In difesa di Grindr

Il governo cinese ha eliminato l'app da ogni piattaforma. Ecco perché noi dovremmo proteggerla.

In difesa di Grindr
Logo dell'app Grindr
3 min. di lettura

Nelle ultime ore Grindr, la dating app per uomini gay o pan più famosa nel globo, è sparita da qualunque piattaforma cinese, dall’Apple Store a Google Play e Android.

La rimozione è conseguenza di un nuovo ordinamento del governo cinese, che già la scorsa estate ha iniziato a rimuovere ogni app LGBTQIA+, con il fine di limitare l’accesso a materiali pornografici sul web e creare uno spazio “più pulito e sano”. 



L’omosessualità non è  illegale in Cina, ma la rimozione di contenuti espressamente LGBTQIA+ si è estesa anche a notizie, podcast, e qualunque altra applicazione non in linea con “le linee guida o le normative locali”.

 

Perché difendere Grindr
Grindr, la dating app per uomini gay o pan più famosa nel globo, è sparita da qualunque piattaforma cinese. L’obiettivo del governo è creare un spazio “pulito e sano”.

 

Ma Grindr non ha mai avuto una bella reputazione, ancor più tra le persone queer.

Nata nel 2009, l’app dalla mascherina gialla ha sempre accolto pareri contrastanti tra chi ne fa un utilizzo bulimico senza mostrare mai la faccia, chi attiva e disattiva l’account alla velocità della luce, chi fieramente dichiara di non utilizzarla aspettandosi così una coccarda come “ricchi*ne dell’anno”.

Una scarsa condotta non del tutto immeritata: su Grindr c’è spazio per il peggio della nostra comunità, una scarica di mascolinità tossica unita alla voglia di mostrarci maleducati, sgradevoli, e talvolta anche un po’ stronzi.

È anche un’app maledetta, una dove “fare attenzione”, tra ricatti di estorsione e serial killer occasionali. 

Pratica preferita di molt* è ricondividere gli screen delle conversazioni, oscillando tra la denuncia sociale sterile e sentirsi Regina George.

Ma cosa succede quando a prenderne il controllo è uno dei governi più omobitransfobici del mondo?
Cosa significa per la nostra comunità  l’eliminazione di un’app come Grindr, per quanto odiata?

Se l’obiettivo è creare uno spazio “pulito e sano”, Grindr è quindi luogo di depravazione, sporcizia, stigma.

Grindr è il battuage, gli anfratti di una società selvaggia e senza freni, che non possiamo mostrare ai pranzi di famiglia ma solo confinare in un qualche angolo delle nostre fantasie, nascosta nell’archivio.



Grindr, con tutte le inconfutabili problematicità del caso, è anche il luogo dove la nostra comunità si scrolla di dosso ogni tentativo di accondiscendenza: se la società non ci dà la caccia, ci permette un posto a tavola a patto che siamo i meno scomodi possibili.

Puliti, ligi, perfettamente in linea con la morale cattolica e puritana del nostro paese, dove quelle cose le fate a casa vostra e non occorre ostentare.

Su Grindr c’è spazio per sbottonarsi (letteralmente), mantenere un contatto giocoso, senza convenevoli o pudicizia. Su quell’app possiamo liberare una sessualità grottesca, ridicola, lasciando correre le nostre fantasie a briglia sciolta.

Quando un sistema opprime la nostra esistenza, cercando di tenere sotto controllo ogni condotta morale, Grindr è l’ultima forma di ribellione.

L’ultimo contesto, virtuale, tossico, e problematico, per scappare dal bigottismo imperante e il bisogno di censurarci.

Sia chiaro, non significa che possiamo permetterci di inviare materiale porno senza consenso oppure legittimare offese gratuite a chiunque non sia un maschio alfa.

Ma omessa ogni tossicità, Grindr può diventare luogo di ritrovo.

Come diceva David Wojnarowicz, raccontando le sue notti libertine presso i moli dell’Hudson: “Uno spazio saturato da un livello di lascivia impossibile da descrivere a chi non ne sapeva niente” ma anche “una situazione che si fonda su una certa premura reciproca, se non addirittura su una vera e propria comunità”.



Perché difendere Grindr
David Wojnarowicz

 

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

daniel craig queer guadagnino

Queer: “È fantastico, dura 3 ore e sarà a Venezia”. Luca Guadagnino: “È il film che avevo in testa da 35 anni”

News - Redazione 20.5.24
Grande Fratello, la 18esima edizione si farà e riparte da Alfonso Signorini. L'annuncio video - Alfonso Signorini - Gay.it

Grande Fratello, la 18esima edizione si farà e riparte da Alfonso Signorini. L’annuncio video

Culture - Redazione 21.5.24
Il masturbatore nella versione standard LELO F1S V3

Recensione di LELO F1S™ V3: il masturbatore per persone pene-dotate che usa le onde sonore e l’intelligenza artificiale

Corpi - Gio Arcuri 10.4.24
"La Nostra Raffaella", sabato sera su Rai1 il tributo alla leggendaria Carrà. Lo spot (video) - La Nostra Raffaella spot - Gay.it

“La Nostra Raffaella”, sabato sera su Rai1 il tributo alla leggendaria Carrà. Lo spot (video)

Culture - Redazione 21.5.24
Rainbow Map 2024, l'Italia crolla al 36° posto su 49 Paesi per uguaglianza e tutela delle persone LGBT - rainbowmap - Gay.it

Rainbow Map 2024, l’Italia crolla al 36° posto su 49 Paesi per uguaglianza e tutela delle persone LGBT

News - Federico Boni 15.5.24
Elezioni Europee e voto LGBTI+, guida alle candidature che aderiscono a #ComeOut4EU il programma di Ilga Europe - cover wp - Gay.it

Elezioni Europee e voto LGBTI+, guida alle candidature che aderiscono a #ComeOut4EU il programma di Ilga Europe

News - Lorenzo Ottanelli 20.5.24

I nostri contenuti
sono diversi

albania-diritti-lgbtqia

Albania, tutte le promesse non mantenute dal governo in ambito di diritti LGBTQIA+

News - Francesca Di Feo 5.1.24
Foto: MARTIN BUREAU

Grindr si fa più inclusivo per le persone trans* (ma è già polemica!)

News - Redazione Milano 8.2.24
Odio LGBTIAQ social network

L’odio social verso la comunità LGBTQIA+ ha conseguenze nella vita reale, ma Meta, X e TikTok non fanno abbastanza per arginarlo

News - Francesca Di Feo 25.1.24
"How to have sex", l’esordio di Molly Manning Walker: il mondo ci vuole espertə come adulti e inconsapevoli come bambini - Matteo B Bianchi 1 - Gay.it

“How to have sex”, l’esordio di Molly Manning Walker: il mondo ci vuole espertə come adulti e inconsapevoli come bambini

Cinema - Federico Colombo 17.4.24
chat gay grindr

Grindr sotto accusa: avrebbe condiviso con terze parti lo status HIV di migliaia di utenti

News - Francesca Di Feo 22.4.24
ragazza-lesbica-aggredita-bojano

Prese a schiaffi e insultò coppia di donne lesbiche. Condannato a 5 mesi e 9 giorni di reclusione

News - Redazione 23.2.24
india-pranshu-influencer-morto-suicida

Addio Pranshu, a 16 anni si è tolto la vita, ucciso dal cyberbullismo omobitransfobico

News - Francesca Di Feo 27.11.23
grecia-matrimonio-egualitario-proteste

Grecia nel caos omobitransfobico. Weekend di terrore, in 200 aggrediscono coppia trans. Minacce a Kasselakis

News - Federico Boni 12.3.24