Romania: una petizione per bandire il matrimonio gay è passata con 3 milioni di firme

Si conferma il clima di profonda regressione culturale che si respira in questo paese: l'ambasciata rumena a Roma ha rifiutato proprio ieri un nulla osta per unione civile.

Romania: una petizione per bandire il matrimonio gay è passata con 3 milioni di firme - romania omofobia - Gay.it
2 min. di lettura
La Corte Costituzionale del paese cede di fronte a una petizione firmata da 3 milioni di cittadini e sostenuta dalle chiese ortodossa e cattolica in cui si chiede di inserire in costituzione il divieto di riconoscere matrimoni e unioni civili.

La decisione della Corte adesso deve passare al vaglio del Parlamento che, per modificare la costituzione inserendo l’articolo nel quale si stabilisce che l’unica unione è quella tra un uomo e una donna, deve votarla con il 75% dei voti e sottoporla a referendum confermativo.

Il referendum confermerebbe sicuramente il risultato visto che il 53% dei rumeni, secondo alcune statistiche, vorrebbe che l’omosessualità fosse di nuovo un reato.

 

Evelyn Paradis, direttore esecutivo di ILGA Europe si è detta profondamente turbata dalla decisione della corte che mina a questo punto tutta la legislazione a tutela delle persone LGBT introdotta in questi anni nel paese. Sul fronte opposto, i vincitori adesso vogliono proporre un divieto assoluto di aborto, divorzio, di educazione sessuale nelle scuole e pure sulla pornografia. C’è da scommettere che su quest’ultima perderanno clamorosamente. Visto il clima di regressione culturale che si respira in quei paesi ultimamente, nessuno ritiene che la Romania possa salvarsi da sola, vista la potenza della chiesa ortodossa locale. Avevamo parlato solo ieri della triste storia di Michel e Silviu: quest’ultimo è rumeno (mentre Michel  è italiano) e si è visto rifiutare il nulla osta per l’unione civile dall’ambasciata rumena di Roma. Stando però al parere del Consiglio di Stato, “la dichiarazione, resa dall’autorità competente dello Stato di appartenenza, di nulla osta all’unione civile, che lo straniero deve presentare all’ufficiale dello stato civile qualora intenda costituire in Italia un’unione civile, non va interpretata nel senso di includere nelle “leggi cui è sottoposto” lo straniero medesimo anche quelle eventuali disposizioni dell’ordinamento dello Stato di appartenenza che vietino le unioni civili tra persone dello stesso sesso. Difatti il diritto di costituire un’unione civile tra persone dello stesso sesso, in forza dell’entrata in vigore della legge, è divenuta una norma di ordine pubblico e, dunque, prevale, secondo l’articolo 16 della legge 31 maggio 1995, n. 218 sulle eventuali differenti previsioni di ordinamenti stranieri”. In teoria quindi, nonostante la negazione del nulla osta, non ci dovrebbero essere problemi. Staremo a vedere.

PER APPROFONDIRE, LEGGI LA LORO STORIA > > 
L’ambasciata rumena nega il nulla osta per l’unione civile a Michel e Silviu

michel_silviu

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.
Avatar
Boggongino 23.7.16 - 4:49

il 53% per cento di rumeni dovrebbe farsi una passeggiatina a Termini o Repubblica

Avatar
Giovanni Di Colere 22.7.16 - 12:14

Si per il diritto comunitario anche se il Paese di origine non dà l nulla osta il cittadino rumeno ha gli stessi diritti del cittadino italiano in Italia. In Romania chissà quando. È l'ennesima dimostrazione che prima di allargare l'unione europea ad est occorreva completare l'unione tra i 12 stati e approvare la costituzione europea vincolante per chi in futuro volesse aderire.

Trending

Marco Mengoni e Mahmood una canzone insieme

Marco Mengoni e Mahmood, una canzone insieme

Musica - Mandalina Di Biase 23.2.24
Paolo Camilli

Paolo Camilli: “La mia omosessualità? L’ho negata fino alla morte con me stesso” – intervista

Culture - Luca Diana 23.2.24
GLORIA! (2024)

Le ragazze ribelli di Gloria! Tutto sul primo sovversivo film di Margherita Vicario

Cinema - Redazione Milano 22.2.24
adolescente-non-binari-aggressione-oklaoma (1)

USA, Nex Benedict, sedicenne non binariǝ, muore dopo un’aggressione transfobica a scuola

News - Francesca Di Feo 21.2.24
glaad-gaming-report

Il 17% dellǝ appassionatǝ di videogames è queer, ma l’industria ci rappresenta? Il rapporto di GLAAD

Culture - Francesca Di Feo 14.2.24
@giorgiominisini_

Giorgio Minisini contro gli stereotipi: perché essere maschio alfa, quando puoi stare bene? – L’intervista

Corpi - Riccardo Conte 21.2.24

I nostri contenuti
sono diversi

ursula-von-der-layen

L’inquietante silenzio di Von Der Leyen sui temi LGBTQIA+ nell’ultimo State of the Union prima delle Europee 2024

News - Francesca Di Feo 13.9.23
roccella-teoria-del-gender

Il Consiglio d’Europa all’Italia: “Gli attacchi alla comunità LGBTQIA+ sono violazioni dei diritti umani”

News - Federico Boni 19.12.23
L’eurodeputata leghista Basso contro i manifesti pro famiglie arcobaleno di Ravenna: "Chiederò spiegazioni a Bruxelles" - Leurodeputata leghista Basso - Gay.it

L’eurodeputata leghista Basso contro i manifesti pro famiglie arcobaleno di Ravenna: “Chiederò spiegazioni a Bruxelles”

News - Redazione 8.1.24
romania-unione-civile-in-italia (1)

Denis e Gianluca, la loro unione sbeffeggiata dalla burocrazia romena: “Ci hanno riso in faccia” – INTERVISTA

News - Francesca Di Feo 9.1.24
romania-unioni-civili

Romania in ritardo sul riconoscimento delle coppie omo, cresce l’estrema destra: l’allarme dellə attivistə

News - Francesca Di Feo 18.12.23
gpa-corte-europea-sentenza

Italia condannata: ha perseguitato Sonia, nata da coppia etero grazie alla GPA

News - Francesca Di Feo 31.8.23
Romania, il premier Ciolacu chiude alle unioni civili: "La nostra società non è pronta" - Marcel Ciolacu - Gay.it

Romania, il premier Ciolacu chiude alle unioni civili: “La nostra società non è pronta”

News - Redazione 24.11.23