Sondaggio: come ti fa sentire Grindr?

Dal 2009 l'app più usata e odiata dal mondo queer divide i pareri degli utenti. Fa bene? Fa male? Entrambe le cose?

gay grindr sedere glutei natiche culo
grindr sedere glutei natiche culo butts bottom dating LGBTQ+
4 min. di lettura

Nulla ci unisce e divide come Grindr.

L’app dalla mascherina gialla – fondata il 25 Marzo 2009 dalla Nearby Buddy Finder LLC – è generatrice di emozioni contrastanti, tra chi rigira le pupille degli occhi di trecentosessanta gradi al pensiero di utilizzarla, chi la odia visceralmente ma non smette di attivare e disattivarsi l’account, chi ne fa uso compulsivo, chi vive entrambe queste tre fasi a cadenza regolare, determinate da condizioni atmosferiche, noia, solitudine, periodo storico, pruriti.

Sondaggio: come ti fa sentire Grindr?
Grindr nasce il 25 Marzo 2009 presso la Nearby Buddy Finder LLC, e diventa rapidamente una delle app d’incontri gay più famose al mondo.

Perché non possiamo farne a meno? Perché è facile.
Su Grindr è facile dare piena libertà a tutto quello che ci hanno educato ad addomesticare, in nome di un’impeccabile condotta morale o gli occhi della zia ai pranzi di famiglia: su Grindr le tue più grandi, indicibili, disgustose e ridicole fantasie possono disperdersi a briglia sciolta perché è molto probabile che anche qualcun altro lì sopra ha voglia di esternarle. È facile perché se il sesso per voi è anche occasionale e rapido e improvvisato – e non volete investire energie in una conversazione fatta di convenevoli e nemmeno offrire da bere ad uno sconosciuto – potete farlo.

Anche per questo Grindr è considerata mercato del pesce, bancone degli affettati, il posto dove tutti vogliono solo scopare. Come se voler solo scopare sia diventato un male da estirpare o un’esigenza da tenere a bada, per garantirci quell’imborghesimento fondamentale in società. Archiviando bigottismi da madre badessa, su Grindr c’è anche spazio anche per chi preferisce parlare prima di togliersi le mutande. Come ogni dating app, è tutto un gioco di casualità, fiuto, e coincidenze.

Ma cercare e trovare sesso in maniera comoda e veloce,  ha i suoi effetti collaterali: Grindr, consciamente o meno, alimenta quel processo psicologico chiamato programma a intervalli variabili di rinforzo, ovvero quando una risposta viene premiata dopo una variabilità temporale imprevedibile. Cercando di essere più chiari: potremmo riuscire a scopare immediatamente oppure dopo un’ora, due, tre, quattro, o una giornata intera. Questo amplifica la nostra dipendenza dall’app, ritrovandoci ad utilizzarla compulsivamente pur di ottenere la risposta che vogliamo. Proprio perché quello che vogliamo dipende da circostanze casuali e variabilissime, che pensiamo di poter controllare solo monitorando ossessivamente la chat. Un po’ come chi non riesce a staccarsi dalle slot machine o i gratta e vinci, perché potresti farcela in ogni momento oppure mai.

È appurato che l’uso bulimico di qualunque cosa ci fa male, fuori o dentro le dating apps. Ma stare compulsivamente su Grindr genera uno stress specifico: se è vero che possiamo spogliarci e vivere la nostra sessualità senza restrizioni morali, la rassegna dei corpi nasconde il suo lato più ostile. Ci abitua al confronto costante, a guardarci con gli occhi dell’altro, attraverso specifici standard, e ogni micro o gigante insicurezza sul nostro fisico o apparenza viene stuzzicata e risvegliata.

In un articolo per Voxx del 2018, lo psichiatra Jack Turban ha riscontrato che per alcuni utenti il fascino di Grindr non è l’urgenza di divertirsi, quanto smettere di stare male. “Gli utenti mi hanno raccontato che entravano sull’app quando si sentivano tristi, angosciati, o soli.” scrive Turban: “Grindr può allontanare queste sensazioni. L’attenzione o la potenzialità del sesso ci distrae da emozioni dolorose“. Nella ricerca di Turban, il 50% degli uomini gay soffre o ha sofferto di depressione, e stando alle statistiche dell’associazione Time Well Spent, il 77% degli utenti si pente di utilizzarla.

Sondaggio: come ti fa sentire Grindr?
Stando a specifiche ricerche, il 50% degli uomini gay soffre o ha sofferto di depressione, e stando alle statistiche dell’associazione Time Well Spent, il 77% degli utenti si pente di utilizzare Grindr.

Mettici anche tutta quella questione della mascolinità tossica, della feticizzazione dei corpi, dell’essere troppo in carne o troppo magri, e per carità, niente effemminati. Non si capisce più se è gusto personale o retaggio culturale, ma quel che è certo è che non ci si diverte più così tanto.

A coronare una reputazione già di per sé precaria, nel 2020 il Norwegian Consumer Council ha rivelato che Grindr, sin dal 2018 permetterebbe a più di 100 società terze di accedere ai nostri dati GPS, indirizzo IP, identità di genere e orientamento sessuale, includendo anche dati come lo stato di sieropositività o la data degli ultimi test effettuati, con l’obiettivo di migliorare gli annunci pubblicitari.

Eppure, ampia parte di noi, su Grindr ci rimane.
È il guilty pleasure che ci stuzzica le mutande, annoia da morire, fa incazzare come una iena ma resta ancora sullo smartphone.
Ha tutta una serie di problemi non sufficienti per sbarazzarcene. Forse perché anche noi ci portiamo dietro la nostra piccola dose di controversie, e non basta riversare dentro un’app d’incontri ogni male del mondo.
Le abitudini sono dure a morire, insieme alle nostre insicurezze.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.
Avatar
mrwendal 6.3.22 - 15:36

Troppo difficile mettere anche l'opzione "Non uso GRINDR"???

Trending

spiagge gay italiane spiagge queer lgbtqia

Speciale Spiagge 2024: 100 spiagge gay in Italia da non perdere

Viaggi - Redazione 1.7.24
Maria De Filippi e Amadeus, Festival di Sanremo

“Festival di Sanremo” cercasi: su Canale 5 arriva “Amici-Verissimo”, sul Nove “Suzuki Music Party”

Culture - Luca Diana 18.7.24
Selvaggia Lucarelli vs. Paolo Stella: "Ci sbatte in faccia il privilegio ottenuto senza alcun talento specifico" - Selvaggia Lucarelli vs. Paolo Stella - Gay.it

Selvaggia Lucarelli vs. Paolo Stella: “Ci sbatte in faccia il privilegio ottenuto senza alcun talento specifico”

Culture - Redazione 18.7.24
Vladimir Luxuria Isola dei Famosi 2024

Palinsesti Mediaset 2024/2025. Vladimir Luxuria non condurrà più l’Isola dei Famosi. Verissimo incontra Amici

Culture - Redazione 17.7.24
B&B rifiuta coppia omosessuale a Busca in provincia di Cuneo

B&B di Busca che rifiuta omosessuali scovato da Gay.it: Booking.com non elimina l’annuncio, la titolare fornisce nuove versioni omofobe ai quotidiani

News - Giuliano Federico 16.7.24
Palinsesti Rai 2024/2025, slitta Sanremo, fuori Serena Bortone. Promossi Insegno, Sechi, Barbareschi e Giletti - Palinsesti Rai - Gay.it

Palinsesti Rai 2024/2025, slitta Sanremo, fuori Serena Bortone. Promossi Insegno, Sechi, Barbareschi e Giletti

Culture - Federico Boni 19.7.24

Continua a leggere

Liberazione 25 Aprile

Il Fascismo è ancora tra noi: non ci fermeremo, non ci fermeranno. Buona Liberazione a tuttə!

Culture - Giuliano Federico 25.4.24
triptorelina-tavolo-tecnico-schillaci-roccella

Triptorelina, l’Italia di Meloni all’attacco: ecco il tavolo tecnico per “valutare” la somministrazione in ambito di affermazione di genere

Corpi - Francesca Di Feo 26.3.24
Miranda July (Vogue, 2020)

Miranda July, amarsi senza cadere a pezzi – intervista

Culture - Riccardo Conte 4.3.24
chat gay grindr

Grindr sotto accusa: avrebbe condiviso con terze parti lo status HIV di migliaia di utenti

News - Francesca Di Feo 22.4.24
Il masturbatore nella versione standard LELO F1S V3

Recensione di LELO F1S™ V3: il masturbatore per persone pene-dotate che usa le onde sonore e l’intelligenza artificiale

Corpi - Gio Arcuri 10.4.24
Le relazioni e il sesso come territorio ambiguo: "Di me non sai", intervista a Raffaele Cataldo - Sessp 41 - Gay.it

Le relazioni e il sesso come territorio ambiguo: “Di me non sai”, intervista a Raffaele Cataldo

Culture - Federico Colombo 19.3.24
Transgender triptorelina

Giovani trans* e gender diverse: la scienza difende l’impiego di triptorelina: “Basta disinformazione”

Corpi - Francesca Di Feo 31.1.24
onu-persone-intersex

Germania, falle evidenti nella legge a tutela dellə minori intersessuali: cosa sta succedendo

Corpi - Francesca Di Feo 17.7.24