JEAN & RAYMOND

di

La storia d'amore di Jean Cocteau e Raymond Radiguet

CONDIVIDI
0 Condivisioni Facebook Twitter Google WhatsApp
0

Clicca mi piace per non perdere nemmeno una notizia.


COPPIE GAY CELEBRI

E’ la nuova sezione della rubrica History, che prende vita questa settimana e vi accompagnerà per tutta l’estate, con scadenza quindicinale.

In ordine assolutamente NON cronologico (non siamo mica a scuola, grazie a Dio!), verranno narrate e romanzate per voi, illustrissimi, da Mira, la nostra esperta in Pettegolezzi&C., le Gesta Amorose di famosi personaggi dello Spettacolo e della Cultura, dell’attualità o del passato, di ogni parte del mondo.

Per dimostrare che le Grandi Storie d’Amore, che iniziano, durano nel tempo o finiscono, non sono solo quelle etero -stile Albano&Romina- e che, anzi, quando un Gay ama… ma lasciamo a voi le conclusioni.

BUONA LETTURA!

Era un pomeriggio del giugno 1918, quando la cameriera entrò nello studio di Jean e annunciò: "Signore, c’è un bambino che chiede di lei!!". Ad un tratto, la porta si spalancò sonoramente e Raymond entrò, come una furia, nella vita di Jean, per non uscirne mai più.. Lo sguardo del ventinovenne Cocteau si posò svogliatamente sul quindicenne che, estratti alcuni fogli stropicciati dalle tasche, li spiegò e cominciò a declamare i propri poemi. Intanto, Jean lasciava vagare l’occhio e lo valutava: bella testa di capelli castani, faccia fresca e regolare, corpo snello, mani eleganti, due occhi castani dalle ciglia lunghissime e dall’espressione decisamente diabolica. "Pantaloni non abbastanza stretti. Non si può indovinare molto.. peccato", pensò. E subito si meravigliò di se stesso. Infatti era la prima volta che si occupava del fisico di un maschietto. Benché le donne non lo interessassero affatto, nemmeno per gli uomini aveva mai provato tale trasporto.. fino a quel giorno, quando si accorse che là, tra le gambe, quel pezzo di carne di cui non sapeva che fare, cominciava a vibrare. "Mi sto innamorando..", pensò Jean, e il suo volto, di conseguenza, si rilassò.

CONTINUA A LEGGERE...

Tutti gli articoli su:


Commenta l'articolo...