Foto

Time Will Tell: l’arte come strumento di coesione e cambiamento sociale

La mostra di Zanele Muholi e Robert Hamblin sfida i paletti dei pregiudizi e dei retaggi culturali celebrando corpi e identità che vanno oltre il tempo.

ascolta:
0:00
-
0:00
TIME WILL TELL ZANELE MUHOLI + ROBERT HAMBLIN
TIME WILL TELL ZANELE MUHOLI + ROBERT HAMBLIN
3 min. di lettura

Fino al prossimo 2 Ottobre 2022, presso la Galleria Il Frantoio di Capalbio, arriva per la prima volta in Italia Time Will Tell – a cura di Maria Concetta Monaci, Presidente dell’Associazione Culturale Il Frantoio, insieme a Francesca de Medici e Davide Sarchioni – una mostra ma anche uno sguardo aperto verso la nostra società, un incontro collettivo per respirare a pieni polmoni e riscoprire da capo la storia queer senza fronzoli edulcorati o narrazioni stereotipate. Le menti visionarie dietro Time Will Tell sono Zanele Muholi e Robert Hamblin, artist* e attivist* sudafrican* unit* dall’obiettivo comune di oltrepassare le discriminazioni sociali, di genere e razza attraverso la propria arte.

TIME WILL TELL ZANELE MUHOLI + ROBERT HAMBLIN
TIME WILL TELL ZANELE MUHOLI + ROBERT HAMBLIN

Muholi, spazia dalla fotografia ai video, per dare voce e storia alle donne queer in Sudafrica e trovare una cassa di risonanza per una comunità LGBTQIA+ mai inquadrata dai media generalisti: “Il mio tentativo è quello di riscrivere una storia visiva nera, queer e trans del Sudafrica, in modo che il mondo conosca la nostra resistenza ed esistenza al culmine dei crimini di odio in Sudafrica e altrove” spiega Muholi. Hamblin, ha visto il mondo sia dagli occhi di donna queer durante l’Apartheid che uomo transgender, testimonia attraverso le sue pitture e fotografie la liberazione del corpo queer, evidenziandone il valore politico in ogni ambito della società. La mostra è una rassegna di 60 lavori, tra cui gli autoritratti di Muholi che vanno da “Faces and Phases” – dedicato alle donne sudafricane – a “Somnyama Ngonyama: Hail the Dark Lioness” dove gli abiti simboleggiano la discriminazione e la violenza razziale e di genere. Gli autoritratti di Hamblin, molti eseguiti con inchiostro su carta, si concentrano sul proprio corpo, rappresentato senza tabù o vincoli di alcun genere, ma in tutta la sua stupefacente umanità. Si aggiunge la rassegna fotografica in bianco e nero – scattata tra il 2021 e il 2022, dove tra camere d’albergo e location anonime, i propri corpi si dissociano dalla realtà e al contempo si uniscono in solitudine, sofferenza, e speranza.

TIME WILL TELL ZANELE MUHOLI + ROBERT HAMBLIN
TIME WILL TELL ZANELE MUHOLI + ROBERT HAMBLIN

Attraverso immagini emblematiche e stratificate, Muholi e Hamblin partono dal personale per raccontare storie universali che rischiano ancorar di restare all’ombra di un attivismo sempre più capitalizzato, e trasmettendo tutta la forza e dignità della rivoluzione che stiamo vivendo: “Mettendo coraggiosamente in gioco anzituttose stessi in prima persona, le loro immagini evocano storie nelle quali tutti noi siamo coinvolti,indistintamente, ogni giorno e in ogni luogo, da protagonisti o spettatori” spiega Davide Sarchioni “Questo ci sprona a prendere una posizione consapevole, dura e necessaria, per migliorare e migliorarsi”. Time Will Tell è un incontro pieno d’empatia, un appello pieno di speranza e coraggio verso il futuro, che ci chiede: cosa ci dirà il tempo? Cambieremo in meglio? Saremo davvero liber*? Ma nel frattempo, ci invita a non tirarci indietro: “Le cose non possono cambiare dall’oggi al domani,solo il tempo ti dirà dove andranno le cose, in che direzione andrà il tuo lavoro (sia artistico che di attivismo).” dice Hamblin “Non si può controllare l’impatto del proprio lavoro: puoi solo fare il tuo lavoro e continuare a farlo”.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Alberto Matano e il marito Riccardo Mannino

L’estate 2024 di Alberto Matano tra sole, amore e nuove avventure letterarie: le foto social

Culture - Luca Diana 19.7.24
Lewis Hamilton elogia Ralf Schumacher per il coming out: "Un messaggio di libertà, che tutti possano fare lo stesso" - Lewis Hamilton elogia Ralf Schumacher per il coming out - Gay.it

Lewis Hamilton elogia Ralf Schumacher per il coming out: “Un messaggio di libertà, che tutti possano fare lo stesso”

News - Redazione 19.7.24
Katy Perry video

“Ho visto le stelle”: tutte pazze per il vibratore di Katy Perry (un po’ meno per il suo singolo)

Musica - Emanuele Corbo 19.7.24
Selvaggia Lucarelli vs. Paolo Stella: "Ci sbatte in faccia il privilegio ottenuto senza alcun talento specifico" - Selvaggia Lucarelli vs. Paolo Stella - Gay.it

Selvaggia Lucarelli vs. Paolo Stella: “Ci sbatte in faccia il privilegio ottenuto senza alcun talento specifico”

Culture - Redazione 18.7.24
La convention repubblicana di Milwaukee è diventata il "Super Bowl di Grindr" (VIDEO) - grindr repubblicani - Gay.it

La convention repubblicana di Milwaukee è diventata il “Super Bowl di Grindr” (VIDEO)

News - Federico Boni 19.7.24
Tutti i coming out "vip" del 2024 - Coming Out 2024 - Gay.it

Tutti i coming out “vip” del 2024

News - Federico Boni 19.7.24

Hai già letto
queste storie?

taiwan-intervista-post-elezioni (5)

Taiwan: “La Cina una minaccia costante, soprattutto per la comunità queer” parla un’attivista LGBTIQ+

News - Francesca Di Feo 14.2.24
Cecilia Gentili Interview photographed by Oscar DIaz_

Dio e il corpo transgender, il funerale di Cecilia Gentili diventa un momento di orgoglio queer e i cattolici si indignano

Culture - Mandalina Di Biase 27.2.24
Michele Bravi ritratto da Mauro Balletti per 'Tu cosa vedi quando chiudi gli occhi?'

L’atlante di Michele Bravi, tra poesie e pornostar – l’intervista

Musica - Riccardo Conte 9.4.24
Candy Darling, 1971. © Jack Mitchell.

Chi era Candy Darling, l’icona trans* degli anni ’70

Culture - Riccardo Conte 27.4.24
La bellezza liberatoria degli infiniti "Pride", per sempre e ovunque: storia visiva dell'orgoglio LGBTQIA+ - pride libro scripta maneant 3 - Gay.it

La bellezza liberatoria degli infiniti “Pride”, per sempre e ovunque: storia visiva dell’orgoglio LGBTQIA+

News - Francesca Di Feo 8.6.24
@spartaco._

Il mondo gamer raccontato da Jessica G. Senesi: tra autoironia e inclusività

News - Riccardo Conte 1.2.24
Omosessuale- Oppressione e Liberazione

Perché leggere oggi “Omosessuale: Oppressione e Liberazione”, un classico della Gay Liberation, intervista a Lorenzo Bernini

Culture - Alessio Ponzio 4.4.24
Rooy Charlie Lana

Vergognarsi e spogliarsi lo stesso: intervista con Rooy Charlie Lana, tra desiderio e non binarismo

Culture - Riccardo Conte 29.2.24