Unione civile tra due donne, il parroco le esclude dalla comunione

di

Per il sacerdote "Hanno sbagliato a pubblicizzare l'unione su Facebook".

paola desi maria grimaldi omofobia siracusa
CONDIVIDI
221 Condivisioni Facebook 221 Twitter Google WhatsApp
4289 0

A Siracusa la Chiesa chiude le porte a una fedele disabile, rea di aver sposato la compagna senza nascondere la loro unione civile.

La Chiesa cattolica si macchia di un nuovo episodio di omofobia. Un’omofobia un po’ pelosa per giunta, se è vero che il problema in questo caso non è stato la relazione tra due donne, ma l’aver pubblicizzato l’unione civile. Insomma si fa, ma non si deve dire.

È quanto accaduto a Paola Desi e Maria Grimaldi, una coppia di Priolo Gargallo, nel Siracusano, con la prima, una donna disabile, che è stata allontanata dai sacramenti nella propria parrocchia. Una ferita inferta a una persona che già aveva dovuto lottare con la propria famiglia per realizzare il suo sogno d’amore.

“Un cambio di rotta apparentemente inspiegabile – racconta la donna a SiciliaVoxproprio il parroco, don Sebastiano era sin dall’inizio a conoscenza del mio orientamento affettivo-sessuale e della vera natura del rapporto con Maria, una realtà che aveva potuto constatare quando era venuto a casa nostra per la benedizione dell’appartamento”.

Paola Desi Maria Grimaldi unione civile
L’unione civile della coppia.

Allo stesso sito il parroco Sebastiano Gulinello ha risposto rimettendo la decisione alle regole della Chiesa: “Non posso farci niente, io le conosco e mi dispiace, non è un fatto personale, è una legge della Chiesa!”. Poi aggiunge: “Secondo me il loro errore è stato pubblicizzare il matrimonio anche su Facebook, lo hanno visto tutti e la gente non lo accetta. Persino l’Arcivescovo mi ha telefonato per informarsi se questa coppia frequentava la chiesa e mi ha ribadito che per loro le porte sono aperte ma che non avrebbero potuto accedere al sacramento dell’Eucaristia”.

“Questo non significa che il Signore non voglia bene a queste due donne, loro possono venire in chiesa e continuare a seguire la loro fede ma la comunione non posso dargliela, non è un mio capriccio” ha concluso il sacerdote.

Leggi   Aggressione omofoba a Roma: in tre pestano un 21enne
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...