Video

Nudo ascoltando Bella Ciao: la performance di Slaven Tolj a Bologna – IL VIDEO

Il provocatorio artista ha esibito 11 opere crude e realistiche, tra personale e attualità.

ascolta:
0:00
-
0:00
2 min. di lettura

Video di Nico Covre

Slaven Tolj si fa spazio nel bel mezzo di una folla, inizia piano piano a togliersi ogni indumento, fino a rimanere nudo e seduto sotto lo sguardo degli spettatori. A rompere il silenzio c’è Bella Ciao, lo storico inno partigiano che riecheggia per la sala di Palazzo d’Accursio.

È “Bologna, February 2023“, una delle 11 opere presentate dal 26 Gennaio al 5 Marzo in “Craquelure. Pavo and me“, prima mostra in Italia dell’artista e militante croato, curata da Daniele Capra presso le Collezioni Comunali d’Arte.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Daniele Capra (@danielecapra)

Una rassegna che ripercorre la carriera dell’artista, dalla fine degli anni Ottanta ai lavori recenti, muovendosi tra scultura, fotografia, e performance, e offrendo uno spaccato delle proprie “dinamiche interiori, interpersonali e politiche”.

Colpito da un ictus che ne ha compromesso le sue capacità linguistiche, Tolj racconta una realtà brutalmente onesta e cruda, dove body art e arte concettuale assumono un ruolo centrale e ogni opera trae spunto dal vissuto privato e l’attualità.

Dalla dissoluzione della Jugoslavia nei primi anni Novanta alla morte dell’amico e fotografo Pavo Urban (di cui espone due foto risalenti a ‘Rosarium’, altra performance del 1988) morto il 6 dicembre 1991 durante la guerra a Dubrovnik, l’arte di Tolj interseca personale e universale, offrendo sempre uno sguardo in prima persona sul mondo.

Come in A Tattooo of the logo of Rijeka’s Museum of Modern and Contemporary Art Rijeka dove si fa tatuare I logo de museo MMSU sulle spalle (a rappresentare i musei come marchio e metro di valore del lavoro artistico) o Community Spirit in Action del 1998 dove performa al fianco di una spogliarellista di Zagabria in un peepshow, fino alla fotografia di Untitled dove immortala la rimozione dei lampadari dalla Chiesa di Sant’Ignazio a Dubrovnik – durante le guerre in Jugoslavia nel 1997 – e Dubrovnik-Valencia-Dubrovnik, performance del 2003, dove cuce sulla sua pelle i bottoni che simboleggiano ogni amico perso durante la guerra, simboleggiando il dolore di un lutto che non vuole andare via.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Angelina Mango è pronta per l'Eurovision Song Contest che si terrà a maggio in Svezia

Perché Angelina Mango può vincere Eurovision 2024

Musica - Emanuele Corbo 11.4.24
Transgender triptorelina

Germania, approvata legge sull’autodeterminazione: “Le persone trans esistono e meritano riconoscimento”

News - Redazione 15.4.24
Challengers Guadagnino Josh O Connor Mike Faist Zendaya

Challengers, lo sceneggiatore Justin Kuritzkes: “Il tennis è davvero omoerotico”

Cinema - Mandalina Di Biase 15.4.24
Pietro Fanelli, Isola dei Famosi 2024

Pietro Fanelli, chi è il naufrago dell’Isola dei Famosi 2024?

Culture - Luca Diana 10.4.24
Marco Mengoni per un noto brand di gioielli

Marco Mengoni è un gioiello, ma la verità è che tutti guardano un’altra cosa

Musica - Emanuele Corbo 10.4.24
Marcella Bella e l'etichetta di "icona gay". A Belve non sa cosa significhi LGBT: "Lesbiche, gay, travestiti?" (VIDEO) - Marcella Bella a Belve - Gay.it

Marcella Bella e l’etichetta di “icona gay”. A Belve non sa cosa significhi LGBT: “Lesbiche, gay, travestiti?” (VIDEO)

Culture - Redazione 16.4.24

I nostri contenuti
sono diversi

Biennale Arte Venezia 2024 - Foreign Everywhere by Adriano Pedrosa

Siamo ovunque: cosa aspettarci dalla Biennale queer e decolonizzata di Adriano Pedrosa

Culture - Redazione Milano 2.2.24
Andrea Tarella - Gay.it intervista

Le creature fantastiche di Andrea Tarella “Ho galline in giardino, un fagiano, un’iguana, un drago barbuto, e tanti acquari intorno a me”

Culture - Riccardo Conte 20.2.24
Buttafuoco presidente della Biennale di Venezia: per lui gli omosessuali rivendicano diritti che hanno già - Progetto senza titolo e1698333924970 - Gay.it

Buttafuoco presidente della Biennale di Venezia: per lui gli omosessuali rivendicano diritti che hanno già

Culture - Redazione Milano 26.10.23
Rooy Charlie Lana

Vergognarsi e spogliarsi lo stesso: intervista con Rooy Charlie Lana, tra desiderio e non binarismo

Culture - Riccardo Conte 29.2.24
Michele Bravi ritratto da Mauro Balletti per 'Tu cosa vedi quando chiudi gli occhi?'

L’atlante di Michele Bravi, tra poesie e pornostar – l’intervista

Musica - Riccardo Conte 9.4.24
rivolta pride 2024, il 6 luglio a bologna

Rivolta Pride 2024: a Bologna sabato 6 luglio

News - Redazione 2.3.24
Max Peiffer Watenphul. Dal Bauhaus all'Italia

Max Peiffer Watenphul e la scena queer mai più dimenticata della scuola Bauhaus

Culture - Redazione Milano 30.11.23
michael-stipe-binarismo-di-genere

Michael Stipe sul binarismo di genere: “Nel ventunesimo secolo stiamo riconoscendo le zone grigie”

Musica - Francesca Di Feo 15.12.23