Picco di arresti e procedimenti giudiziari contro le persone LGBTQIA+ nel 2023

L'allarmante report internazionale di ILGA.

ascolta:
0:00
-
0:00
uganda uomo arrestato
uganda uomo arrestato
2 min. di lettura

Un nuovo report internazionale ha certificato un picco allarmante nel numero di arresti e procedimenti giudiziari nei confronti delle persone LBTQIA+ nel corso di questo 2023. Rispetto agli anni precedenti, l’ILGA (The International Lesbian, Gay Bisexual, Trans, and Intersex Association) ha rilevato come nel 2023 si sia registrato un boom negli arresti relativi alla comunità LGBTQIA+ internazionale.

Il report ha inoltre rimarcato come abusi e maltrattamenti da parte della polizia nei confronti dei detenuti si siano verificati in quasi tutti gli arresti LGBTQ+ documentati.

Secondo il rapporto Our Identities Under Arrest, a novembre 2023 ben 63 Stati membri delle Nazioni Unite criminalizzano gli atti sessuali consensuali tra persone dello stesso sesso. Sebbene il numero di Paesi che criminalizzano gli atti omosessuali sia costantemente diminuito negli ultimi dieci anni – Singapore, Isole Cook e Mauritius hanno depenalizzato le relazioni omosessuali in questo 2023 – il numero di arresti LGBTQ+ riguardanti l’espressione di genere o atti sessuali consensuali è andato incontro ad un “grave” picco.

Secondo ILGA, poi, il numero effettivo di casi potrebbe essere molto più elevato, poiché i documenti ufficiali sono spesso “inaccessibili o inesistenti”, e in molti casi questi arresti o procedimenti giudiziari non vengono registrati oppure “riportati in modo poco chiaro e parziale”. Nel suo report l’ILGA ha esaminato oltre 1.000 casi di arresti e procedimenti giudiziari LGBTQ+ nel corso di due decenni. La ricerca ha evidenziato tendenze particolarmente “allarmanti” in Paesi come Afghanistan, Ghana, Indonesia, Etiopia, Kuwait, Nigeria e Uganda.

“I paesi ampiamente considerati “sicuri” o “tranquilli” hanno assistito a cambiamenti improvvisi con un preavviso relativamente breve”, ha affermato la consulente Kellyn Botha. “I crescenti discorsi di odio contro la diversità sessuale e di genere – da parte di esponenti politici, leader religiosi e con la complicità dei media – si trasformano regolarmente in repressioni o campagne organizzate, la cui durata, portata e violenza non possono essere previste”.

Nel frattempo, Paesi come Burkina Faso, Burundi, Comore, Repubblica Democratica del Congo, Guinea Equatoriale, Giordania, Libia, Maldive e Papua Nuova Guinea hanno registrato pochissimi arresti LGBTQ+ per anni, per poi andare incontro ad un improvviso aumento a partire dal 2021. Mentre Paesi come Kenya, Tanzania, Nigeria e Senegal hanno tentato di “aggravare le leggi esistenti”, altri come Iraq, Niger e Mali hanno ideato nuove leggi per criminalizzare le comunità LGBTQ+, dove prima non esisteva alcuna legge anti-LGBTQ+.

Lucas Ramón Mendos, responsabile della ricerca dell’ILGA, ha osservato che, sebbene la maggior parte delle leggi anti-LGBTQ+ si concentri sulla criminalizzazione degli atti consensuali tra persone dello stesso sesso, in molte giurisdizioni “il modo in cui una persona si veste, agisce o parla” la renda spesso un bersaglio ancora più facile per la polizia.

Mendos ha spiegato come questi tratti vengono spesso considerati dalla polizia come una “prova” di “omosessualità”, tanto da poter essere sufficienti per “giustificare un arresto”, indipendentemente dall’effettiva identità sessuale o di genere dell’individuo.

“È molto più probabile che qualcuno venga preso di mira per il suo aspetto o per come si comporta che per qualsiasi atto sessuale ‘illecito’ verificabile”, ha aggiunto.

Questi risultati dimostrano che, in molte parti del mondo, le comunità LGBTQ+ vivono “sotto una minaccia costante”, ha affermato Guchaten Sandhu, secondo cui la grave minaccia per le persone LGBTQ+ non sia reale solo per “le popolazioni colpite da improvvise ondate di ostilità, ma anche per i richiedenti asilo che rischiano di essere rimandati in Paesi dove saranno perseguitati”.

Realtà tristemente nota anche in Italia, dopo il discusso e ancora poco chiaro accordo tra il governo Meloni e l’Albania per i migranti in arrivo dall’Africa.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Lorenzo Licitra torna in radio con Il Mio Giusto Momento: "L'avevo presentata ad Amadeus per Sanremo 2024" (VIDEO) - Lorenzo Licitra - Gay.it

Lorenzo Licitra torna in radio con Il Mio Giusto Momento: “L’avevo presentata ad Amadeus per Sanremo 2024” (VIDEO)

Culture - Redazione 19.2.24
Vittorio Menozzi, Grande Fratello

Vittorio Menozzi, dopo il Grande Fratello in arrivo un nuovo programma tv: di cosa si tratta?

News - Luca Diana 14.2.24
Eurovision 2024, Angelina Mango tra le favorite dei bookmakers. Le quote ufficiali - Angelina Mango 1 - Gay.it

Eurovision 2024, Angelina Mango tra le favorite dei bookmakers. Le quote ufficiali

Culture - Redazione 14.2.24
Eurovision 2024, i BIG in gara per San Marino. Ci sono i Jalisse, Marcella Bella e (forse) Loredana Bertè - Una Voce per San Marino 2024 - Gay.it

Eurovision 2024, i BIG in gara per San Marino. Ci sono i Jalisse, Marcella Bella e (forse) Loredana Bertè

Culture - Redazione 19.2.24
Ian McKellen di nuovo single, è finita con Oscar Conlon-Morrey - Ian McKellen Oscar Conlon Morrey - Gay.it

Ian McKellen di nuovo single, è finita con Oscar Conlon-Morrey

Culture - Redazione 19.2.24
James Scully di Fire Island e You festeggia il compleanno dell'amato Julio Torres - James Scully di Fire Island e You festeggia il compleanno dellamato Julio Torres - Gay.it

James Scully di Fire Island e You festeggia il compleanno dell’amato Julio Torres

Culture - Redazione 13.2.24

Hai già letto
queste storie?

Gardaland, licenziato il manager che chiamava "principessa" il dipendente gay - Gardaland - Gay.it

Gardaland, licenziato il manager che chiamava “principessa” il dipendente gay

News - Redazione 5.10.23
Accusata di essersi inventata la recensione omofoba di un cliente, è morta la ristoratrice Giovanna Pedretti - Giovanna Pedretti - Gay.it

Accusata di essersi inventata la recensione omofoba di un cliente, è morta la ristoratrice Giovanna Pedretti

News - Redazione 15.1.24
Pro Vita, un 2023 segnato dall'ossessione gender. Ripercorriamo 12 mesi di attacchi alla comunità LGBTQIA+ - 22I Figli non si comprano22 i manifesti di Pro Vita contro la GPA invadono le citta dItalia - Gay.it

Pro Vita, un 2023 segnato dall’ossessione gender. Ripercorriamo 12 mesi di attacchi alla comunità LGBTQIA+

News - Federico Boni 6.12.23
san-gregorio-magno-quindicenne-accoltella-il-padre

Ragazzo di 15 anni accoltella il padre che lo “accusa” di essere gay durante una lite domestica

News - Francesca Di Feo 18.12.23
arabia saudita

Expo 2030 a Riad, in Arabia Saudita andrà in scena l’esposizione universale dell’omobitransfobia

News - Federico Boni 29.11.23
angelo duro omosessuale

Il monologo di Angelo Duro intriso di omofobia: gay che dovrebbero picchiare omofobi, r*cch*oni eccetera – VIDEO

Culture - Redazione Milano 31.10.23
Modifica legge federale Stati Uniti Gay.it

L’ONU contro le leggi anti-LGBTQIA+ degli Stati Uniti: “Violano gli accordi sui diritti umani”

News - Redazione 16.11.23
Jennifer Lopez, 5 milioni di dollari per cantare nell'omofoba Dubai. Pioggia di critiche - Jennifer Lopez - Gay.it

Jennifer Lopez, 5 milioni di dollari per cantare nell’omofoba Dubai. Pioggia di critiche

Musica - Redazione 13.2.24