Con o senza Oscar, Trace Lysette ha già vinto per la comunità trans*

L'attrice di MONICA racconta i traguardi e le soddisfazioni dell'ultima annata, tra lettere di supporto e la volontà di aprire sempre più porte.

ascolta:
0:00
-
0:00
Trace Lysette (ELLE)
Trace Lysette (ELLE)
3 min. di lettura

Il prossimo 24 Gennaio saranno annunciate le nomination agli Oscar 2024.

Non è un segreto che noi come tantə altrə, teniamo le dita incrociate su Tracy Lysette in MONICA: non vogliamo crearci false speranze, ma se gli Academy si svegliassero, l’attrice quarantaduenne potrebbe essere la prima donna trans* candidata come Migliore Attrice.

Solo nel 2022 è stata la prima donna trans* in gara per la Coppa Volpi alla 79esima Mostra del Cinema di Venezia, e nel 2023 si è aggiudicata la nomination agli Spirit Independent Awards (la quinta attrice trans a venir candidata, dopo Mya Taylor and Kitana Kiki Rodriguez per Tangerine, Patti Harrison per Together Together, e Harmony Santana per  Gun Hill Road).

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Trace Lysette (@tracelysette)

Nonostante il successo di MONICA, Lysette non sembra tra i nomi di punta per la stagione dei premi, ma speriamo in una sorpresa last minute. Intervistata da Variety, l’attrice spiega che questo momento è molto più di un semplice trofeo: non riguarda solo lei, ma un’intera comunità che ancora oggi rimane invisibile. Non da meno in un’industria dove è sempre più difficile trovare finanziamenti per raccontare storie autentiche. Come spiega Lysette, la rappresentazione trans* sembra interessare tuttə finché a raccontarlo o interpretarlo non sono le persone trans* stesse.

So che la mia performance è valida e meritevole – me l’hanno detto a Venezia. Ma anche lì, è stata una lotta.” spiega a Variety “Spesso penso che se un attore cis fosse andato a Venezia e avesse ricevuto una standing ovation di 11 minuti per aver interpretato un personaggio trans*, l’Academy verrebbe nei pantaloni e le opportunità pubblicitarie sarebbero allucinanti. Per questo è deprimente. Ma sto facendo del mio meglio per concentrarmi sul positivo. In qualunque modo vada, questo lavoro ha già cambiato la vita delle persone. E questo quello che mi tengo stretta

MONICA di Andrea Pallaoro è un piccolo miracolo: uno di quei rari casi dove un regista ascolta e accoglie le accortezze e le richieste della sua protagonista, senza confinarla in una narrazione precostituita o ‘accomodante’ per il pubblico: “Le note principali riguardavano il lavoro sessuale” dice Lysette. La sua Monica è una donna trans* torna nella casa dov’è cresciuta dopo tanti anni per accudire sua madre malata (Patricia Clarkson).

Lysette ci ha tenuto a sottolineare che la sua protagonista – come tante altre donne trans*– si mantiene anche attraverso il sex work, e lo fa con estrema dignità e zero pietismi: “Quella è la realtà. Le persone devono sapere come si guadagna da vivere. “ dice sempre a Variety “È stata la realtà di tante donne trans che conosco – è un aspetto molto duro e freddo della realtà. Ed era importante per me mostrare la dualità di come le mani che le permettevano di avere un tetto sopra le testa dando piacere agli uomini, erano le stesse mani che massaggiavano la schiena di sua madre e la stringevano quando piangeva. Quella dualità è potente per me, è vita vera” 

Con o senza la benedizione degli Academy, MONICA ha già cambiato la vita di moltə: sia Lysette che Clarkson dichiarano di ricevere una valanga di lettere da persone in tutta la nazione, che vedendo il film si sono sentite finalmente vistə e riconosciutə. Per Lysette è molto più che motivo d’orgoglio: “Penso sia amplificato da tutte le leggi che hanno introdotto quest’anno – oltre 500 legislazioni per rendere la nostra vita più difficile. La violenza che sopportiamo ogni giorno nel mondo”.

Per Lysette questa è una lettera d’amore a quando era solo una bambina che riceveva fischi e insulti, e “tutte le piccole regine lì fuori. Tutte le piccole bambine queer che resistono a tutto questo per essere diverse“.  Come spiega l’attrice, non si tratta di sopravvivere, ma di fiorire sempre di più. Non inutili tokenismi, ma sedersi attivamente intorno al tavolo con un ruolo attivo e centrale: “Capisci che se sei abbastanza fortunatə da entrare in quelle porte, devi assicurarti che anche lə altrə possano entrare. E sostanzialmente questo il mio lavoro da una vita”.

@tracelysetteYou aint fooling nobody Dave♬ original sound – Trace Lysette

Nelle ultime ore Lysette ha anche risposto a Dave Chappelle e il suo spettacolo transfobico The Dreamer (sì, ancora una volta: aveva già iniziato nel 2021): un’ossessione che Lysette paragona all’ego ferito di un cliente che non riceve attenzioni dalla sex worker. “Non so quale bambola ha ferito Dave Chappell. Non lo so davvero, ma sembra un cliente insoddisfatto che fa battute rancorose” dice l’attrice su TikTok “Dio mio, chi crea tre spettacoli di stand up sulle donne trans* perché non ce la fa? Aiutatelo”.

 

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Selvaggia Lucarelli vs. Paolo Stella: "Ci sbatte in faccia il privilegio ottenuto senza alcun talento specifico" - Selvaggia Lucarelli vs. Paolo Stella - Gay.it

Selvaggia Lucarelli vs. Paolo Stella: “Ci sbatte in faccia il privilegio ottenuto senza alcun talento specifico”

Culture - Redazione 18.7.24
Emmy 2024, tutte le nomination. Boom di candidature LGBTQIA+, storica Nava Mau - emmy 2024 cover - Gay.it

Emmy 2024, tutte le nomination. Boom di candidature LGBTQIA+, storica Nava Mau

Culture - Federico Boni 18.7.24
Paola Turci e Francesca Pascale sarebbero in crisi

Paola Turci e Francesca Pascale hanno sciolto la loro unione civile

News - Redazione 18.7.24
spiagge gay italiane spiagge queer lgbtqia

Speciale Spiagge 2024: 100 spiagge gay in Italia da non perdere

Viaggi - Redazione 1.7.24
Rocco Barocco attacca il Pride

Rocco Barocco, lo stilista apertamente gay attacca il Pride

News - Mandalina Di Biase 17.7.24
B&B rifiuta coppia omosessuale a Busca in provincia di Cuneo

B&B di Busca che rifiuta omosessuali scovato da Gay.it: Booking.com non elimina l’annuncio, la titolare fornisce nuove versioni omofobe ai quotidiani

News - Giuliano Federico 16.7.24

Continua a leggere

trans-visibility-night-star-t-2024

Torino ospita la quarta edizione di Star.T: una notte dedicata alla visibilità trans per celebrare storie, talenti e memoria

Culture - Francesca Di Feo 15.3.24
uomini-transgender-gravidanza

Uomini transgender e gravidanza, perché parlare di rischi? Parola al dottor Converti, presidente di Amigay

News - Francesca Di Feo 24.1.24
Andrew Scott per Wonderland Magazine (2023)

Andrew Scott è stato snobbato agli Oscar perché gay?

Culture - Redazione Milano 27.2.24
Lux Pascal, la sorella di Pedro Pascal nel cast di Summer War. Sarà il suo primo film dopo il coming out - Lux Pascal e Pedro - Gay.it

Lux Pascal, la sorella di Pedro Pascal nel cast di Summer War. Sarà il suo primo film dopo il coming out

News - Redazione 23.2.24
stati-uniti-carolina-del-sud-terapie-affermative-minori

Stati Uniti, la Carolina del Sud diventa il 25° stato USA a bandire le terapie affermative per l* minori trans

News - Francesca Di Feo 23.5.24
Monkey Man e gli hijra, Dev Patel e il terzo genere indiano: "Un inno per i senza voce, gli emarginati" - dev - Gay.it

Monkey Man e gli hijra, Dev Patel e il terzo genere indiano: “Un inno per i senza voce, gli emarginati”

Cinema - Redazione 9.4.24
x-politiche-deadnaming-misgendering

X reintroduce le politiche di moderazione contro deadnaming e misgendering

News - Francesca Di Feo 6.3.24
Il secondo miglior ospedale della galassia, transidentità animate con Vladimir Luxuria e Ariete doppiatrici - Il secondo miglior ospedale della galassia - Gay.it

Il secondo miglior ospedale della galassia, transidentità animate con Vladimir Luxuria e Ariete doppiatrici

Serie Tv - Redazione 7.2.24