mi piacciono quasi “intrattenere” chiunque. Ci tengo ad avere sempre la battuta pronta, a trovare sempre qualcosa d’intelligente da dire, o ‘adattarmi’ un po’ alla persona che ho davanti per conquistarla. Ma negli ultimi tempi noto che diventa una doppia trappola: se smetto di performare ho paura che le persone spariscono.  A volte avrei solo voglia di tenere una vera conversazione, anche parlare di cose più serie e intime, senza dover sempre far apparire la versione migliore di me. Ho paura di apparire noioso o non interessante, ma così facendo fatico a creare rapporti veri. Eppure – soprattutto nell’ambiente gay – sembra che questo elemento ‘performante’ sia quasi un requisito essenziale.  Sono il primo a cascarci, e sembra che non sono mai davvero naturale: le chiacchierate diventano vuote, ripetitive, e nessuno sembra mai mostrarsi davvero per quello che è. È possibile mantenere i rapporti anche senza performare?

Ti capisco, in primis perché sono Gemelli.

Noi Gemelli dobbiamo chiacchierare con tuttə, e dobbiamo accertarci che tuttə ci vogliono bene, ne vale la nostra vita (e non serve credere all’oroscopo, è proprio una prova scientificamente testata).

Non ho ancora capito se lo facciamo per gestire l’ansia, per mantenere il controllo della situazione, o entrambe le cose. Ma per noi è terribile sostenere una conversazione noiosa, figuriamoci essere consideratə noiosə.

Ma che sia nell’ambiente queer o alla sagra del gorgonzola, il problema ce lo stiamo ponendo noi per primə: sì, possiamo incolpare gli uomini gay di essere superficiali, di ripetere sempre le stesse cose, di pensare solo a fare voguing e urlare ‘slay queen‘, ma di preciso noi cosa stiamo portando di nuovo? Stiamo aprendo una conversazione diversa rispetto la solita, o ci stiamo adattando a quello che fanno tuttə, perché così andiamo sul sicuro?

È un tranello dove cadiamo in tantə, queer o meno: dare agli altri la versione di noi che immaginiamo gli altri vogliano vedere.

Ma anche le migliori performance giungono al termine, e che piaccia o meno, ad un certo punto esce fuori tutto il resto. Sentiamo di dover performare con i ragazzi che ci piacciono, con gli amici, nel sesso o a lavoro perché siamo noi lə primə a pensare che quello che sentiamo sia insignificante o non trovi spazio.

È un peccato: non solo perché ci sottovalutiamo, ma sottovalutiamo anche la capacità degli altri di ascoltarci e voler conoscerci di più.

Quando smetto di performare? Quando mi si scaricano le batterie. Quando sento che non riesco a portare tutte le energie di prima, ma soprattutto non ne ho più voglia. Non è solo una consapevolezza, ma proprio una richiesta da parte del mio corpo e della mia testa di rallentare e ascoltarsi un po’ di più.

A volte resto in silenzio ad una festa, altre volte resto a casa. Altre volte ancora parlo, rido, e scherzo come riesco, senza la pretesa di farlo al “meglio”. Se a volte sembra di parlare da solə, altre intercetto persone che hanno voglia di parlare come pare a loro. Non si vince niente e nessuno arriva per primo, ma magri si giunge a stare bene insieme, come riusciamo.

Ci sono situazioni dove performare è un fastidioso requisito per arrivare alla fine, ed altre dove il fastidio lo creiamo da solə, perché non abbiamo abbastanza fiducia in noi stessə, figuriamoci nellə altrə. Abbiamo questa urgenza di essere i più divertenti e interessanti, a tal punto da diventare l’esatto opposto: perché, se forzate, le performance diventano finte, banali, e inutili.

Te lo dico da Gemelli, ma vale per qualunque segno: prova a dire quello che senti, prima di quello che gli altri vorrebbero sentire. La vita è già abbastanza faticosa di suo, non rendiamo anche i momenti potenzialmente piacevoli una corsa ad ostacoli.

No, non piacerai a tuttə, e menomale: perché per fortuna, non tuttə piacciono a te.

Puoi scrivere a postasvagata@gay.it

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Mahmood: "Sono stato un ragazzino cicciotello per niente cool, ma più libero e sicuro di chi sono oggi"

Mahmood: “Sono stato un ragazzino cicciotello per niente cool, ma più libero e sicuro di chi sono oggi”

Musica - Emanuele Corbo 22.5.24
Ambra e il body shaming da parte della stampa quando aveva 17 anni: "Ipocriti, scrivevano quanto fossi grassa" - Ambra e il body shaming da parte della stampa quando aveva 17 anni - Gay.it

Ambra e il body shaming da parte della stampa quando aveva 17 anni: “Ipocriti, scrivevano quanto fossi grassa”

Culture - Redazione 22.5.24
Nemo vincitore Eurovision 2024

Nemo dopo l’Eurovision vola alla conquista degli States, ma “The Code” (per ora) non fa il botto

Musica - Emanuele Corbo 20.5.24
Elezioni Europee e voto LGBTI+, guida alle candidature che aderiscono a #ComeOut4EU il programma di Ilga Europe - cover wp - Gay.it

Elezioni Europee e voto LGBTI+, guida alle candidature che aderiscono a #ComeOut4EU il programma di Ilga Europe

News - Lorenzo Ottanelli 20.5.24
Rainbow Map 2024, l'Italia crolla al 36° posto su 49 Paesi per uguaglianza e tutela delle persone LGBT - rainbowmap - Gay.it

Rainbow Map 2024, l’Italia crolla al 36° posto su 49 Paesi per uguaglianza e tutela delle persone LGBT

News - Federico Boni 15.5.24
HUGO™ 2: recensione dei due nuovi massaggiatori prostatici della LELO (che gli uomini sposati amano) - 1000056146 01 - Gay.it

HUGO™ 2: recensione dei due nuovi massaggiatori prostatici della LELO (che gli uomini sposati amano)

Corpi - Gio Arcuri 29.1.24

Continua a leggere

Spoiler Alert (2022)

Posta Svagata: “Lui vuole andare a convivere ma io no?”

Guide - Riccardo Conte 10.2.24
posta svagata: come sopravvivere alle feste?

Posta Svagata: “Come sopravvivere alle feste natalizie?”

Guide - Riccardo Conte 23.12.23
posta svagata: come conquisto il vicino?

Posta Svagata: “Come faccio colpo sul vicino?”

Guide - Riccardo Conte 9.12.23
Posta svagata: e se rimarrò da solo per sempre?

Posta Svagata: Rimarrò solo per sempre?

Guide - Riccardo Conte 13.1.24
AM I OK? (2022)

Posta Svagata: “Lə coinquilinə si sono fidanzatə, e ora io?”

Guide - Riccardo Conte 27.1.24
posta svagata (sesso anale)

Posta Svagata: “Ho paura di fare sesso anale?”

Guide - Riccardo Conte 25.11.23