Don Andrea Gallo e la consegna del “Premio personaggio gay”

di

Il prete di Genova ritira il premio "Personaggio gay dell'anno" durante la serata conclusiva del Mardi Gras di Torre del Lago. Un'occasione per ripercorrere la sua storia al...

7994 1

Guarda i video dell’incontro

Dal noviziato agli incontri con le gerarchie di una Chiesa che non rinnega ma dalla quale lo separano posizioni inconciliabili. E’ questo il senso dell’incontro tra Don Andrea Gallo e il pubblico del Mardi Gras di Torre del Lago dove gli è stato conferito il premio "Personaggio gay dell’anno". L’annuale riconoscimento istituito da Gay.it è andato appunto al prelato che per le sue posizioni da anni si distingue dall Chiesa che per questo spesso lo convoca, e gli tira le orecchie.

Il piacere del sesso, il sesso sicuro, il sesso. E’ un tema caro ad Andrea, come si fa chiamare da Alessio De Giorgi, Regina Satariano e Regina Miami che lo interrogano sul suo passato e presente in un percorso che lo porta fino ai giorni nostri affianco dellle persone trans, ultima delle sue tante battaglie. "In seminario ci insegnavano a rimproverare chi confessava di provare piacere nella masturbazione", ricorda. "Nelle unità di strada diamo i preservativi, e per questo sono stato convocato dal mio Cardinale". Da Genova ne sono passati cinque di cardinali, e tutti hanno trovato qualcosa da rimproverargli ma nessuno di loro ha mai avuto il coraggio di scomunicarlo: "in fondo sono stati buoni con me".

In conclusione Don Gallo fa un omaggio a De Andrè, anzi, al Vangelo secondo De Andrè, che "è l’unico che li riassume tutti", dice: una lettera scritta quando il cantante è morto. "Portala a Dori Ghezzi, mi disse chi l’ha scritta, e io ve la voglio regalare". Un testo che è un inno agli ultimi, gli stessi che da anni sono a fianco di Andrea.

Guarda i video dell’incontro

Leggi   Una vita al sapor di birra: la storia di Marcella
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...