Venezia 77, Pedro Almodovar presenta The Human Voice con Tilda Swinton: “Ora ho scritto un western distopico”

Primo progetto in lingua inglese per il 70enne regista spagnolo, rimasto folgorato dall'incontro con Tilda Swinton.

Venezia 77, Pedro Almodovar presenta The Human Voice con Tilda Swinton: "Ora ho scritto un western distopico" - Venezia 77 Pedro Almodovar presenta The Human Voice con Tilda Swinton - Gay.it
2 min. di lettura

70 anni e non sentirli. A un anno dall’uscita in sala del meraviglioso Dolor y Gloria, Pedro Almodovar è arrivato al Lido di Venezia per presentare fuori concorso il corto The Human Voice con Tilda Swinton, liberamente tratto da Jean Cocteau. Il primo progetto in lingua inglese per il leggendario regista spagnolo, due volte premio Oscar, che ha girato il tutto a tempo di record subito dopo il lockdown da Covid-19.

Jean Cocteau m’ispirò già ne La legge del desiderio, in una scena con Carmen Maura. Poi l’idea è tornata in Donne sull’orlo di una crisi di nervi, si trattava di riprendere un po’ questi concetti. È l’attesa di una telefonata delirante, qualcosa di molto interessante: una donna sola, un cane abbandonato. L’abbandono mi è sempre interessato. Penso che dopo questa, sarà l’ultima volta con Cocteau. Il lockdown ci ha costretti a casa e diverse cose sono state dimostrate: ad esempio quanto la gente dipenda dalla fiction, e dalla cultura, quanto abbiano riempito dal nostro tempo. Le piattaforme hanno svolto un ruolo fondamentale ma avverto un altro risultato, in negativo, cioè abbiamo percepito la casa come reclusione, seppur in modo sedentario si possa far tutto. Non mi piace che la reclusione continui nel tempo e il cinema è l’opposto: andare al cinema è un’avventura che comincia dal vestirsi, poi uscire, essere in strada e condividere infine un luogo con degli sconosciuti, un’esperienza catartica umana fondamentale. Da regista e spettatore, la sala, con il respiro della gente, mi dà delle sensazioni. Subito dopo il lockdown ho fatto questo film e il mese prossimo ne comincio un altro: bisogna fare cinema per far andare al cinema.

Almodovar tornerà infatti ad incrociare Penelope Cruz con Madres paralelas, ma nel frattempo si è goduto l’incontro con la divina Tilda Swinton, Leone alla Carriera di Venezia 77 che ha così commentato l’incontro con il regista: “Il mio rapporto con il cinema di Almodóvar è iniziato con Donne sull’orlo di una crisi di nervi. È stato il momento in cui mi sono innamorata del suo cinema. Ho un amico, in Scozia, monaco benedettino: 12 anni fa gli chiesi di pregare per me perché potessi lavorare con Pedro. Non parlo spagnolo ma il cinema crea complicità e questo è un sogno che si realizza. Una delle illusioni con cui mi confronto di più è la capacità di comunicare, che mi rende devota all’arte e alla vita”.

“Mi piacerebbe che questo idillio con Tilda andasse avanti, ci lavorerò su”, ha commentato Pedro. “Quando scopri che la chimica con un attore è unica, perché ti dà la capacità di andare lontano e moltiplicare il tuo talento”. Nell’attesa il regista ha parlato del suo prossimo futuro, fitto di progetti: “Da Julieta mi sto proiettando in una narrazione più contenuta, con meno elementi ma analizzati in modo più profondo: voglio investigare. Il corto è molto barocco, contiene tutti i colori che a me piacciono, come baracco è il monologo. Ho scritto due sceneggiature che mi piacerebbe fare con lo stesso senso di libertà. Hanno un’aria teatrale, uno è un western particolare, Strana forma di vita s’intitola, ed è come un fado, una sorta di distopia”.

https://www.instagram.com/p/CEq9pupJs1q/

https://www.instagram.com/p/CEpg98rpvo1/

Fonte: Cinecittànews

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Andrew Scott per Quinn (2024)

Andrew Scott presta la voce ad un’app di racconti erotici

Culture - Redazione Milano 16.5.24
Beatrice Quinta, da X Factor al primo EP

Beatrice Quinta: “Parlo sempre di sesso perché ho scoperto che posso godere” – Intervista

Musica - Emanuele Corbo 20.5.24
HUGO™ 2: recensione dei due nuovi massaggiatori prostatici della LELO (che gli uomini sposati amano) - 1000056146 01 - Gay.it

HUGO™ 2: recensione dei due nuovi massaggiatori prostatici della LELO (che gli uomini sposati amano)

Corpi - Gio Arcuri 29.1.24
©AFP

Meryl Streep è nessunə e tuttə noi

Cinema - Riccardo Conte 20.5.24
Elezioni Europee e voto LGBTI+, guida alle candidature che aderiscono a #ComeOut4EU il programma di Ilga Europe - Elezioni Europee ecco i 26 candidati italiani - Gay.it

Elezioni Europee e voto LGBTI+, guida alle candidature che aderiscono a #ComeOut4EU il programma di Ilga Europe

News - Lorenzo Ottanelli 20.5.24
Il masturbatore nella versione standard LELO F1S V3

Recensione di LELO F1S™ V3: il masturbatore per persone pene-dotate che usa le onde sonore e l’intelligenza artificiale

Corpi - Gio Arcuri 10.4.24

I nostri contenuti
sono diversi

Venezia 2024, la leggendaria Isabelle Huppert presidente di giuria della Mostra del Cinema - Isabelle Huppert - Gay.it

Venezia 2024, la leggendaria Isabelle Huppert presidente di giuria della Mostra del Cinema

News - Redazione 8.5.24