Il sottosegretario NCD: “Vendola e le sue mani fresche di manicure”

di

Cassano usa frasi omofobe contro Vendola. Sel, Lo Giudice e Civati: "Fuori dal governo"

4399 0

“Signor Vendola, la vera differenza tra me e lei sta nelle mani. Le sue sono fresche di continue ripassate dalla manicure, le mie hanno i calli che distinguono chi è nato nelle periferie diroccate delle nostre città del Sud – mondo a lei e ai suoi sconosciuto”. E poi anche: “Vendola non ha provato la gioia di essere padre e marito”. Così, il sottosegretario al Lavoro di NCD Massimo Cassano si è rivolto al presidente della Puglia Nichi Vendola che aveva definito “una roba da Stephen King” la possibilità che Sel di allei con il partito di Alfano.

Le reazioni

Le dichiarazioni di Cassano non hanno mancato di scatenare reazioni, a partire allo stesso Vendola che ha risposto chiedendone le dimissioni dal governo. “Un uomo senza niente nel proprio curriculum – ha commentato il leader di Sel -, che è sottosegretario per grazia ricevuta, che si permette di esprimere parole così offensive, da omofobo bigotto quale egli finge di essere, dovrebbe essere cacciato dal governo per ragioni di decoro pubblico”.

Sulla stessa linea il suo partito. Ma a chiedere le dimissioni di Cassano, che ha risposto dicendo che il governatore della Puglia fa un “uso strumentale, ipocrita e fuori luogo dell’omosessualità”, si sono aggiunti anche alcuni esponenti del Pd.

Dal Pd

“Massimo Cassano ha passato il segno – ha commentato Sergio Lo Giudice, senatore dei democratici -. Un esponente di governo che si permette di schernire un uomo politico per la sua omosessualità offende prima di tutto il ruolo che ricopre. Se non è in grado di abbandonare i suoi rozzi pregiudizi,abbandoni l’incarico di sottosegretario”.

Gli fa eco Pippo Civati. “In attesa di approvare la legge sull’omofobia – ha dichiarato Civati – potremmo allontanare gli omofobi dal governo. È il caso del sottosegretario – che non merita nemmeno la citazione – che ha attaccato Nichi Vendola con un linguaggio incredibilmente omofobo e non degno di una persona che rappresenta un ministero della Repubblica, oltretutto con i nostri voti”.

Leggi   Cina, elettroshock e terapie riparative per i gay: il racconto dell'inferno
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...