La Corte europea condanna la Romania. Deve riconoscere le coppie dello stesso sesso

La CEDU ha stabilito che il riconoscimento delle unioni civili tra persone dello stesso sesso non danneggerebbe in alcun modo l'istituzione del matrimonio.

ascolta:
0:00
-
0:00
famiglia
Una famiglia degenere, quella di Luca.
2 min. di lettura

La Romania deve legalizzare le unioni civili tra persone dello stesso sesso. A ribadirlo la massima corte europea per i diritti dell’uomo, nella giornata di ieri.

Ventuno coppie dello stesso sesso avevano trascinato la Romania alla Corte europea dei diritti dell’uomo (CEDU), sostenendo che la mancanza di riconoscimento legale delle loro relazioni “li ha privati della loro dignità di coniugi”.

In una sentenza a dir poco attesa, la Corte europea dei diritti dell’uomo ha stabilito che il Paese ha violato l’articolo 8 della Convenzione europea, che tutela il diritto al rispetto della vita familiare, non dando alle coppie LGBTQ+ alcun mezzo per salvaguardare legalmente le loro relazioni. Le coppie rumene hanno citato gli enormi svantaggi legati alle attuali leggi nazionali, come il congedo per lutto coniugale, l’assicurazione sanitaria congiunta o la possibilità di accedere a mutui agevolati.

La CEDU ha stabilito che il riconoscimento delle unioni civili tra persone dello stesso sesso non danneggerebbe in alcun modo l’istituzione del matrimonio, “poiché le coppie eterosessuali possono ancora sposarsi”. La sentenza diventerà giuridicamente vincolante dopo un periodo di tre mesi in cui entrambe le parti avranno il diritto di appellarsi a un tribunale superiore. In caso contrario, la sentenza rimarrà valida e porterà la Romania a dover legalizzare il prima possibile le unioni civili.

La Romania si è classificata al 41° posto su 49 Paesi nella Rainbow Map di ILGA-World. Un sondaggio del 2021 condotto da Accept Association aveva mostrato come il 43% dei rumeni sia favorevole alla protezione legale per le relazioni tra persone dello stesso sesso. Il 71% ha confessato che un’eventuale legge sulle unioni civili non avrebbe alcun impatto sulle loro vite.

Gli attivisti hanno accolto con favore la sentenza della CEDU, facendo notare come il disegno di legge sulle unioni civili sia fermo in parlamento dal 2019. “Per troppo tempo noi persone LGBTQ+ di Romania siamo stati trattati come cittadini di seconda classe ed è ora di cambiare“, ha affermato Vlad Viski, direttore esecutivo dell’Associazione MozaiQ LGBT. Nel 2022 la Romania ha votato insieme ad Ungheria e Polonia contro la propaganda LGBTQIA+, mentre nel 2021 era arrivata un’altra condanna dalla Corte europea dei diritti dell’uomo, affinché riconoscesse gli uomini trans.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Tale e Quale Show 2024, primi rumor sul cast. Da Federico Fashion Style alle Karma B e Giulia De Lellis - Tale e Quale Show 2024 - Gay.it

Tale e Quale Show 2024, primi rumor sul cast. Da Federico Fashion Style alle Karma B e Giulia De Lellis

Culture - Redazione 24.6.24
I film LGBTQIA+ della settimana 24/30 giugno tra tv generalista e streaming - film queer 2 - Gay.it

I film LGBTQIA+ della settimana 24/30 giugno tra tv generalista e streaming

Culture - Federico Boni 24.6.24
@milanopride

Perché il Milano Pride non ha madrine e padrini? Le comunità ebraiche queer ci saranno? Intervista

Lifestyle - Riccardo Conte 24.6.24
aggressione-foggia-intervista

Foggia, parla Alessandro, vittima dell’aggressione: “Trasformiamo la violenza in sogno” – intervista

News - Francesca Di Feo 21.6.24
Yan Couto fa sparire i capelli rosa che hanno scosso il Brasile. "Mi hanno detto che sono stravaganti" - Yan Couto - Gay.it

Yan Couto fa sparire i capelli rosa che hanno scosso il Brasile. “Mi hanno detto che sono stravaganti”

Corpi - Redazione 24.6.24
Lolita intervista

Lolita e la libertà di andare oltre gli stereotipi: “Chiunque di noi può essere tutto ciò che vuole”

Musica - Emanuele Corbo 24.6.24

I nostri contenuti
sono diversi

aborto-antiabortisti-nei-consultori

L’interruzione di gravidanza torna ad essere oggetto di discussione in parlamento: dovevamo svegliarci prima?

Corpi - Francesca Di Feo 19.4.24
Donatella Versace celebrata con il Game Changer Onor per il suo impegno in difesa dei diritti della comunità LGBTQIA+ - Donatella Versace celebrata con il Game Changer Onor per il suo impegno in difesa dei diritti della comunita LGBTQIA - Gay.it

Donatella Versace celebrata con il Game Changer Onor per il suo impegno in difesa dei diritti della comunità LGBTQIA+

Culture - Redazione 8.3.24
elly schlein partio democratico

Abruzzo al voto, Elly Schlein: “Ci battiamo per il diritto delle donne a scegliere del proprio corpo”

News - Redazione 8.3.24
Modifica legge federale Stati Uniti Gay.it

2023, l’anno nero per i diritti LGBTQIA+ negli Stati Uniti d’America

News - Redazione 27.12.23
montenegro-diritti-lgbt

Il Montenegro candidato all’ingresso UE tra “sterilizzazione forzata” delle persone trans e linguaggio d’odio rampante

News - Francesca Di Feo 18.1.24
Elliot Page denuncia la “devastante” eliminazione dei diritti LGBTQIA+ in tutto il mondo durante i Juno Awards (VIDEO) - Elliot Page 1 - Gay.it

Elliot Page denuncia la “devastante” eliminazione dei diritti LGBTQIA+ in tutto il mondo durante i Juno Awards (VIDEO)

News - Redazione 25.3.24
Roccella e Meloni: "Ci sono le femmine e ci sono i maschi. No teoria gender nelle scuole. GPA disumana" - Giorgia Meloni e Eugenia Roccella - Gay.it

Roccella e Meloni: “Ci sono le femmine e ci sono i maschi. No teoria gender nelle scuole. GPA disumana”

News - Redazione 20.5.24
report-amnesty-diritti-umani

Preoccupante regressione dei diritti umani, tra cui quelli LGBTQIA+, a livello globale: il desolante report di Amnesty International

News - Francesca Di Feo 29.4.24